Terza dose vaccino Covid-19 dal 20 settembre per persone fragili

Saranno somministrate dosi addizionali di Pfizer o Moderna alle categorie maggiormente esposte o a maggior rischio di malattia grave Annuncio del Commissario straordinario Gen. Figliuolo e del Ministro della Salute, Roberto Speranza

Terza dose vaccino Covid-19 dal 20 settembre per le persone fragili, maggiormente esposte a malattie. Verranno rese disponibili dosi addizionali di vaccino a m-RNA (BioNTech/Pfizer e Moderna) per l’avvio delle somministrazioni. Lo hanno stabilito il Ministro della Salute, Roberto Speranza e il Commissario Straordinario Covid-19, Gen. C.A. Francesco Paolo Figliuolo nel corso di una riunione tenuta ieri.

Vaccini anti Covid-19. La campagna informativa promossa dal Ministero della Salute

La somministrazione di dosi addizionali e di dosi “booster” andranno a determinate categorie, quelle considerate maggiormente esposte o a maggior rischio di malattia grave da SARS-CoV-2/COVID-19. Le somministrazioni avverranno dal 20 settembre a partire dai soggetti immunocompromessi.

IN CORSO IL CONFRONTO CON LE REGIONI PER PROGRAMMARE LE TERZE DOSI. La decisione di procedere con la terza dose di vaccino Covid-19 è stata assunta a seguito del parere favorevole espresso dalla Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA e del CTS. In queste ore è in corso da parte del Ministero della Salute un confronto con i tecnici delle Regioni per la puntuale definizione della popolazione target. Saranno di conseguenza aggiornati i sistemi informatici per l’avvio delle somministrazioni su tutto il territorio nazionale. Il Ministro aveva anticipato l’inizio della somministrazione della terza dose ai fragili lo scorso 6 settembre, durante la conferenza stampa tenuta a conclusione del G20 della Salute. “La terza dose di vaccino Covid-19 riguarderà da un lato le persone più anziane, ultra80enni, dall’altro ad esempio chi vive nelle Rsa, dove si è pagato un prezzo altissimo, e la stessa cosa può valere per il personale sanitario: sono le prime categorie che hanno ricevuto il vaccino e con tutta probabilità da quelle si partirà”. Il Ministro ha aggiunto che la necessità di rafforzare la risposta immunitaria debole di alcuni soggetti aveva visto già esprimersi “molto chiaramente sia l’Ema che l’Ecdc” (cioè l’Agenzia europea del farmaco e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie).

 

GREEN PASS ESTESO, NOVITÀ IN ARRIVO. Dopo il Ministro Speranza nei giorni scorsi, in queste ore anche il Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti ha confermato che il Premier Mario Draghi e il Governo sono al lavoro per estendere ulteriormente il Green pass, sulla strada dell’obbligo vaccinale. L’obiettivo è stabilirlo tra i lavoratori del settore pubblico e privato. Nel giro di pochi giorni la discussione in corso sarà conclusa con l’esame e l’approvazione di provvedimenti che porteranno a implementare e potenziare la campagna vaccinale in Italia. Anche le parti sociali stanno lavorando per un accordo dell’obbligo vaccinale nei luoghi di lavoro. Sarebbe la svolta che spianerebbe la strada alla vaccinazione dell’intera popolazione italiana.


LEGGI ANCHE:

La Campania è zona bianca fino al 12 settembre. Green Pass su treni e aerei, a scuola e all’università: le regole

In Campania i positivi al Covid-19 sono 192 con 11 morti (2 nelle 48 ore)

Mascherine obbligatorie all’aperto in Campania fino al 30 settembre

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI