Sono stati questa mattina a piazza del Popolo approvati i progetti di fattibilità relativi al Pics del Comune di Avellino, al termine di una riunione operativa alla presenza degli Assessori De Angelis, De Marco e Sciscio. Con loro erano presenti il Segretario Comunale, i referenti del Servizio Strategico Europa, il Dirigente dei Lavori pubblici ed i RUP di tutti i progetti del ‘Programma Integrato Città Sostenibile’ (PICS) a valere sulle risorse del PO FESR 2014/2020 – Asse X Sviluppo urbano sostenibile.

Nel dettaglio, “è stato stabilito di approvare i progetti di fattibilità per provvedere al tempestivo inserimento degli stessi nel Programma triennale delle opere pubbliche, rispettando le tempistiche previste per gli adempimenti di cui alla delibera di Giunta Regionale della Campania n. 111 del 27/02/2018 e per il raggiungimento dei target di spesa e di performance framework, di cui alla delibera di Giunta Regionale n.314/2017, per poi procedere alla variazione di bilancio per inserire l’intero Programma”, si legge in una nota. “Come è noto, la delibera di Giunta Regionale della Campania n. 41 del 29/01/2018 assegna alla Città di Avellino € 17.930.688,74 per l’attuazione del Programma Integrato Città Sostenibile (PICS)”.

Arturo Iannaccone, già assessore nella precedente amministrazione guidata da Paolo Foti

Gli assessori hanno preso atto della programmazione avviata dall’ex assessore Arturo Iannaccone, che nell’aprile scorso aveva tentato di portare all’esame del Consiglio il programma predisposto dal suo assessorato, salvo ritirarlo per una eccezione pregiudiziale sollevate dalle opposizioni. In quella circostanza, Iannaccone spiegò che il pacchetto finanziato dalla Regione Campania aveva l’obiettivo di “ridurre il disagio economico in alcune zone della città, in particolare nel centro storico, contrastando l’impatto dell’inquinamento con un piano di intervento energetico, quindi riqualificare beni culturali ed eccellenze architettoniche centrali per la storia della città, a partire dalla Dogana”. Ora la Giunta guidata da Vincenzo Ciampi, approvando i progetti di fattibilità, si pone in continuità con quegli obiettivi, salvaguardandone l’iter e le coperture finanziarie assegnate inizialmente dalla Regione.

Di seguito gli interventi previsti:


• Centro di promozione culturale: Casa di “Victor Hugo” € 2.000.000
• Sala multimediale di esposizione dei prodotti tipici dell'Area Vasta di Avellino - completamento dei lavori di restauro del Castello longobardo € 400.000
• Museo Civico Villa Amendola-giardino orto botanico: completamento € 160.000
• Restauro Fontana di Bellerofonte-Itinerario "Gli occhi di mare" € 80.000
• Agenzia di promozione turistica dell'Area Vasta di Avellino - completamento dei lavori di restauro del Casina del Principe € 100.000
• Valorizzazione e restauro del Palazzotto - ex Casino Spinola con corte/giardino per eventi culturali € 800.000
• Itinerari turistici del centro storico per la SMART City: comunicazione, app e strumenti tecnologici per una città innovativa € 800.000
• Sistema integrato di accesso turistico alla SMART City: asse storico di Corso Umberto I - via Francesco Tedesco - Largo S. Spirito - Porta EST della Città di Avellino €1.120.000
• Rigenerazione energetica e ambientale dell'asse storico per la SMART City per Corso Umberto I -via F. Tedesco - Porta EST della Città di Avellino € 1.000.000
• Rigenerazione energetica ed ambientale dell'asse storico per la SMART City perViale Italia - Porta OVEST della Città di Avellino € 500.000
• Istituto Ricerca sulle devianze dello sviluppo,sulle disabilità prima infanziae alloggi a rotazione e Parco dell'infanzia, Quartiere Valle € 2.750.688,74
• Centro servizi e "Appartamenti sociali", quartiere Valle € 1.880.000
• Antica Dogana: Centro servizi per i giovani € 4.000.000
• Rilancio economico del centro storico € 2.340.000

TOTALE € 17.930.688,74

Fonte: Comune di Avellino

“Con il provvedimento è stato definito l’iter al fine di non pregiudicare la sottoscrizione del Provvedimento di delega di funzioni e la stipula dell’Accordo di Programma”.