Serino, rapina a mano armata a due portavalori. Spari e fiamme sul raccordo. Bottino: 2 milioni

RUBATA UNA PARTE DEL CARICO DI DENARO DESTINATO ALLA BANCA D'ITALIA: 2 MILIONI DI EURO IN CONTANTI. Una pattuglia della Polizia è intervenuta durante l'assalto a portavalori, rispondendo al fuoco dei malviventi, che si sono dati alla fuga sottraendo l'auto a una signora. Traffico paralizzato, sul posto la Dda di Napoli e il Procuratore di Avellino Cantelmo. - IN AGGIORNAMENTO

Avrebbe fruttato due milioni di euro la rapina a mano armata condotta a due furgoni portavalori della Cosmopol, assaltati intorno alle 10.15 sul raccordo autostradale Avellino- Salerno. Un commando armato formato da più gruppi ha assaltato con due furgoni i blindati lungo la carreggiata Sud all’altezza dello svincolo per Serino, in direzione di Salerno. Secondo le prime ricostruzioni gli assalitori sarebbero stati armati di fucili Kalashnikov e avrebbero utilizzato una escavatrice per forzare il blindato di sicurezza.

Si tratterebbe di un colpo progettato da tempo e nei minimi particolari. Chi ha operato aveva messo in preventivo l’intervento delle forze dell’ordine, come dimostrano le bande chiodate anticarro sistemate sulla strada per impedire eventuali inseguimenti.

Il gruppo ha fermato una autocisterna per il trasporto dei carburanti, intimando all’autista sotto la minaccia delle armi di posizionare il mezzo di traverso, quando è sopraggiunta un’auto della polizia. Gli agenti della pattuglia sono intervenuti e i malviventi hanno aperto il fuoco. I portavalori erano diretti alla Banca d’Italia di Avellino e dovevano depositare ingenti quantità di denaro.

Uno dei portavalori coinvolti nel tentativo di rapina
Il fumo si leva da un veicolo in fuamme sul raccordo Avellino Salerno dopo il conflitto a fuoco scaturito da un tentativo di rapina al portavalori

In fiamme alcuni veicoli, da cui si sono levate dense colonne di fumo visibili a grande distanza, anche oltre il monte Pergola, durante il conflitto a fuoco avvenuto non lontano dalla imboccatura del tunnel. Sarebbero stati gli stessi banditi ad incendiare i mezzi.

L’incendio ha interessato numerosi autoveicoli lungo il tratto autostradale Avellino-Salerno, in entrambe le carreggiate, ed entrambi i sensi di marcia, e più precisamente nel tratto che va da Serino ad Atripalda. «Hanno fatto ricorso all’incendio delle autovetture rendendo intransitabile l’autostrada in entrambi i sensi di marcia», hanno fatto sapere i Vigili del Fuoco. I numerosi banditi si sono divisi in due gruppi, uno dei quali è fuggito verso Salerno. Alcuni sono fuggiti a piedi attraverso le campagne, altri sottraendo una delle auto ferme in coda alla donna che era alla guida, scaraventata sulla strada, sotto lo sguardo impietrito degli automobilisti, increduli di fronte ad una scena irreale.

Tutto questo mentre il traffico si è paralizzato. Sul posto, i Vigili del Fuoco e altri agenti della Polizia, che hanno risposto alla richiesta di rinforzi. Da Napoli sono arrivati la DDA e da Avellino il Procuratore della Repubblica Rosario Cantelmo.

INTERVENTO DEI VIGILI DEL FUOCO. Particolarmente delicato l’intervento dei vigili del Fuoco di Avellino, giunti sulla scena della rapina alle ore 09.42, per un intervento di soccorso sollecitato dai Carabinieri, dalla Polizia Stradale e da molteplici cittadini. Sono intervenute due squadre sul posto, inviate dal Comando di Avellino, supportate anche da un’autobotte, mentre a dare man forte al personale di Avellino, è giunta anche la squadra dal distaccamento di Mercato San Severino, e un’autobotte dal Comando di Salerno. Sul posto anche il funzionario di guardia per il coordinamento delle operazioni.

In aggiornamento