Enzo Cuzzola, alle Finanze l’esperto che ha impedito il dissesto. Ad Avellino si nomina la Giunta

Nella Giunta di Gianluca Festa attesa per oggi rappresenta la novità nella continuità. Per il resto le indiscrezioni danno nell'esecutivo 6 interni su 9. Opposizioni per ora silenti. Sono lontani le vigilie degli insediamenti di Gianluca Galasso nel 2009 e Paolo Foti nel 2013

Enzo Cuzzola, assessore alle Finanze in pectore al Comune di Avellino

Enzo Cuzzola guiderà l’Assessorato alle Finanze e al Bilancio al Comune di Avellino, se le indiscrezioni saranno confermate dai decreti del Sindaco Gianluca Festa attesi per oggi. In caso di nomina rappresenterebbe la vera novità nella continuità. Si può ben dire sua stato la figura chiave nella vittoria degli Uffici sull’allora Sindaco Vincenzo Ciampi, quando con i suoi assessori pentastellati ha cercato in ogni modo di arrivare a dichiarare il dissesto. Porta la firma di Enzo Cuzzola la valutazione commissionata dal Ragioniere capo di Piazza del Popolo, Gianluigi Marotta, sulla attuabilità del piano di rientro in 15 anni del disavanzo, prospettata all’amministrazione comunale. Esperto di bilanci e strategia finanziarie degli enti pubblici, con meriti e riconoscimenti che gli hanno conferito fama nazionale, già assessore alle Finanze del Comune di Messina, dirigente a Reggio Calabria e consulente in diverse città italiane, Enzo Cuzzola conosce a fondo i conti del Comune di Avellino, l’Ufficio Ragioneria e il Piano di risanamento in vigore grazie all’opera della terna commissariale guidata da Giuseppe Priolo. Nel settore chiave degli ultimi anni, evidentemente, il Sindaco di Avellino punta a garantire la massima continuità nel solco tracciato da Priolo, nella armonia e nella coesione ritrovata al secondo piano di piazza del Popolo, dopo i turbini e le tensioni iniziati un anno fa proprio di questi tempi. I conti del Comune di Avellino sono stati certificati il 9 luglio alla presenza della terna commissariale, del Ragioniere Capo, dei rappresentanti della Tesoreria, della Banca d’Italia e delle Poste Italiane, dei Revisori dei Conti. Il verbale, che reca in calce la prima firma del Sindaco, consentirà a Gianluca Festa e a Enzo Cuzzola di affrontare almeno per quest’anno (fino alla chiusura del prossimo esercizio) con serenità il confronto sui temi finanziari con le opposizioni, che da dieci anni hanno costruito sui dubbi una immagine di fragilità e di precarietà delle amministrazioni susseguitesi dal 2009. I nove milioni abbondanti in cassa, sia pure vincolati, la certezza del riassorbimento della peraltro non ragguardevole esposizione, gli adempimenti contabili obbligatori tutti approvati per quest’anno, mettono nelle condizioni ottimali Festa di sviluppare il suo mandato in chiave progettuale e Cuzzola di programmare i margini di manovra nella prospettiva del bilancio previsionale del 2020.


IL VERBALE DELLO STATO FINANZIARIO DELL’ENTE AGGIORNATO AL 9 LUGLIO. JJ


UN ESECUTIVO POLITICO. In queste ore il Sindaco di Avellino firmerà i decreti di nomina degli assessori, formando la giunta con cui si riunirà in vista del consiglio comunale che ha convocato per il prossimo 16 luglio. Avendo ormai acquisito il pieno controllo dei numeri, dai conti comunali certificati alle disponibilità per gli investimenti presso la Regione Campania, a un mese abbondante dal ballottaggio del 9 giugno, il Sindaco può avviare pienamente l’attività amministrativa in un clima di serenità accentuato dal profilo di una opposizione che quest’anno si caratterizza per la sua sobrietà. Non si può proprio dire che il Primo Cittadino neo eletto senta il fiato sul collo della minoranza. A differenza di quanto accadde a Gianluca Galasso nel 2009 e a Paolo Foti nel 2013, quando ebbero problemi politici e polemiche violentissime perfino alla presentazione degli indirizzi di governo, Gianluca Festa si ritrova una opposizione al momento lontana dal Palazzo. In questo primo mese dopo l’esito del voto il silenzio è stato assordante, per usare una espressione abusata ma efficace in questa singolare circostanza.

Ugo Maggio e Gianluca Festa

LA POSSIBILE COMPOSIZIONE DELLA GIUNTA. Se le indiscrezioni saranno confermate, la prima Giunta di Gianluca Festa sarà composta così:

  1. LAURA NARGI Vicesindaco e Assessore alle Attività Produttive e Personale
  2. ENZO CUZZOLA Assessore alle Finanze e Bilancio
  3. GERMANA DI FALCO Assessore Fondi Europei
  4. ANTONIO GENOVESE Assessore ai Lavori Pubblici
  5. EMMA BUONDONNO Assessore all’Urbanistica e Uso del Territorio
  6. GIUSEPPE NEGRONE Assessore Ecologia e Ambiente
  7. MARIANNA MAZZA Assessore al Patrimonio e al Contezioso
  8. GIUSEPPE GIACOBBE Assessore allo  Sport, Pubblica Istruzione ed Edilizia Scolastica
  9. STEFANO LUONGO Assessore alle Politiche Giovanili

Le Deleghe alla Cultura e alle Politiche Sociali restano in capo al Sindaco

Laura Nargi

SEDUTA CONSILIARE INAUGURALE IL 16 LUGLIO ALLE 8.30. Il Consiglio comunale è convocato il 16 luglio alle ore 8.30. Una scelta che probabilmente terra lontana una parte del pubblico, almeno nella prima parte, quella dominata dalle elezioni del Presidente e del Vicepresidente. Dopo l’esame delle condizioni degli eletti e la convalida del Sindaco e del Consiglio comunale, si eleggeranno i vertici dell’assemblea, prima del giuramento in aula del Sindaco. La nomina della Commissione Elettorale precederà poi gli Indirizzi generali di governo. Nell’ordine del giorno non è stato inserito il punto specifico, ma con la nomina degli interni in Consiglio si dovrà procedere con la surrogs dei consiglieri cooptati nell’esecutivo. Se saranno confermati nomi che circolano, entreranno i primi dei non eletti: nel gruppo “Ora Avellino”, Carmine Di Sapio e Mirko Petrozziello; nel gruppo “Davvero”: Mario Spiniello, Elia De Simone e Jessica Tomasetta; nel gruppo “Vera Avellino” Gabriella D’Aliasi.


LEGGI ANCHE:

Comune di Avellino, Cuzzola: non vedo condizioni per il dissesto

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI