L’Avellino SSD rallenta. Solo un pareggio con l’Anagni, ma resta in vetta alla classifica

Pareggio colto a metà della ripresa e partita giocata con molto nervosismo. I Lupi recriminano per un arbitraggio giudicato discutibile, con molti falli dubbi fischiati in attacco Domenica c'è lo scontro diretto con il Cassino, secondo col Morosini dietro gli irpini

Un Avellino nervoso, a tratti falloso in attacco, non va oltre il pari sul campo con la Città di Anagni. Al di là delle recriminazioni per l’arbitraggio, giudicato addirittura scandaloso da alcuni osservatori, i Lupi hanno disputato una gara deludente sul piano del gioco, anche se sono riusciti ad evitare la prima sconfitta della stagione. Alla fine portano via un punto, dopo le prime tre vittorie consecutive.
Eppure i biancoverdi erano partiti bene all’inizio, conquistando la metà campo ospite. Piglio aggressivo quello dei Lupi, non gradito dal direttore di gara, il signor Turrini di Firenze, che sanziona quasi tutti gli interventi decisi degli attaccanti avellinesi. Al 23esimo i padroni di casa vengono colpiti dalla una rete di Di Giovanni, che sorprende l’estremo difensore di casa con un fendente dalla distanza. La rete arriva nel momento più difficile della gara, con l’Avellino bloccato a centrocampo. Manca però una vera reazione dei biancoverdi, Il tecnico Graziani cambia l’assetto tattico dei suoi, mandando anche in campo Tompte per Scarf. Si va al riposo con l’Anagni più disinvolto in attacco. Alla ripresa sembra di rivedere il copione dell’inizio primo tempo, con l’Avellino che avanza il baricentro del gioco e fa la partita. Ma il gioco di rimessa della squadra ospite mette in difficoltà i Lupi, sbilanciati in avanti alla ricerca del pareggio. Passano i minuti ed è evidente l’intenzione dell’Anagni di addormentare la partita, cercando di arrivare al novantesimo in vantaggio. C’è anche un’ammonizione al portiere ospite per perdita di tempo. Ma al 68esimo, proprio nel momento di maggiore crisi biancoverde, uno stacco di testa in area viola la porta dell’Anagni e l’Avellino trova il pareggio. Non succederà più niente, nonostante il piglio aggressivo dell’Avellino e i sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara. In classifica i biancoverdi restano primi con un punto di vantaggio sul Cassino e il Morosini. Domenica c’è lo scontro diretto al Partenio proprio contro il Cassino. Una partita importante per tentare la fuga già all’inizio del torneo.