Ariano Irpino, assuntore e non spacciatore. Liberato 42enne romano

Il Gip del Tribunale di Benevento ha rimesso in libertà, non convalidando l'arresto, l'uomo che era accusato il 30 ottobre scorso di detenzione a fini di spaccio. Nel suo camper, spiega, non c'erano armi

Era stato arrestato dagli Agenti del Commissariato di Ariano Irpino il 30 ottobre scorso un cittadino romano 42enne residente in Irpinia accusato del reato di detenzione di stupefacenti e possesso illegale di arma da fuoco. Si contestava il delitto di detenzione ai fini dello spaccio, non avallata successivamente dal Gip, che non ha convalidato la misura cautelare degli arresti domiciliari, riferisce l’interessato esibendo l’ordinanza. Il 2 novembre, il Giudice per le indagini preliminari ha rigettato l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. e ha ordinato la liberazione del 42enne romano.

La decisione del giudice si motiva dal fatto che le quantità trovate in possesso dell’uomo non proverebbero lo spaccio, visto che non sarebbero stati ritrovati materiali per il confezionamento. Il giudice ha quindi ritenuto l’uomo un assuntore abituale, come si è peraltro dichiarato stando all’ordinanza, considerando i bilancini di precisione ritrovati compatibili con l’esigenza di un assuntore.

Tutto questo lo fa sapere lo stesso indagato, assistito dai suoi legali nella vicenda, chiedendo la diffusione della notizia della sua avvenuta liberazione a completamento della prima informazione, circa un arresto che poi non è risultato confermato, in base alle norme sulla rettifica, sollecitando anche la precisazione che la presunta arma ritrovata nel suo camper non sarebbe stata in grado di offendere.