Gesualdo e l’Irpinia hanno ricordato Padre Pio a 50 anni dalla morte

Autorità civili e militari, rappresentanze istituzionali, gruppi di preghiera e tanta gente comune ha partecipato alle commemorazioni del frate venerato, a mezzo secolo dalla morte e a 100 anni dalla comparsa delle stimmate

Un grande e partecipato evento ha commemorato a Gesualdo i cinquant’anni dalla morte di Padre Pio, un secolo dopo l’impressione delle sue stimate. La città dei madrigali, Gesualdo lo ha ricordato in musica nella chiesa di San Nicola e su piazza Umberto I, dove San Pio da Pietrelcina è stato commemorato di fronte al pubblico dei suoi fedeli. Il concerto del cardinale Lorenzo Baldisseri e dell’Orchestra Internazionale della Campania, diretta dal Maestro Leonardo Quadrini, la presenza del soprano Katia Ricciarelli, hanno sancito il momento solenne. L’attore Sebastiano Somma ha interpretato alcune lettere di Padre Pio”. Anche oggi, giorno in cui ricorre l’anniversario della sua morte, ricorderanko il Santo da Pietrelcina molte località italiane. Presenti, tra gli altri, il Sindaco Edgardo Pesiri, l’Arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi, Nusco e Bisaccia monsignor Paquale Cascio, il Prefetto Maria Tirone, i sindaci del comprensorio e di ogni parte d’Irpinia, il presidente di Confindustria Giuseppe Bruno. Particolarmente atteso era iI cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, diplomatico e stretto collaboratore del Pontefice Francesco, aprirà le celebrazioni con un concerto al pianoforte.

Le autoritá che hanno partecipato alla commemorazione di Padre Pio

Nell’Ufita dove Padre Pio visse da studente di teologia morale, una veglia di preghiera lo ha ricordato a mezzo secolo dalla scomparsa terrena di un frate proclamato santo dalla volontà popolare, come accadeva nel pieno dell’età medievale.

IL PROGRAMMA RELIGIOSO E GLI ALTRI EVENTI DI OGGI, DOMENICA. Le commemorazioni in onore di San Pio da Pietrelcina proseguiranno il 23 settembre con la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Lorenzo Baldisseri nella Chiesa di San Nicola, alle 11.00. Nel pomeriggio, alle 17.30, la statua del Santo verrà portata in processione, per le vie della cittadina, dalla chiesa madre fino a quella dedicata a Santa Maria delle Grazie, lì dove abitualmente è custodita. È nel convento annesso a questa chiesa che Padre Pio, tra metà novembre e fine dicembre del 1909, allora ventunenne, frequentò il seminario di teologia morale. A seguire, alle 19.00, la messa celebrata da Frate Emidio Cappabianca. In serata, sul sagrato della chiesa, musica e gastronomia allieteranno la festa per San Pio.


Una immagine nota di Padre Pio da Pietrelcina

IL RICORDO DI PAPA FRANCESCO. Stando a quanto ha rivelato Elia Stelluto, il fotografo di Padre Pio, Papa Francesco nutre una profonda devozione per Padre Pio. Spesso a Buenos Aires per fare visita ai propri familiari, il fotografo ha rivelato nel suo libro dedicato a Padre Pio di aver incontrato in quelle occasioni Bergoglio non ancora Pontefice. “Quando andavo in Argentina gli portavo sempre le immaginette di San Pio da Pietrelcina e le cassette con la sua voce”, ha scritto. 


Il Pontefice Francesco