Elezioni provinciali, le liste ad Avellino. Vignola sfiderà Biancardi

Presentati i candidati per la presidenza e il Consiglio di Palazzo Caracciolo.

Depositate le liste ad Avellino con i candidati alle elezioni provinciali di secondo livello in programma il 31 ottobre prossimo. Come ormai noto dalla serata di mercoledì 10 ottobre, quando la coalizione di Centrosinistra aveva annunciato di aver scelto Michele Vignola come candidato per Pd, Popolari e Socialisti, la sfida per la presidenza sarà tra il Sindaco di Solofra e quello di Avella, Domenico Biancardi.

Vignola sarà sostenuto dal Pd e dai Popolari con due liste, Biancardi avrà l’appoggio di tre liste, con Forza Italia, Lega e l’area di Vincenzo Alaia che, pur schierato a Napoli a sostegno del Governatore Vincenzo De Luca, ha deciso di convergere su un’alleanza territoriale fortemente espressione del Mandamento.

Domenico Biancardi e i sindaci del Baianese ai tempi dell’Alto Clanis

Annunciata da tempo con la benedizione del Senatore Cosimo Sibilia, la candidatura di Biancardi era stata ufficializzata da una settimana. Quella di Vignola era maturata poco prima della mezzanotte, al termine di una giornata convulsa di incontri e riunioni anche tese. Solo in mattinata la comunicazione al Pd nazionale dell’avvenuto accordo, circostanza che ha sbloccato la disponibilità del simbolo


L’ITALIA E’ POPOLARE

Maria Antonietta, Luigi D’Angelis, Evelina De Cristofaro,  Carmine De Fazio, Michela Di Capua, Francesco Filodemo, Marco Grossi, Teresa Infante, Angela Masucci, Vincenzo Napolitano, Vito Pelosi, Ciriaco Cerundolo


PROPOSTA CIVICA PER L’IRPINIA

Fiorella Caputo, Noemi Cresta, Giovanni (detto Giandonato) Giordano, Pasqualino Giuditta, Luigi Lanzetta, Rosaria Leone, Michela Lucia Maffeo, Antonio Mercogliano, Fausto Picone, Giovanni Romano, Marino Sarno, Milena Severino


PARTITO DEMOCRATICO

Salvatore Antonacci, Tommaso Buonfiglio, Michelino Caso, Filomena Catalano, Vito Farese, Sebastiano Gaeta, Gerardo Galdo, Paola Guarino, Antonella Meninno, Caterina Lengua, Rosanna Repole, Nicolino Santoro


MODERATI PER L’IRPINIA

Franco Di Cecilia, Girolamo Giaquinto, Generosa Clemente, Francesco Gerardo Diprenda, Antonio Festevole, Antonio Gialanella, Francesco Lo Conte, Fiorita Lombardi, Lorenzo Maietta, Lidia Troisi, Angelina Vara


LEGA MNS – PRIMA GLI IRPINI

Matilde Chirichiello, Manuela Roberta Bocchino, Domenica Giuliani, Palmiera Petretta, Americo D’Onofrio, Damiano Genovese, Giuseppe De Cillis, Vincenzo Iuliano, Giuseppe Graziano, Vincenzo Schiavone, Antonio Roccia

IL MERCOLEDÌ DI TRATTATIVE NEL CENTROSINISTRA. Il candidato alla presidenza della Provincia per il centrosinistra è Michele Vignola, sindaco di Solofra. Dopo una lunga giornata di trattative e confronti, il Pd ha sciolto il nodo, raccogliendo il sostegno degli alleati. Il percorso però non è stato né semplice, né lineare e la decisione è arrivata soltanto in tarda serata.

L’annuncio è stato dato con una nota ufficiale della coalizione, a firma di Giuseppe di Gugliemo, segretario Pd irpino, Giuseppe del Giudice, segretario provinciale “Italia è Popolare”, Edmondo Marra, Presidente provinciale Psi: «Il centrosinistra unito sui contenuti, sui modi e sui programmi per la nostra provincia ha deciso di mettere in campo una proposta forte, condivisa e unitaria capace di dare valore ai percorsi di sviluppo della nostra Irpinia. Il nome del candidato presidente che mettiamo in campo è quello di Michele Vignola, sindaco di Solofra, che rappresenta un profilo di competenza riconosciuta ed esperienza».

Il candidato alla presidenza della Provincia per il centrosinistra è Michele Vignola, sindaco di Solofra. Dopo una lunga giornata di trattative e confronti, il Pd ha sciolto il nodo, raccogliendo il sostegno degli alleati. Il percorso però non è stato né semplice, né lineare e la decisione è arrivata soltanto in tarda serata.

L’annuncio è stato dato con una nota ufficiale della coalizione, a firma di Giuseppe di Gugliemo, segretario Pd irpino, Giuseppe del Giudice, segretario provinciale “Italia è Popolare”, Edmondo Marra, Presidente provinciale Psi: «Il centrosinistra unito sui contenuti, sui modi e sui programmi per la nostra provincia ha deciso di mettere in campo una proposta forte, condivisa e unitaria capace di dare valore ai percorsi di sviluppo della nostra Irpinia. Il nome del candidato presidente che mettiamo in campo è quello di Michele Vignola, sindaco di Solofra, che rappresenta un profilo di competenza riconosciuta ed esperienza».

IL RACCONTO DELLA GIORNATA

In mattinata c’è stato un faccia a faccia tra il segretario provinciale dei Democratici, Giuseppe Di Guglielmo, e il sindaco di Montemarano, Beniamino Palmieri, che ha confermato ed ufficializzato quanto è già trapelato nel pomeriggio di ieri ed anticipato da Nuova Irpinia. Il candidato dell’area De Caro ha deciso di ritirarsi dalla corsa per Palazzo Caracciolo, non avendo intenzione di creare problemi al partito. Proprio per questa ragione si è detto indisponibile, in ogni caso, a partecipare ad eventuali iniziative alternative.

A questo punto, dunque, le opzioni in campo erano due: il sindaco di Solofra e quello di Aiello del Sabato, Ernesto Urciuoli (che rientrava nella prima terna di candidati, insieme a Farina e Palmieri).

Verso le 19,00 è stato convocato il tavolo interpartitico del centrosinistra, per condividere con gli alleati le opzioni in campo e ricevere indicazioni dagli stessi.

I Popolari, ma anche le altre forze politiche, si sono espressi a favore dell’ipotesi di Vignola, ritenendo più spendibile per la campagna elettorale e per l’eventuale ruolo di vertice della Provincia, un rappresentante di un comune significativo dell’Irpinia, sede di uno storico distretto industriale del territorio.

Il segretario del Pd, Giuseppe Di Guglielmo, si è quindi riservato di comunicare la posizione definitiva del partito, dopo un ulteriore passaggio interno.

La situazione però, ad un certo punto, è sembrata abbastanza complicata, considerato che la ricognizione si è protratta più del previsto. Sul nome del candidato infatti si sono registrate valutazioni differenti, da parte dei dirigenti delle diverse componenti, anche se la stragrande maggioranza del partito e soprattutto degli amministratori locali democratici hanno manifestato il proprio sostegno a Vignola.

Con il sindaco di Solofra si sarebbero schierati i franceschiniani dell’ex senatore Enzo De Luca, i riformisti che fanno riferimento alla presidente del consiglio regionale, Rosetta D’Amelio, il gruppo vicino alla presidente dell’assemblea provinciale, Roberta Santaniello, ma anche la gran parte degli esponenti decariani. Urciuoli, invece, avrebbe ricevuto il supporto del consigliere comunale di Avellino, Gianluca Festa, e del movimento Davvero, oltre che del deputato Umberto Del Basso De Caro.

Visti i consensi raccolti, la scelta non è potuta che ricadere su Vignola, il cui nome sarebbe gradito pure al governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

La giornata si è conclusa con una seconda convocazione dei partiti alleati, ai quali è stata comunicata la decisione del Pd. Subito dopo l’annuncio con la nota ufficiale della coalizione.

Adesso non resterà che adempiere in extremis alle ultime formalità burocratiche e domani mattina depositare ufficialmente le liste.