Ariano Irpino amministrative 2019
Ciasullo apre alle larghe intese

Il consigliere di minoranza auspica un'opposizione "ampia" e propone "un patto per la città" che riparta dalle infrastrutture.

A tu per tu con Alessandro Ciasullo, consigliere di minoranza ad Ariano Irpino. Professore aggiunto in Didattica e Pedagogia presso l’Università Federico II di Napoli, Ciasullo è anche Dottore di ricerca in Pedagogia dei Processi formativi e costruzione della conoscenza presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Il giovane attivo in politica, siede tra i banchi della minoranza arianese dal 2014. In quota Pd, presenta la sua posizione rispetto alle prossime amministrative 2019.

La città di Ariano Irpino il prossimo maggio andrà al voto. Come si sta preparando la città alla campagna elettorale?

“Dobbiamo creare un fronte alternativo a questa amministrazione. Una compagine ampia in grado di contenere tutte le forze di opposizione, incluse, eventualmente, forze che sono state in maggioranza negli anni passati”.

Nello specifico cosa intende per forza di opposizione “ampia”. Siete aperti a vari movimenti e partiti?

“Cercheremo di formare una coalizione aperta senza pregiudizi verso nessuno. Non accetteremo chi non è stato alternativo a questa amministrazione”.

Eventualmente siete aperti anche al Movimento 5 Stelle?

“Credo il M5S tenderà a correre da solo. Al momento c’è una frammentazione, almeno io ho questa percezione. Nel senso che ci sono anime di estrema sinistra che fanno capo a Maraia e persone che si sono inserite di recente. Tuttavia non voglio fare il giudice in casa altrui”

Si dice anche che il team di Gambacorta sia anche in forte intesa con il bacino di voti che fa capo ad Ortensio Zecchino proprio per contrastare un eventuale travolgimento dei pentastellati….

Domenico Gambacorta dovrebbe chiarire apertamente il suo rapporto politico con Zecchino. Credo la componente zecchiniana si stia adoperando per trovare un’alternativa proprio all’attuale sindaco. Secondo me non è più lui chi potrà rappresentare il futuro del centro destra. Non penso proprio siano loro l’alternativa ai cinque stelle, ammesso che questi ultimi siano poi così forti”.

E Matteo Salvini ad Ariano, ha qualche riferimento?

“C’è qualcuno che si rifà a quei valori credo anche in consiglio comunale. Ad ogni modo rappresentanti chiari non mi risultano ci siano sul territorio”.

Lei cosa propone per Ariano?                       

“Sostengo un patto per la città. Una programmazione a lungo termine che abbia come cardine le infrastrutture. Il grande problema di Ariano è la difficoltà di collegamento con il centro urbano. Chi arriva da paesi dell’area ufitana impiega troppo tempo per raggiungerci. Occorre garantire collegamenti viari veloci. Inoltre Ariano è una realtà che negli ultimi anni ha perso identità. Non avanza. Sono ‘cresciute’ di più Grottaminarda e Mirabella Eclano”.

Praticamente cosa farebbe?

E’ fondamentale terminare l’arteria Lioni-Grottaminarda. Occorre poi un patto di rilancio che punti sul potenziamento delle strutture già esistenti. Ad esempio è necessario pensare ad una via della ceramica. Tecnicamente sarebbe opportuno un censimento di tutti gli artigiani che tenga conto di chi ad esempio ha un locale in fitto. Bisogna lavorare sulla Tari (tassa sui rifiuti) e sulla Tosap (tassa su occupazione di suolo pubblico), guardando da vicino la situazione dei vari esercenti commerciali che sono in affanno e che in passato rappresentavano un tassello forte dell’economia locale”.

Però l’amministrazione Gambacorta sostiene da tempo politiche di rilancio del centro storico…in ultimo la manifestazione estiva “Vicoli ed arte” che ha portato in centro molti visitatori…

“E’ vero, ci sono delle iniziative ma non bastano. Le attività estive portano luce, appunto, per qualche giorno. Ma ci sono dodici mesi l’anno in cui bisogna vivere. Che ci siano delle manifestazioni, anche di successo, ci fa piacere ma non basta. Occorre inoltre sfruttare i finanziamenti europei con una progettazione che ad oggi non è stata mai realizzata sebbene sia stata prevista”