Progetto Grotta 2030, giovani e istituzioni a confronto

Primo incontro aperto a tutti per l'Associazione Grottaminarda Città Viva. Appuntamento sabato 24. Tra gli invitati l'ex deputato Umberto Del Basso De Caro, Domenico Gambacorta sindaco di Ariano, Giuseppe Bruno (Confindustria Avellino), Maurizio Petracca, Oreste La Stella e il Cavliere De Matteis.

Grottaminarda – La città si scalda a ridosso del Natale. Leader amministrativi e imprenditori insieme. L’iniziativa dell’Associazione Grotta Città Viva, porta nella città dei servizi cittadini e istituzioni. Sabato 24 alle ore 18.00 appuntamento con Grotta 2030 presso l’Auditorium comunale. Cinque tavoli tematici per un confronto di idee tra cittadini, istituzioni ed imprenditori. Molti gli ospiti presenti: istituzioni locali, provinciali e regionali; imprenditori della zona e rappresentanti delle categorie. Tra gli altri Umberto Del Basso De Caro (deputato fino allo scorso mese di giugno), il sindaco di Ariano Irpino, Domenico Gambacorta, il presidente di Confindustria Avellino, Giuseppe Bruno, il Cavaliere Armando De Matteis, Oreste La Stella, presidente della Camera di Commercio di Avellino e Maurizio Petracca, presidente della Commissione Agricoltura della Regione Campania.

“L’evento – spiegano i giovani fondatori di Città Viva – nasce per immaginare il domani attraverso tavoli di proposta e non di solita e mera protesta”. Dunque un approccio diverso e costruttivo alle problematiche locali per il team dell’associazione nata lo scorso aprile con lo scopo di “progettare la città del futuro”.

Tra i temi oggetto dei tavoli tematici la stazione Hirpinia, le imprese e lo sviluppo economico, il commercio, l’urbanistica, l’ambiente e la vivibilità. Ancora lo sport, gli eventi e l’Università.

Circa 500 iscritti, l’Associazione è presieduta da Emanuela Ianniciello e nel direttivo ci sono giovani con un’età media di 30 anni. Vice presidente Gabriele Uva. L’appuntamento di sabato rappresenta il battesimo ufficiale delle attività in programma. In cantiere infatti ci sono anche la discussione di tematiche quali bullismo e cyberbullismo e altri temi a sfondo sociale.

Le adesioni sono aperte a quanti hanno a cuore le sorti della propria terra. Di qualsiasi età e profilo professionale.