Treno Frecciarossa

Con il nuovo piano industriale Ferrovie dello Stato offre opportunità di lavoro in tutta Italia con 120mila nuovi posti in arrivo. Si annunciano decine di migliaia di assunzioni spalmate tra ora e i prossimi cinque anni, quindi tra il 2019 e il 2023.

Il Piano Industriale 2019 – 2020 prevede investimenti per ben 58 miliardi di euro nelle infrastrutture con l’obiettivo di migliorare il sistema infrastrutturale italiano, sia rinnovando la flotta dei treni regionali, sia rilanciando anche il servizio di trasporto dei pendolari. Il piano comprende gli investimenti negli autobus e nei cantieri dell’alta velocità-capacità, oltre che per digitalizzare il Gruppo. Delle 120mila assunzioni previste, circa 15mila riguardano direttamente in Ferrovie dello Stato. Da subito, cioè nell’arco dei prossimi due mesi, entreranno 4mila persone, tra cui 1.100 addetti alla manutenzione e alla circolazione dei treni all’interno della Rfi, Rete Ferroviaria Italiana. Per le prime mille sono in corso le selezioni.

L’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Francesco Battisti

«FERROVIE DELLO STATO SI RINNOVA». L’ad Gianfranco Battisti ha spiegato sul sito istituzionale già nel gennaio scorso gli obiettivi immediati del piano di assunzioni. «È già stato avviato un importante processo di ricambio generazionale che sarà consolidato nell’anno appena iniziato con oltre 4mila assunzioni, di cui 450 per Anas, tutte da mercato. Assunzioni che interesseranno tutti i settori operativi e strategici dell’azienda. Capistazione, macchinisti e capitreno, ma anche manutentori di treni e di infrastrutture ferroviarie e stradali, senza dimenticare le assunzioni previste per potenziare l’assistenza e la security per le persone che ogni giorno scelgono il treno per muoversi e quelle per nuovi autisti e nei settori della logistica e delle merci», si legge. Il piano di assunzioni «permetterà di consolidare il ricambio generazionale, già avviato, per le figure professionali a maggiore valenza industriale e produttiva», si legge ancora. «Con il nuovo piano di assunzione sarà data l’opportunità, a tanti giovani neolaureati e a figure con esperienze già consolidate, di lavorare in uno fra i più grandi gruppi industriali, primo per investimenti in Italia».

PER CANDIDARSI. Sono state già fissate alcune scadenze per segnala la propria candidatura. Il 16 aprile si terrà il ‘recruiting day’ per le selezioni di RFI e il 17 aprile si terrà il ‘recruiting day’ per le selezioni di Italferr e Ferservizi. Le registrazioni per partecipare al Recruiting Day saranno aperte fino al 1 aprile.  «I candidati che supereranno la selezione digitale parteciperanno a una giornata di assessment a Roma il 16 e il 17 aprile», si legge sulla pagina http://fsrecruiting.it di Ferrovie dello Stato.


| Per Candidarsi o saperne di più: FS RECRUTING | oppure | Campagna di ricerca |  FAQ per info: Come candidarti | Candidatura spontanea | Link da Fs Italiane


La raccolta delle candidature avviene attraverso la pagina dedicata alle carriere cliccando su “Lavora con noi”. Da lì si può accedere alla piattaforma su cui vengono pubblicate le posizioni aperte. C’è la sezione ‘Campagna di ricerca‘ per avere informazioni su posti disponibili e poter candidarsi inviando il proprio curriculum vitae compilando il form disponibile.

LA PRESENTAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE A GIORNI. Il Piano Industriale doveva essere presentato da settimane, ma lo slittamento è stato imposto per gli investimenti che il Gruppo Fs sta programmando con l’americana Delta nella nuova Alitalia, che andrà appunto a completare il piano complessivo della società ferroviaria.

LE CIFRE. Il dettaglio del Piano prevede l’investimento di 39 miliardi per il miglioramento del sistema infrastrutturale italiano, 13 per rinnovare la flotta di treni regionali, autobus e alta velocità, mentre altri 4 serviranno per il piano di digitalizzazione del Gruppo. L’incremento degli investimenti è pari al 60% rispetto al 2017, con una media prevista di 11-13 miliardi di euro annui contro i 7,4 miliardi del 2017.

IL GRUPPO FS.  Ferrovie dello Stato Italiane è una holding partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Capogruppo è Ferrovie dello Stato Italiane SpA che controlla, tra le altre, Trenitalia, Busitalia Sita Nord, RFI, ANAS, Grandi Stazioni Rail e Fercredit. Ferrovie dello Stato impiega più di 81mila dipendenti nei quattro settori principali: trasporto, infrastruttura, servizi immobiliari e altri servizi.


LEGGI ANCHE:

Lavoro: partito il Concorso per 10mila posti in Campania negli enti locali. Ecco profili, sedi e manuale

 

 

ARTICOLI CORRELATI