Fungo killer della castagna, la giunta Capone allerta la Regione

In vista della 36ma edizione della Sagra della Castagna Igp di Montella, l'amministrazione comunale chiede un intervento d'urgenza della Regione Campania

Alla luce della nota del segretario del circolo del Pd di Montella Luigi Carfagno, sulla necessità di intervenire nel settore castanicolo per l’avanzata del cosiddetto ‘fungo killer’, che si abbatte sulla già esistente calamità naturale del cinipide galligeno, la giunta Capone ha prodotto un deliberato in cui conferma la crisi della castanicoltura e richiede il tempestivo intervento dei rappresentanti della Regione Campania.

In vista dell’organizzazione della 36ma edizione della “Sagra della castagna Igp” di Montella, prevista per il 2-3 e 4 novembre, l’amministrazione comunale lancia l’allarme sulle difficoltà del comparto e richiama l’attenzione su una nuova piaga che si è abbattuta sulla produzione e che sta mettendo in ginocchio la già precaria economia locale.

La giunta ha sottoscritto infatti, che risulta “emergente una nuova minaccia alla castanicoltura irpina che si identifica con il fungo denominato “Gnomognopsis” che segue la tempesta del “cinipide galligeno”che ha annientato e demolito l’economia locale. Pertanto, l’esecutivo ritiene opportuno formalizzare istanza al Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca, alla Presidente del Consiglio regionale Rosetta D’Amelio, al consigliere regionale delegato all’agricoltura Franco Alfieri, affinchè possano adottare provvedimenti “contingibili finalizzati a rendere rimedio alle calamità che hanno colpito le nostre zone interne;e a tutelare, conservare e preservare la castagna come prodotto tipico e il lavoro dei castanicoltori” si legge nel deliberato.

Sulla questione si è pronunciato anche il delegato regionale della Cia Salvatore Malerba, che oltre a rappresentare una delle più grandi aziende del montellese, è anche componente del tavolo nazionale per la castanicoltura. In una intervista concessa a Nuova Irpinia, Malerba ha confermato la necessità di intervento da parte della Regione Campania, e ha offerto nel contempo garanzie sull’impegno per la stesura di un documento con nuove linee guida da ino al consigliere delegato Alfieri.


LEGGI ANCHE: Piano speciale per la castagna, Malerba: salvare alberi e asset