Sibilia (M5s): ora uniti e compatti per l’azione di governo

Il Sottosegretario pentastellato commenta con soddisfazione l'esito del referendum interno al Movimento sull'adesione all'esecutivo di Mario Draghi. E ammonisce il gruppo parlamentare: «Rispettare il risultato del voto»

Il Sottosegretario Carlo Sibilia saluta con soddisfazione l’esito del voto interno al Movimento, che si è espresso a favore del sostegno al governo presieduto dal professor Mario Draghi. «La corposa partecipazione degli iscritti alla votazione in rete per dare il via libera ad un governo con a capo Mario Draghi ci conforta nella nostra convinzione che ora più che mai bisogna marciare uniti e compatti. Ora abbiamo il dovere, rispettando la volontà della maggioranza della nostra base, di contribuire in maniera determinante all’azione di governo, per far uscire tempestivamente il nostro Paese dalla grave emergenza sanitaria e finanziaria».

Carlo Sibilia, Sottosegretario di Stato e deputato dell’M5s

Così il deputato Carlo Sibilia, commentando l’esito della consultazione in rete tra gli iscritti al M5S. Il Sottosegretario pentastellato era intervenuto in mattinata per esortare gli iscritti a sostenere il sì. «Per il MoVimento 5 Stelle non è ancora arrivato il momento di arrendersi, ma dobbiamo restare uniti ed essere forti più che mai. Il 33% alle elezioni è un messaggio che ci ha investito di una grande responsabilità, la stessa responsabilità che chiede oggi il Presidente della Repubblica a tutti noi alla luce della situazione drammatica in campo economico, politico e sanitario che stiamo vivendo», ha scritto sui social. «Il messaggio è fare, non stare fermi a guardare. Reagire. Difendere le nostre leggi più importanti: il reddito di cittadinanza, la spazzacorrotti, il decreto dignità – ottenuti al governo con la Lega – , il taglio dei parlamentari confermato dal referendum, la valorizzazione stipendiale dei Vigili del Fuoco e il taglio del cuneo fiscale – ottenuti al governo con il PD». Per queste ragioni, prosegue Carlo Sibilia, «non è questo il momento di stare a guardare gli altri che smantellano misure storiche, ottenute con fatica, nel solo interesse dei cittadini e rispettando il programma del M5S. È il momento di puntare sulla transizione ecologica così come indicato nelle consultazioni. Io mi fido di Beppe Grillo che è l’anima e il cuore di questo sogno. E mi fido di Giuseppe Conte e Luigi Di Maio che insieme alla forza di tutti noi tengono il sogno vivo più che mai e ogni giorno provano a trasformarlo in realtà. Avanti tutta: è difficile vincere con chi non si arrende mai».

Beppe Grillo

FIDUCIA NELLA GUIDA DI BEPPE GRILLO. Carlo Sibilia ha sostenuto la linea della responsabilità nel pieno sostegno del leader fondatore anche quando la delegazione del M5S con Beppe Grillo ha incontrato Mario Draghi, il Presidente incaricato da Sergio Mattarella per la formazione di un nuovo governo sostenuto da una maggioranza parlamentare. Beppe è una garanzia per tutti noi e insieme sceglieremo il passo migliore per il futuro e l’evoluzione del Paese anche del M5S», aveva affermato nell’occasione Sibilia. «Noi abbiamo sempre dato il meglio nelle difficoltà. Abbiamo sempre realizzato le cose migliori quando abbiamo abbandonato i pregiudizi. Le nostre idee hanno sempre caratterizzato la nostra forza. Quando siamo andati al governo con la Lega non eravamo di certo entusiasti, eppure quell’esperienza ci ha consentito di approvare, tra le altre cose, il Reddito di cittadinanza, la legge ‘spazzacorrotti’ e il Decreto dignità. Quando la maggioranza è cambiata, in molti hanno storto il naso, eppure siamo riusciti ad approvare con il PD il taglio dei parlamentari – grazie anche al voto referendario -, la valorizzazione stipendiale dei Vigili del Fuoco, il taglio del cuneo fiscale». Per cui, prosegue, «in linea con ciò che abbiamo sempre detto, io non guardo ai pregiudizi e alle ideologie, ma alle cose che si possono realizzare per il bene dell’Italia e degli italiani».

«M5S PROTAGONISTA DELLA MAGGIORANZA URSULA». Sibilia vede all’orizzonte una stagione della responsabilità. «La scorsa maggioranza era sotto scacco di una truppa ristretta di senatori che hanno anche la responsabilità di aver generato la crisi e fatto saltare il banco. Ora però, uno degli scenari è quello che potrebbe portare alla maggioranza al Senato con 230 senatori. La cosiddetta ‘maggioranza Ursula’ che è quella nella quale il M5S si è già mostrato determinante in Europa. Producendo a cascata un cambiamento epocale dall’Europa dell’austerity a quella del Recovery Plan da 209 miliardi, grazie anche all’azione e alla credibilità di Giuseppe Conte. In una maggioranza così composta il M5S sarebbe determinante con i suoi numeri e potrebbe continuare a portare a casa risultati positivi». Sibilia ammette che «di certo questo elemento non è il solo che può comporre una decisione così complessa», ma «di certo è un fattore che va tenuto in alta considerazione. A me piace sempre pensare che le crisi siano delle opportunità. I cittadini ci hanno votato per realizzare le condizioni per un futuro migliore e in una democrazia parlamentare un solo partito, da solo, non può realizzare proprio un bel niente. La nostra esperienza dimostra che quando mettiamo al centro le idee e il confronto siamo sempre vincenti».

Giuseppe Conte

APPREZZAMENTO PER LA POSIZIONE DEL PRESIDENTE USCENTE CONTE. Nei giorni scorsi il Sottosegretario aveva apprezzato le parole pronunciate dal Presidente dimissionario Giuseppe Conte, che aveva aperto la strada a Mario Draghi. «Sono contento che si stiano creando le condizioni migliori per poter interloquire al meglio e senza pregiudizi con Draghi al fine di formare un governo politico, nel solco della responsabilità indicata dal presidente della Repubblica», aveva affermato il sottosegretario all’interno Carlo Sibilia. «Alle sue parole, il M5S risponde come è nel suo stile fin dagli albori: con il contributo di idee, che sono sempre per noi prioritarie rispetto ai nomi. Una forte presenza politica nell’assetto di governo,  sollecitata anche da Giuseppe Conte, potrà garantirci sulla prosecuzione del lavoro sin qui svolto su quei temi. Le parole di apertura di Conte ci confortano e rafforzano la convinzione che tutti desideriamo in primis il bene del Paese e degli italiani. A lui diciamo ‘grazie’ per il lavoro sin qui svolto assieme e per il suo contributo in questo momento difficile».


LEGGI ANCHE:

Dalila Nesci (M5s): Esecutivo politico ripartendo da scelte Mattarella, Conte aiuti

Governo, incarico a Mario Draghi: ora le consultazioni. Mattarella: appello a tutti i gruppi per la fiducia

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI