Il giornalista Massimo Giletti cittadino onorario di Montefusco

Il consiglio comunale ha approvato la proposta: cerimonia ufficiale il 17 dicembre

Si consolida il legame morale e professionale di Massimo Giletti con la comunità di Montefusco. Il giornalista è cittadino onorario dell’ex capoluogo del Principato Ultra. Ieri sera il Consiglio comunale ha approvato, dopo un lungo iter, la proposta dettagliata a firma del consigliere Teresa Lombardo.

Motivazioni “ascrivibili – fa notare la giornalista Lombardo –  essenzialmente a due ordini di motivi, complementari tra loro: il primo di questi riguarda la sua caratura professionale e culturale, il secondo si collega invece alla dimensione più intima della sua vita privata, fortemente caratterizzata dalla luce della fede”.

“… L’idea di tributare – si legge nella proposta – un simile riconoscimento al dottor Giletti è però convintamente rafforzata da un terzo elemento, a mio avviso fondamentale, oltre che chiarificatore della presente richiesta: il dottor Giletti, soprattutto in questi ultimi anni di collaborazione e di vicinanza al nostro territorio, ha lasciato comunque un segno umano profondo, poiché non si è limitato ad apportare un mero contributo professionale alla kermesse culturale ‘Il Tommariello d’Oro’, cui ha sempre aderito con piacere, ma si è speso in modo più ampio, utilizzando la risonanza del suo essere un personaggio pubblico a vantaggio della valorizzazione della comunità di Montefusco.

Massimo Giletti, ad esempio, nei giorni intensi dello svolgimento della manifestazione irpina ormai divenuta di respiro nazionale, ha sempre dimostrato una speciale attenzione, non solo di tipo organizzativo ma anche e soprattutto di natura più squisitamente umana, per questi luoghi che lo hanno ospitato, poiché proprio qui il giornalista e conduttore ha ritrovato quella forte spiritualità che da sempre attraversa e sostiene il suo percorso di vita.

A Montefusco, infatti, colui che nel 2010 condusse addirittura una trasmissione dal titolo ‘Una voce per Padre Pio’, ha respirato in prima persona quel genere di fede semplice, intima e popolare che, a ben guardare, costituisce una delle vere cifre distintive  di questo nostro territorio”.

“Nel convento dei Frati Cappucini di Sant’Egidio – continua Lombardo – ancora oggi è custodita gelosamente la cella che nel 1908, per circa sei mesi, ospitò San Pio quando era ancora un giovane studente di teologia.

Questo aspetto, che agli occhi di molti può sembrare un dato isolato, ha colpito al cuore Massimo Giletti, cioè un uomo che già all’età di 8 anni, grazie alla nonna Biancamaria e alla mamma Giuliana, cominciò a conoscere e a riconoscere intimamente la dimensione della fede attraverso l’incontro dei più deboli, “… quei poveri della periferia di Torino che non avevano nulla”. “… la nonna – dichiara in un’intervista su Il Mio Papa – andava a portare loro i soldi raccolti. E’ stato il mio primo contatto con una preghiera vera, attiva”.

La richiesta di conferimento della cittadinanza onoraria a Massimo Giletti non vuole essere quindi una semplice gratificazione istituzionale, di cui sono sicura che lo stesso Giletti non abbia bisogno, ma presenta, chiaramente, una valenza molto più ampia, dal momento che, mediante un simile tributo, noi intendiamo soprattutto riconoscergli una ormai forte e profonda implicazione umana e spirituale con l’identità più intima di questi luoghi, quella religiosa.

Massimo Giletti ha infatti mostrato di saper riconoscere l’autentica bellezza del nostro piccolo borgo e della nostra terra grazie alle sue esperienze umane, mai urlate. La sua sensibilità, accresciuta notevolmente da una fede attiva, intima e discreta, si è esercitata negli anni a contatto diretto con la gente che soffre: per oltre 15 anni è stato barelliere, scegliendo di testimoniare anche così la sua profonda devozione all’amato San Pio. Sempre nell’intervista su Il Mio Papa, ricordando il ruolo cruciale ricoperto dalla figura della nonna negli anni della sua prima formazione interiore, Giletti ricorda a bassa voce e con un sottile velo di emozione di aver imparato a toccare con mano le sofferenze degli altri che in questo modo sono diventate generosamente anche le sue.

Sono queste alcune delle ragioni decisive che mi spingono a considerare il dottor Giletti un cittadino naturale di Montefusco. Se è vero infatti che la cittadinanza è innanzitutto un valore attivo sempre calato nell’identità sociale, allora non potrà più sembrare estrinseco o addirittura pretestuoso reclamare a piena voce un simile riconoscimento. Esso nasce infatti da una forma di urgente gratitudine che la nostra stessa comunità, a questo punto, non può non tramutare nel dono di una forma di cittadinanza ideale, spirituale, dove è soprattutto l’elemento vivo della fede ad unire due anime, quella di un luogo e quella di un uomo.

L’auspicabile conferimento di questa cittadinanza andrebbe, a mio avviso, dunque, a sigillare il forte legame spirituale che Massimo Giletti ha costruito, in questi anni, con la città di Montefusco; ma assumerebbe anche un altro importantissimo significato, quello di voler riconoscere in lui un giornalista, un conduttore e un autore televisivo come pochi, con la schiena dritta, con Dio stampato sul cuore e sulla pelle e sincero sostenitore della ricchezza umana e morale delle periferie, di quelle fisiche e di quelle dell’anima. Una storia di vita, la sua, nobile, tutta da scoprire, che restituisce pienamente il senso delle sue battaglie giornalistiche; una storia di vita profonda, che non si svolge in superficie, senza fronzoli, senza baratti, proprio grazie al suo rapporto speciale con la fede, mai ostentata ma sempre gelosamente custodita.

Oggi, nel nuovo scenario di La 7, dove da circa un anno, dopo una trentennale carriera di successo in Rai, conduce il suo nuovo programma ‘Non è l’Arena’, Massimo Giletti pratica quotidianamente un giornalismo gentile, pronto all’ascolto, scevro da ogni forma di compromesso e al di sopra delle parti, cosa che riesce a fare solo grazie ad una tensione morale costante, che lo rende vigile nei confronti delle continue trappole mediatiche”.

“La scelta di conferire – chiosa Lombardo –  la cittadinanza onoraria al dottor Massimo Giletti, per tutti noi, alla luce di quanto detto, non potrà essere che ragione di orgoglio, oltre a rappresentare un concreto segno di gratitudine e il coronamento definitivo di un legame morale ormai consolidato, nato – come si è detto – all’insegna del dono reciproco e della identificazione spirituale”.

“Un onore per tutti noi” – ha dichiarato il primo cittadino di Montefusco Carmine Gnerre Musto,– a margine della seduta consiliare.

Sarà proprio il sindaco con la sua squadra a consegnare, il 17 dicembre, a Massimo Giletti le chiavi della città con una pergamena che suggellerà il legame tra lo stimato e noto giornalista nonché conduttore e la comunità di Montefusco che lo accoglierà a braccia aperte.