Diocesi di Ariano: ripensare le città come luogo per la vita

Giovedì 30 agosto, presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo di Cardito sul Tricolle, prenderà avvio il XXXVII Convegno ecclesiale diocesano di Ariano Irpino-Lacedonia, presieduto dal Vescovo Sergio Mellillo

La Diocesi di Ariano da giovedì 30 agosto a domenica 2 settembre proporrà un convegno che approfondirà il rapporto tra la città e la vivibilità. Al centro dei lavori, tra l’altro, il significato della vita urbana, della convivenza e della comunità in una fase difficile per i rapporti sociali interni al Mezzogiorno e con chi proviene da altre culture e civiltà. Presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo di Cardito in Ariano Irpino prenderà avvio il XXXVII Convegno ecclesiale della Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia, promosso dal Vescovo Sergio Melillo. Alle ore 16:00 è prevista la Preghiera di inizio e l’ascolto delle esperienze giovanili de “Il Centro Astalli”, a cura della Caritas diocesana e dei seminaristi.

IL PROGRAMMA. Alle 16:30, ci sarà il saluto e l’introduzione ai lavori del Convegno da parte del Vescovo. Alle ore 17 Cecilia Costa, docente di Sociologia presso l’Università degli studi di Roma Tre, relazionerà su “Rilettura della situazione giovanile in Italia e sul lavoro del Sinodo in diocesi”. Seguiranno la presentazione di alcune esperienze giovanili provenienti dal mondo scolastico, un momento di feedback con il relatore e la preghiera conclusiva della prima giornata di Convegno. Alle ore 21, presso il Castello Normanno di Ariano Irpino, si terrà una serata di approfondimento con i giovani. Venerdì 31 agosto, dopo la preghiera delle Lodi, alle ore 10, Mons. Antonio Mastantuono, Vice assistente Nazionale di Azione Cattolica e docente di teologia Pastorale presso la Pontificia Università Lateranense, relazionerà su “Il Progetto Cresima: verifica e considerazioni”. Nel pomeriggio, con inizio alle ore 16:00, saranno presentate esperienze giovanili provenienti dal mondo dell’Oratorio. In particolare, sarà presentato il Centro Sociale Comunitario Oratorio Parrocchiale, a cura di don Federico Battaglia della parrocchia sant’Antonio di Padova in Trecase (NA). Alle 16:30, don Michele Falabretti, Direttore del Servizio Nazionale di Pastorale Giovanile, relazionerà su “Il Sinodo e le nuove prassi di Pastorale Giovanile: come avviare processi educativi”.

La sede della Diocesi arianese nel cuore della città

La serata di approfondimento con i giovani si terrà presso il Castello d’Aquino di Grottaminarda. Sabato 1 settembre, alle Lodi seguirà la relazione di don Salvatore Soreca, docente presso l’Istituto di Catechetica dell’Università Pontificia Salesiana e presso l’ISSR di Benevento; l’intervento sarà incentrato su “Comunicare la fede ai giovani nell’era social-mobile”. Seguiranno i workshop degli Uffici Pastorali diocesani, il cui lavoro verterà sul tema “Alla ricerca di nuove prassi di Pastorale Giovanile”. Nel pomeriggio, alle ore 16:00, come nei primi due giorni, saranno presentate altre esperienze provenienti dal mondo dei giovani. Il tema scelto è “La vita sociale delle comunità” e sarà curato da don Emilio Carbone, Direttore dell’Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro della diocesi di Avellino.

Seguirà un momento di sintesi e dialogo a seguito del lavoro mattutino realizzato dagli Uffici diocesani. Domenica 2 settembre, con inizio alle ore 18:30, la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo, Mons. Sergio Melillo, concluderà il XXXVII Convegno ecclesiale della diocesi. All’interno della Santa Messa, saranno ammessi agli Ordini Sacri i seminaristi Francesco Di Pietro e Vincenzo Losanno.

Lo scorso 9 agosto presso la Basilica Cattedrale di Ariano Irpino, la Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia si è celebrato il terzo anniversario dell’arrivo ad Ariano e Lacedonia del Vescovo Sergio Melillo e si è ricordato il cinquantesimo anniversario dell’Ordinazione presbiterale di Mons. Antonio Blundo, Vicario generale. Il momento ecclesiale di ringraziamento al Signore è stato caratterizzato dalla preghiera e dalla riflessione, con animazione del Centro Diocesano per le Vocazioni e del Coro Polifonico della Baronia.