Taurasi: edizione invernale della Fiera Enologica

A Taurasi weekend dedicato alle degustazioni con esperti di settore, alla promozione del vino DOP e al divertimento con tanta buon musica.

Versione invernale per la Fiera Enologica di Taurasi. Tre giorni di appuntamenti dal 27 al 29 dicembre nel borgo vocato all’enoturismo. Visite al castello, degustazioni e concerti. Tutto da delibera di Giunta del Commissario straordinario Mario La Montagna.

Ci saranno momenti dedicati alla stampa specializzata e agli operatori di settore. Lo scopo dell’iniziativa tutta incastonata nel clima natalizio è quello di mantenere viva la presenza del vino Taurasi DOP sui mercati internazionali nonchè quella di aprire le porte del suggestivo borgo ai turisti.Dalla possibilità per gli esperti in materia di degustare il vino e incontrare i produttori possono nascere accordi commerciali. Protagonista dunque sarà il vino ma anche la cultura e il cibo buono.

Vero motore dell’economia locale, il settore vitivinicolo nel tempo ha saputo riaffermarsi in tutta la provincia. La versione “Summer” della fiera, complice anche il clima caldo della bella stagione, attira in media ogni anno circa 80mila visitatori. Si punta ovviamente a destagionalizzare le presenze nel periodo invernale e incentivare la permanenza in loco almeno per una notte. 

Il target di riferimento è rappresentato da appassionati e curiosi di tutto il Centro Sud. Per quanto riguarda i contatti di settore, verranno contattati esperti negli States, nel Canada e nel Nord Europa. La delibera nella scheda progettuale mette in conto anche pacchetti turistici speciali che prevedono tappe in Costiera, a Pompei, a Napoli e in generale nei luoghi simbolo della bellezza campana nel mondo.

Di recente anche la rivista Forbes ha premiato il Taurasi come must drink tra i vini rossi italiani. La testata definisce il distillato come “perla del Sud”. Un’appuntamento importante di cui si compiace l’intero comprensorio. Una sfida nuova proprio perchè in versione invernale che cerca di lanciare una freccia oltre. Di superare la concentrazione estiva degli appuntamenti in Irpinia e fornire anche un servizio di tipo ricreativo e ludico nel periodo più statico dell’anno (dal punto di vista dell’intrattenimento)