Mercatini di Natale a Mirabella Eclano

Due weekend consecutivi nel centro della città eclanese all'insegna dello shopping natalizio, dell'incontro e della giovialità. L'iniziativa servirà anche a rivitalizzare l'economia locale.

Prima edizione dei Mercatini di Natale a Mirabella Eclano. Iniziativa promossa da un comitato cittadino costituitosi da poco. “Ci siamo fatti carico di organizzare eventi per la comunità a fronte del commissariamento e dell’annullamento delle festività in onore della Madonna Addolorata, festa principale del paese”, rende noto il gruppo di avvisti. “Presi dall’entusiamo della buona riuscita a settembre abbiamo proseguito nella scia della positività”.

Due weekend consecutivi 15 -16 dicembre e 22-23 dicembre. L’iniziativa si svolgerà lungo Corso Umberto I e Piazza XXIV Maggio. Shopping natalizio, musica, stand enogastronomici avvolti in una calorosa atmosfera natalizia. Il comitato si propone di organizzare altri appuntamenti durante l’anno che possano rivitalizzare il borgo.

I due fine settimana avranno dalla loro parte lo spirito del periodo che porta molti cittadini del comprensorio a riversarsi nelle strade. Inoltre nel bacino eclanese e ufitano Mirabella è la prima realtà a farsi avanti nella direzione dei Mercatini. Negli anni passati altri paesi avevano azzardato timidamente l’idea. Spesso rivelatasi di successo modesto causa il forte freddo. La città di Mirabella in tal senso gode anche di un clima leggermente più mite rispetto alla media di temperature che si registrano nel periodo in tutto il bacino.

Il gruppo promotore restituisce alla città la presenza di componenti giovanili frizzanti e che hanno voglia di adoperarsi. I maligni ne danno una lettura per così dire pre-elettorale. Un modo per accendere i motori e scaldare gli animi. Tuttavia nulla si può dire in tal senso. L’iniziativa al momento ha tutto l’aspetto di un’attività di tipo sociale e ricreativo.

Sicuramente il ritorno economico sarà a tutto vantaggio degli esercizi commerciali del centro urbano. Realtà di riferimento negli anni ottanta e novanta che hanno poi subito una drastica riduzione di clienti. Il transito delle spese ordinarie e festive infatti si concentra nell’area commerciale di Passo Eclano e in generale nelle grosse catene di negozi raggruppate in diversi punti della provincia. Un modo dunque per riportare l’attenzione sull’offerta eclanese che ancora esiste e ha volontà di riposizionarsi sul mercato.