Un reparto dell'Ospedale di Avellino, l'Azienda San Giuseppe Moscati

Sono 308 le assunzioni approvate dalla Regione Campania nella Sanità irpina tra Azienda San Giuseppe Moscati e l’Asl di Avellino per le quali in queste ore è stata data conunicazione a livello ministeriale. Nel primo caso fino al 2020 si prevede di immettere 162 unità, nel secondo 146, la maggiorparte delle quali entro quest’anno.

IL PING PONG TRA NAPOLI E ROMA. Pur avendo ottenuto al tavolo delle verifiche periodiche il riconoscimento del risanamento finanziario realizzato negli ultimi cinque anni, la Regione resta commissariata e, quindi, sottoposta ad accompagnamento ministeriale per ogni passo. A partire dall’autorizzazione per il singolo appalto in una qualsiasi delle aziende sanitarie o ospedaliera, ogni operazione comporta tempistiche lunghe e non sempre gestibili.

“SERVE UNA RICOSTRUZIONE DELLA SANITÀ”. Non è più rinviabile l’integrazione degli organici, le cui carenze gravano su chi lavora nelle singole aziende, come dimostrano le sofferenze che si registrano nel pronto soccorso e nei reparti in prima linea nella domanda di assistenza e cura. Presentando il suo piano di assunzioni in Campania, 7600 tra medici, infermieri e stabilizzazione di precari, il Governatore nei panni di commissario aveva parlato di una ricostruzione del sistema sanitario, svuotato in undici anni di Piano di Rientro di buona parte del personale in forza alle strutture territoriali. L’assunzione di 7mila 600 fra medici, infermieri e tecnici nelle Asl e nelle aziende ospedaliere della Regione Campania mira all’occupazione immediata nell’arco del 2019 di tutte le 7mila e 600 unità, che si dividono in due categorie: mille e 500 precari di lungo corso stabilizzati; 6mila invece sono medici, infermieri e tecnici. Il piano di assunzioni è stato elaborato sulla base del fabbisogno presentato da Asl e Aziende Ospedaliere all’inizio dell’anno, quando sono stati fatti gli assestamenti, in conseguenza dell’approvazione definitiva del piano ospedaliero.

GLI INSERIMENTI AD AVELLINO. Per il 2019 il fabbisogno indicato dall’Azienda Sanitaria è di 101 unità, cui si aggiungono quelle già previste per il 2018, cioè 30 innesti per un totale di 131. Al Moscati è invece di 56 unità, oltre alle assunzioni previste nel 2018, pari a 81, per un totale di 137. A gennaio il fabbisogno è stato aggiornato in via provvisoria, in attesa del via libera commissariale. Ora i Direttori Generali, Angelo Percopo e Maria Morgante, sono chiamati a renderli definitivi. I piani saranno sempre sottoposti a controllo di compatibilità con i parametri di bilancio. Entro marzo potranno essere effettuate modifiche, che saranno recepite nel nuovo piano di fabbisogno 2019-21. Comunque la spesa complessiva per il personale non potrà superare il limite di spesa stabilito dalla Legge 191/2009 (-1,4% della spesa del personale del 2004).


LE TABELLE

Azienda San Giuseppe Moscati

Il fabbosogno del personale nell’Azienda San Giuseppe Moscati di Avellino

Azienda Sanitaria Locale Avellino 

Il fabbisogno di personale comunicato dall’Asl, ratificato dalla Struttura commissariale