È morto Massimo Preziosi, già sindaco di Avellino

Aveva 77 anni. Notissimo penalista e padre dell'attore Alessandro, si è spento nella notte scorsa. Il cordoglio della Camera Penale. Stamane i funerali in una gremitissima chiesa del Santissimo Rosario

È morto Massimo Preziosi, già sindaco di Avellino

È morto Massimo Preziosi, già sindaco di Avellino, notissimo penalista e padre dell’attore Alessandro. Una folla commossa ha partecipato ai suoi funerali questa mattina, ritrovandosi per l’ultimo saluto al suo ex sindaco sul sagrato della chiesa del Santissimo Rosario. Massimo Preziosi si è spento nella notte tra martedì e mercoledì 11 dicembre, aveva 77 anni. Fu eletto sindaco nel 1975 nel consiglio comunale su proposta della Democrazia Cristiana al fianco del capogruppo Dc Nicola Mancino, che poi 21 anni dopo sfidò alle elezioni politiche del 1996 nel colleggio senatoriale cittadino, ottenendo come un discreto consenso. Alla guida del capoluogo irpino rimase per cinque anni, amministrando il Comune di Avellino fino alla vigilia del terremoto, che il 23 novembre 1980 causò morte e distruzione in Irpinia e Basilicata. Benchè giovane, appena 33enne quando indossò la fascia tricolore, Massimo Preziosi viene ricordato come un amministratore autorevole, rigoroso e deciso. I suoi discorsi nella assemblea cittadina richiamavano l’attenzione dei cittadini, in una fase complessa della vita pubblica, durante la fase più cruenta del terrorismo. Sotto la sua amministrazione, la città completò quella evoluzione sotto diversi aspetti, anche urbanistici, iniziata con il suo predecessore, il compianto giornalista Nacchettino Aurigemma. Terminato il mandato sindacale, Massimo Preziosi tornò alla politica negli anni ’90, accettando la candidatura offertagli da Alleanza Nazionale alle elezioni politiche del 1996 nel Polo delle Libertà di Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini. Tredici anni dopo, raccolse nuovamente la sfida politica, quando fu sconfitto di misura al ballottaggio da Giuseppe Galasso nelle elezioni comunali del 2009, a capo di una coalizione di Centrodestra dove trovò il sostegno di Ciriaco De Mita.

Alessandro Preziosi, il noto attore italiano figlio dell’avvocato Massimo
La folla ai funerali di Massimo Preziosi celebrati nella chiesa del Santissimo Rosario di Avellino

In queste ore la città ricorda il profilo di un avvocato noto per le sue capacità, maestro per molte generazioni di professionisti, ricorda l’amministratore pubblico, ma soprattutto piange l’uomo. Numerosi i messaggi di cordoglio da parte di esponenti politici e del mondo forense, ma anche di cittadini comuni che hanno avuto modo di apprezzarlo. Ai funerali erano presenti alcuni ex sindaci di Avellino, in particolare Enzo Venezia, Angelo Romano e Paolo Foti, esponenti delle istituzioni, della politica e della cultura. In silenzio e con evidente partecipazione hanno seguito l’orazione funebre pronunciata dal figlio Alessandro, che ha ricevuto messaggi di cordoglio e le condoglianze dal mondo dello spettacolo non solo italiano. Nel suo ritratto del padre, Alessandro Preziosi ha tratteggiato la figura dell’avvocato, dell’amministratore locale, del cittadino Massimo Preziosi come quella di un galantuomo rigoroso e moralmente e intellettualmente esigente in primo luogo rispetto alla sua stessa famiglia. Nel dolore evidente e palpabile per la perdita, Alessandro Preziosi non è apparso dissimile nella dignità, nel contegno e nella eleganza da suo padre.

Alessandro Preziosi, l’orazione funebre per il padre Massimo, ai funerali celebrati nella chiesa del Santissimo Rosario di Avellino
La folla ai funerali di Massimo Preziosi celebrati nella chiesa del Santissimo Rosario di Avellino. Il figlio Alessandro Preziosi riceve le condoglianze prima della funzione

IL CORDOGLIO DELLA CAMERA PENALE IRPINA. Il Presidente della Camera Penale Irpina e tutto il Direttivo “piangono oggi la scomparsa di un grande maestro”, si legge in una nota. “Avvocato straordinario e uomo impegnato da sempre nelle battaglie a tutela dei diritti, Massimo Preziosi rimarrà per sempre nume tutelare dell’avvocatura penale Irpina ed italiana lungo il cammino della difesa delle garanzie del cittadino”.

CIPRIANO: SCOMPARE UN GALANTUOMO DELLA GIUSTIZIA E DELLA POLITICA
«Un galantuomo della giustizia e della politica. Un esempio di rara competenza, educazione e rispetto, parole chiave nella vita di Massimo Preziosi, avvocato e sindaco che ha lasciato il segno nella città di Avellino». Così lo ricorda il consigliere comunale Luca Cipriano in una nota. «Un uomo mite, elegante, sempre attento e mai sopra le righe, lontano anni luce dalla politica urlata e qualunquista dei nostri giorni. Un cittadino che si è impegnato per la sua comunità proseguendo nella trazione di una famiglia storica della nostra città. Con Massimo Preziosi scompare un eccellente avvocato, un importante sindaco della nostra storia, un esempio di uomo che ha fatto dell’educazione e del rispetto la cifra distintiva della sua vita», aggiunge Cipriano. «Alla famiglia tutta le mie più affettuose condoglianze” le parole di Luca Cipriano nel commentare la notizia della scomparsa dell’avvocato Massimo Preziosi».

L’ASSOCIAZIONE OSSIGENO: «ECCELLENTE AVVOCATO E FINE POLITICO, AVELLINO PERDE UN UOMO PERBENE». Anche l’Associazione Ossigeno ricorda la figura dell’e Sindaco di Avellino. «Con Massimo Preziosi scompare non solo un eccellente Avvocato, ma anche un uomo dalla grande levatura umana e fine politico. Una persona d’altri tempi, che si è sempre contraddistinta per la professionalità, la dedizione e la passione con cui ha affrontato tutti i suoi impegni», si legge in un comunicato diffuso dall’Associazione Ossigeno. «Da avvocato, così come da sindaco della città di Avellino e da Presidente della Camera Penale, Preziosi si è sempre battuto nelle battaglie a tutela dei diritti, mostrando quel rispetto, quella educazione e quella eleganza che lo hanno sempre contraddistinto. Con la scomparsa dell’Avvocato Massimo Preziosi, maestro per molte generazioni di professionisti, la città di Avellino perde un punto di riferimento oltre che per l’avvocatura, anche per l’impegno a tutela della sua comunità. E perde anche un eccellente politico, che metteva la sua competenza e la sua professionalità al servizio della gente e delle Istituzioni. Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte dell’Associazione Ossigeno».

ARTICOLI CORRELATI