Centro storico pedonale ad Avellino da giugno, il Comune dialoga e investe. Il piano

IL DISPOSITIVO FINO A SETTEMBRE DALLE ORE 20 ALL'UNA DOPO LA MEZZANOTTE. Nella sala consiliare di Palazzo di Città primo confronto pubblico sulla proposta di chiusura sperimentale al traffico nella zona antica della città. Il Vicesindaco lancia il questionario online: il confronto prosegue

Il centro storico di Avellino visto dal parco urbano di Santo Spirito, attraversato dal Torrente Fenestrelle

Il Comune annuncia la formula di un centro storico pedonale ad Avellino da giugno a settembre, con l’obiettivo di rilanciare l’attrattività della zona antica e delle sue attività commerciali e artigianali. Per questo, nella giornata di ieri, martedì 17 maggio, nella sala consiliare di Palazzo di Città ha tenuto un’assemblea pubblica, nel corso della quale ha spiegato i dettagli dell’iniziativa, raccogliendo osservazioni e opinioni di residenti, commercianti e artigiani.

Laura Nargi

“L’Amministrazione Comunale ha posto, tra i suoi obiettivi prioritari, il rilancio del centro storico, per il quale sono state promosse numerose azioni ed iniziative”, hanno spiegato il Sindaco e il Vicesindaco, Gianluca Festa e Laura Nargi.

CONFRONTO PARMANENTE, CON IL QUESTIONARIO ONLINE. Il vice sindaco di Avellino, Laura Nargi, ha espresso la propria soddisfazione per l’esito della assemblea, spiegando con una nota che il confronto prosegue attraverso il questionario online (accedi attraverso il link al form comunale). “Siamo molto soddisfatti per l’esito dell’assemblea pubblica che si è tenuta sul rilancio e la pedonalizzazione del centro storico. La grande partecipazione registrata, infatti, ci conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, che si tratta di un tema molto caro alla città”, ha affermato.

PEDONALIZZAZIONE DA GIUGNO DALLE ORE 20 ALL’UNA DOPO MEZZANOTTE. “La Amministrazione, anche quest’anno, ha deciso, in maniera sperimentale, di pedonalizzare l’area per tutto il periodo estivo, a partire dal mese di giugno, dalle 20 all’una di notte, ha annunciato Laura Nargi. “L’intento è sia quello di migliorare la qualità della vita dei residenti che di dare nuovo slancio alle attività commerciali che vengono fuori da un lunghissimo periodo di difficoltà caratterizzato, tra le altre cose, da una pandemia senza precedenti. Certo, ogni cambiamento porta con sé problemi, critiche e diffidenze, ma è necessario un atto di coraggio se si vuol fare in modo che le cose cambino davvero e si vuole evitare che la città muoia di immobilismo”.

GLI INVESTIMENTI NUOVI E QUELLI IN CORSO CAMBIERANNO IL VOLTO DEL CENTRO STORICO. Laura Nargi ha inquadrato la regolamentazione del traffico – con un dispositivo per ora sperimentale – nello scenario dinamico che gli investimenti sulla riqualificazione urbana e la realizzazione di nuove infrastrutture realizzeranno. “La pedonalizzazione del centro storico è solo il tassello di un mosaico che trasformerà” un’area che, “da piazza Castello si spinge fino a piazza Libertà, nel cuore pulsante di Avellino, sia attraverso una riqualificazione strutturale degli edifici che con una rimodulazione dei servizi”.

UFFICI AL LAVORO PER GARANTIRE I PARCHEGGI NECESSARI.  Il Vicesindaco ha rassicurato sulla consapevolezza che occorrerà trovare le giuste soluzioni, per rendere sostenibile la riduzione della circolazione veicolare nel centro storico. “Comprendiamo, in tal senso, le preoccupazioni espresse da alcuni residenti relative soprattutto alla gestione dei parcheggi durante il periodo della sperimentazione, ma lavoreremo con gli uffici e con il comando dei Vigili Urbani affinché non solo non ci siano problemi, ma si registrino addirittura benefici. In questo senso,  quello di ieri “è stato solo il primo incontro sul tema, senza dimenticare che sul sito del Comune è disponibile un questionario attraverso il quale si potranno esprimere pareri e proporre idee. L’amministrazione, nelle prossime settimane, si confronterà ancora con i cittadini per trovare insieme, attraverso un dialogo costante e propositivo, le soluzioni migliori per tutti”.


LEGGI ANCHE:

Collegamento ferroviario Avellino-Napoli, Ciampi: ora conta in aula

Irpinia al voto il 12 giugno in 14 Comuni: le liste

«Non privatizzare l’Alto Calore», appello di Sinistra Italiana ai Sindaci

Coronavirus in Irpinia: 358 (su 1.926 test), di cui 42 ad Avellino, 20 ad Ariano, 18 a Solofra

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI