«Il depuratore sequestrato a Solofra sarà risanato», il Sindaco ringrazia la Regione

Michele Vignola: «Un risultato importante che ci permette di guardare con maggiore fiducia e speranza il percorso che stiamo facendo mirato ad un nuovo sviluppo sostenibile del polo conciario e la contemporanea e fondamentale tutela ambientale».

Avviato l’iter per il risanamento del depuratore solofrano, in una nota il Sindaco di Solofra Michele Vignola e il segretario del Circolo Pd di Montoro esprimono soddisfazione.

Tre giorni dopo l’annuncio ufficiale della Regione Campania, la segreteria provinciale del partito ha emesso un comunicato con le posizioni dei rappresentanti territoriali dell’amministrazione comunale e del circolo territoriale.

«A luglio abbiamo come circoli territoriali di Montoro e Solofra, interrogato il partito a tutti i livelli sulla questione inerente la messa a norma il Depuratore di Solofra, considerando e spinti dal forte disagio della popolazione dovuto ai malodori derivanti dalla mancata copertura delle vasche dell’impianto depurativo», afferma Alfredo Galdieri, segretario del PD di Montoro. “Oggi apprendiamo con un senso di soddisfazione la notizia della pubblicazione del bando di progettazione per la copertura delle vasche da parte della Regione Campania. Atto che denota la vicinanza regionale verso il nostro territorio», aggiunge. «È sicuramente un piccolissimo passo per affrontare senza demagogia e con responsabilità la questione ambientale su un territorio sofferente per una situazione spesso drammatica ma la strada è quella giusta»

Per il Sindaco di Solofra Michele Vignola, si legge ancora nella nota, si tratta di «un risultato importante che ci permette di guardare con maggiore fiducia e speranza il percorso che stiamo facendo mirato ad un nuovo sviluppo sostenibile del polo conciario e la contemporanea e fondamentale tutela ambientale».

Quanto alla segreteria provinciale, si spiega la posizione assunta sul tema. «Abbiamo accolto con forza l’invito dei circoli territoriali, convinti che bisogna ripartire dai temi e dalle istanze delle comunità». Per questo, «abbiamo come Partito la forza di essere un soggetto politico collettivo diffuso sul territorio e il nostro obiettivo è quello di ridare voce, forza e dignità ai nostri circoli, ai nostri militanti e ai tanti che vogliono partecipare».

E si conclude: «L’irpinia vive diverse criticità sotto il profilo ambientale, noi siamo coscienti he bisogna trovare le soluzioni capaci di coniugare sviluppo e tutela, progresso e rispetto delle vocazioni, delle storie e delle tradizioni delle comunità locali. Quello di Solofra è solo un primo passo di un percorso lungo nel quale vogliamo rendere protagonisti i cittadini».