Neve in Irpinia, Aquilonia isolata: appello al Prefetto

Lavoro incessante e continuo per i caschi rossi del Comando di Via Zigarelli di Avellino. Questa mattina alle prime luci dell'alba è stato tratto in salvo l'autista di un tir che era andato in panne sulla Statale all'altezza di Altavilla Irpina

Questa mattina alle prime luci dell’alba i Vigili del Fuoco di Avellino hanno soccorso l’autista di un tir in panne che a causa del ghiaccio è rimasto bloccato lungo la Statale 88 al km 52 all’altezza di Altavilla Irpina. L’attività dei caschi rossi è proseguita tutta la notte e in varie zone del territorio provinciale avvolto dalle precipitazioni nevose e dalla copertura di ghiaccio del manto stradale.

Il comando di Via Zigarelli diretto dal Comandante Rosa D’Eliseo sta facendo fronte in questo momento alle decine di chiamate di intervento per il trasporto di dializzati in ospedale, rimozioni di mezzi dalle carreggiate e salvataggi di persone rimaste bloccate nelle auto.

Come preannunciato dalla Protezione Civile e dalle previsioni Meteo, la perturbazione a carattere nevoso sta lasciando in queste ultime ore una breve tregua. Restano però cumuli di neve in molti Comuni dell’ Alta Irpinia e della Baronia. Mezzi spartineve e spargisale in azione nei comuni, mentre arrivano decine di segnalazioni sulla presenza di ghiaccio lungo l’Ofantina bis.

Ad Aquilonia la situazione è drammatica,  segnala il Sindaco. Il Comune di Aquilonia ha scritto ieri una diffida al Prefetto, al Presidente della Provincia e al Comando dei carabinieri di Aquilonia per denunciare il grave isolamento a cui è stato costretto il comune per lo stato di gravità ed emergenza delle strade provinciali 51 e 156, che a causa delle neve sono divenute impraticabili. “Tale stato compromette la risoluzione di ogni possibile emergenza” si legge nella nota di ieri. Fortunatamente la crisi è rientrata nella giornata di oggi. Ma le proteste contro la Provincia si moltiplicano.

Nella serata di ieri all’altezza di Andretta un’auto con una coppia di coniugi è finita in una cunetta lungo la statale 90 delle Puglie durante la tempesta di neve. Al momento la Baronia denuncia una pesante condizione di isolamento a causa delle precipitazioni che hanno raggiunto fino ad un metro di altezza, rendendo impossibili le comunicazioni.

Le strade provinciali sembrano rappresentare il nervo scoperto. I sindaci di Cairano e Sant’Andrea di Conza hanno presentato denuncia nei confronti della Provincia per la mancata pulizia delle strade e rimozione del ghiaccio che ha di fatto congelato la circolazione sull’Ofantina, paralizzando i comuni. Proteste vibrate anche da parte di altre amministrazioni comunali e molti comuni come Zungoli si sono organizzati autonomamente. I pendolari che sono arrivati in irpinia per le festività natalizie o che al contrario sono partiti per trascorrere fuori le vacanze, hanno avuto grandi difficoltà a rientrare.