Ristrutturazione e riassetto dell'Ospedale Landolfi, il Moscati apre i cantieri. Nella foto: il Direttore Generale Pizzuti con il Direttore Amministrativo, Germano Perito, e il Direttore dell’Area Tecnica e Patrimonio, Sergio Casarella

Ristrutturazione e riassetto dell’Ospedale Landolfi di Solofra partiranno nelle prossime settimane. L’Azienda San Giuseppe Moscati apre i cantieri edilizio e quello della riorganizzazione generale, a partire dal riordino amministrativo atteso da un anno. Lo ha fatto sapere il Direttore Generale del Moscati, Renato Pizzuti, che venerdì ha incontrato anche il Sindaco di Solofra, Michele Vignola. Il Manager ha effettuato un sopralluogo nell’ex presidio Asl, accompagnato dal Direttore Amministrativo, Germano Perito, e dal Direttore dell’Area Tecnica e Patrimonio, Sergio Casarella venerdì mattina. Definito il cronoprogramma dei lavori, sono stati adottati i provvedimenti necessari «a dare un’accelerata al processo di integrazione con il plesso di Contrada Amoretta», si legge in una nota diffusa dall’Azienda di contrada Amoretta ad Avellino. Condiviso il piano operativo con il Sindaco Michele Vignola per la messa in sicurezza complessiva del fabbricato, il rifacimento della facciata, l’adeguamento delle stanze di degenza e delle sale operatorie.
«La recente approvazione del Piano di edilizia ospedaliera della Regione Campania con il conseguente sblocco dei relativi finanziamenti consentirà di investire, complessivamente, 30 milioni e mezzo di euro in ristrutturazioni e acquisto di nuove apparecchiature», ha ricordato Pizzuti. «Ritengo che la priorità nell’utilizzo degli investimenti vada data al plesso di Solofra, per il quale sono stati approvati e finanziati progetti per 7 milioni».

Sopralluogo per il riassetto dell’Ospedale Landolfi di Solofra. Il Direttore Generale dell’Azienda San Giuseppe Moscati di Avellino, Renato Pizzuti nei reparti

Dal sopralluogo è emerso che «l’urgenza riguarda la messa in sicurezza dei pannelli prefabbricati che costituiscono le tompagnature, con il ripristino dei copriferri e la sostituzione degli infissi». Alla luce degli elementi raccolti sul posto, ascoltati i livelli dirigenziali della struttura solofrana, Pizzuti ritiene si possa procedere simultaneamente con l’adeguamento dello stabilimento e il riassetto organizzativo. «Il Direttore Generale ha appurato che, attraverso una programmazione attenta e adeguata, i lavori esterni potranno essere avviati contestualmente agli interventi previsti nelle diverse Unità Operative», si legge infatti nel comunicato. «L’opera di restyling sarà inoltre accompagnata da un riassetto sul fronte amministrativo volto a raggiungere una reale integrazione tra il personale e l’organizzazione dei reparti dei due ospedali affinché non operino più come due entità distinte, ma come componenti di un’unica Azienda». Insomma, Pizzuti fa sapere che sono maturi i tempi per il definitivo distacco di quello che era il presidio sanitario dall’asp di Avellino.

Sopralluogo per il riassetto dell’Ospedale Landolfi di Solofra. Il Direttore Generale, Renato Pizzuti, accompagnato dal Direttore Amministrativo, Germano Perito, e dal Direttore dell’Area Tecnica e Patrimonio, Sergio Casarella

SANCITA LA COLLABORAZIONE TRA MOSCATI E COMUNE DI SOLOFRA. Le considerazioni emerse dal sopralluogo sono state trasferite al sindaco Michele Vignola, al quale il manager Pizzuti ha fatto visita presso la Casa Comunale, si apprende. «Sia il Direttore Generale che io abbiamo avvertito l’esigenza di conoscerci», ha affermato Vignola. «È stato un primo incontro cordiale, positivo e propositivo. Abbiamo gettato le basi per una collaborazione, ciascuno nell’ambito delle rispettive competenze, finalizzata ad affrontare le problematiche ancora aperte relative all’annessione del ‘Landolfi’ all’Azienda Moscati», ha concluso il Sindaco di Solofra.


LEGGI ANCHE: 

“Landolfi in emergenza”, Uil Fpl al Moscati: Piano per l’accorpamento

Edilizia Sanitaria, 23 milioni al Moscati e 7 per Solofra: nasce il nuovo ospedale di Avellino

 

 

ARTICOLI CORRELATI