Sanità, De Luca: le Asl finanzino i laboratori accreditati.
Controlli a tappeto sugli sforamenti

Il governatore annuncia il pugno di ferro sulle strutture accreditate per impedire l'interruzione dei servizi, e convoca i dirigenti delle Asl delle province per discutere dei tetti di spesa, dello screening oncologico e della piattaforma Saniarp

Questa mattina il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ha formalmente autorizzato le aziende sanitarie della Campania a finanziare, in via di anticipazione con fondi propri, le prestazioni di analisi dei laboratori accreditati per evitare così ogni eventuale interruzione dei servizi sanitari offerti ai cittadini. “Chi avesse già fruito di prestazioni a pagamento per il superamento del budget sarà rimborsato, previa presentazione al distretto di riferimento del relativo titolo di spesa” ha chiarito in una nota.

Inoltre, nell’ambito del protocollo firmato con la Guardia di Finanza, De Luca fa sapere che sono stati attivati una serie di controlli a tappeto nelle strutture accreditate dove già si segnalano diversi casi di aggravi di spesa fuori della norma.

Per domani è stata convocata a Palazzo Santa Lucia una riunione operativa con tutti i dirigenti delle Asl della Campania, con all’ordine del giorno tra l’altro il punto sui tetti di spesa, i controlli e le verifiche sulla piattaforma Saniarp, il piano per gli screening oncologici.

Il governatore annuncia che non sarà tollerata nessuna interruzione delle prestazioni dei centri di laboratorio accreditati, e che i dirigenti delle Asl ne risponderanno personalmente. “Occorre garantire il servizio ai cittadini per tutto l’anno: le coperture finanziarie sono state trovate, ma nessuna sciatteria organizzativa sarà tollerata. Si userà il pugno di ferro nei confronti delle residue e limitate aree speculative presenti nel mondo dei laboratori di analisi. Non saranno tollerati né i truffatori, né i mancati o poco rigorosi controlli”.