Gianluca Festa: “Negozi a Pianodardine e incentivi agli esercenti. Ecco il Piano per il commercio ad Avellino”

Il candidato sindaco della coalizione civica ha indicato la sua proposta per rilanciare il settore al termine dell’incontro tenuto stamani con i vertici provinciali della Confimprenditori. «Ripristineremo la tradizionale vocazione della città rendendola nuovamente attrattiva»

Gianluca Festa, candidato sindaco di Avellino, e Gerardo Santoli, presidente di Confimprenditori

Il candidato sindaco Gianluca Festa ha indicato la sua proposta per rilanciare ad Avellino il commercio e le attività produttive. Lo ha fatto a margine dell’incontro tenuto stamani con i vertici provinciali della Confimprenditori. «La nostra amministrazione avrà un’attenzione particolare per il commercio, che ha sempre costituito il cuore dell’economia cittadina, anche se negli negli ultimi anni sta patendo un forte momento di crisi», ha dichiarato al termine dei lavori. «Noi siamo pronti a realizzare un programma che prevede punti concreti, come i finanziamenti rivolti alle attività commerciali del centro storico, grazie ai fondi messi a disposizione dal Piano Integrato Città sostenibile, ed attraverso l’organizzazione di eventi che vedranno coinvolta tutta la città». Inoltre, «dopo aver approvato il ritorno di Avellino nell’Asi, proveremo anche a prevedere nella zona di Pianodardine l’autorizzazione all’insediamento di attività commerciali».

Gianluca Festa, candidato sindaco con le liste Vera, Davvero, W la Libertà e Ora Avellino

Festa punta su un’operazione di riassetto urbano per rendere più accogliente una città, che intende rendere finalmente attrattiva. «In questi ultimi anni i nostri esercizi commerciali hanno registrato una fase di grande difficoltà. Noi partiremo, dando attuazione a un piano di interventi che servirà a ridare centralità al Capoluogo affinché torni ad essere riferimento per l’intera provincia. Come? Riqualificando i nostri quartieri, sostenendo concretamente nuovi insediamenti le buone attività e favorendo l’organizzazione di eventi che servano a far restare la gente in città e ad attrarre quella che, negli ultimi anni, ha scelto di andare altrove. Le iniziative che abbiamo in mente dovranno rispecchiare le nostre peculiarità, le nostre tradizioni e saranno adeguate alla nostra realtà».

Il centro storico di Avellino visto dal parco urbano di Santo Spirito, attraversato dal Torrente Fenestrelle

Le coperture finanziarie per questo obiettivo sono già disponibili, precisa. «Le risorse messe a disposizione dalla Regione per il Pics, Piano Integrato Città Sostenibile, dovranno essere impiegate con intelligenza, affinché ne possano trarre gli esercizi commerciali e le poche botteghe artigianali ancora attive», aggiunge il candidato. «In tal senso punteremo non solo sul rilancio del centro storico, che merita un’attenzione specifica, ma anche e soprattutto sul coinvolgimento, in sinergia, di tutti i quartieri della città. Nel contempo rivedremo ed attueremo un piano per la mobilità che superi finalmente le criticità che hanno ulteriormente penalizzato il settore». Ed ha concluso: «Anche per i nostri commercianti, il cambiamento che abbiamo in mente è fatto di concretezza, e non di promesse infondate. Anche per loro – conclude – sarò il sindaco di tutti. E anche per loro vinceremo questa partita».


LEGGI ANCHE:

«Grandi nomi per la giunta e esperti per l’attuazione del programma». Gianluca Festa: Avellino tornerà una città normale

ARTICOLI CORRELATI