«Il distretto del vino irpino, opportunità di crescita», focus a Taurasi

Nel pomeriggio di domani 6 dicembre l'incontro organizzato dal comitato promotore del Distretto Agroalimentare di qualità Vini Irpini con la regia di Coldiretti Avellino

Oreste La Stella, Presidente della Camera di Commercio e Direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Avellino

«Il distretto del vino irpino come opportunità di crescita per il territorio». Questo è il tema dell’incontro promosso dal comitato promotore del Distretto Agroalimentare di qualità Vini Irpini con la regia di Coldiretti Avellino che si terrà il prossimo 6 dicembre alle ore 16 presso il castello di Taurasi. Al confronto, aperto alle associazioni di categoria, agli enti e alle imprese del territorio, parteciperanno: Antonio Tranfaglia, Sindaco di Taurasi; Oreste Maria La Stella Presidente CCIA e Direttore Confcommercio Avellino; Francesco Maria Acampora, Presidente Coldiretti Avellino; Stefano Di Marzo, Presidente Consorzio di tutela vini d’Irpinia; Giuseppe Bruno, Presidente Confindustria Avellino; Riccardo Vecchio, Dipartimento di Agraria Unina Federico II; Ciro Picariello, Ordine dei dottori agronomi e Forestali di Avellino; Pietro Caterini, dirgente scolastico ‘De Sanctis-D’Agostino’ di Avellino; Gianbattista Capozzi, Collegio dei periti agrari e periti agrari laureati.

Il logo di Coldiretti nella sede dell’associazione ad Avellino

Al dibattito sul distretto del vino irpino, moderato dal Giornalista Annibale Discepolo, interverrano Roberto Mazzei consulente Coldiretti Campania, Ferdinando Gandolfi funzionario Regione Campania e concluderà il Presidente della Commissione Agricoltura della Regione Campania, Maurizio Petracca. «Il distretto del vino rappresenta un’opportunità di sviluppo per le imprese, i soggetti pubblici e le comunità irpine attorno al principale e più affascinante prodotto del nostro territorio: il vino», dichiara Francesco Maria Acampora. L’obiettivo primario sarà creare e sviluppare sinergie tra i vari stakeholders della filiera quali aziende agricole, agronomi e periti agrari, enti di ricerca, agroindustrie e commercianti per rilanciare l’intero territorio irpino, attraverso diverse misure che includono assistenza tecnica per l’innalzamento della qualità del prodotto, ricerca per l’introduzione di innovazioni, marketing territoriale per rafforzare il turismo rurale ed enogastronomico».

Taurasi, l’ingreso al borgo medievale

LEGGI ANCHE: 

Distretti turistici, la Provincia parte da Taurasi

Una Zes per i Distretti Turistici, Marrazzo: Aree interne attrattive

“Il Taurasi vino top al mondo”, parola di Paul Balke

“Il Taurasi come la Ferrari”, Paul Balke dà il voto a 200 etichette irpine

 

 

ARTICOLI CORRELATI