Tragedia di Via Fosso ad Avellino, si è spento Gianmarco Gimmelli

Si è spento questa mattina alle 7.30 nel reparto di rianimazione dell'Ospedale Moscati di Avellino

Si è spento questa mattina alle 7.30 Gianmarco Gimmelli, il 32enne che il 15 novembre scorso aveva ucciso a coltellate un giovane e ferito la sua ex compagna nell’appartamento di Via Fosso ad Avellino. Si era lanciato dalla finestra dopo un lungo colloquio con la polizia che dopo la tragedia aveva tentato di negoziare la sua resa.

Era stato trasferito d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Moscati di Avellino, dove è stato ricoverato in rianimazione, e dove ha combattuto a lungo fra la vita e la morte. Il suo cuore ha smesso di battere, lasciando nella disperazione incredulità amici e parenti.

Tutta la città è incredula e si interroga in queste ore sull’accaduto. Sono già centinaia i messaggi lasciati dai suoi amici sulla bacheca del suo profilo Facebook, non solo di cordoglio, ma anche di speranza “che la verità venga fuori” per fare luce sull’accaduto di quella mattina del 15 novembre. Molti lo descrivono come un angelo sempre pronto ad aiutare gli altri, e ad avere una parola di conforto per tutti.

La tragedia di Via Fosso nel quartiere Santa Lucia conta la sua seconda vittima. Quello stesso giorno ha perso la perso la vita Claudio Zaccaria, un ragazzo di 25 anni con la passione per il calcio.


LEGGI ANCHE: Sant’Angelo a Scala, l’intera comunità ai funerali di Claudio