Zungoli: il centro storico sarà antisismico

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha finanziato tre progetti comunali. Adeguamento sismico e risanamento idrogeologico per Zungoli.

Zungoli – Finanziato progetto per recupero funzionale e adeguamento sismico delle unità abitative pubbliche del centro storico. Quasi cinquecentomila euro per il piano.Altri fondi per il Comune di Zungoli riguardano il risanamento per dissesto idrogeologico per una somma complessiva di circa sessantamila euro.

“Sarà un progetto di risanamento di edifici e case. Si tratterà del recupero del borgo. È un grande progetto che metterà in sicurezza l’area. Un’operazione importante e necessaria”, ha dichiarato Poalo Caruso, sindaco di Zungoli.

Il significato dei finanziamenti va contestualizzato nel percorso di crescita e di sviluppo del borgo. Il paese Bandiera Arancione e parte dell’Associazione nazionale “Borghi più belli d’Italia” è anche socio della Lega delle Autonomie Locali. Si tratta di “un’associazione di comuni, province, regioni, comunità montane, costituitasi nel 1916 e da sempre impegnata per la crescita democratica e civile del Paese attraverso un processo di rinnovamento istituzionale fondato sulla valorizzazione delle amministrazioni locali e regionali”.

Soddisfazione per l’amministrazione comunale a lavoro h 24 per rimettere a nuovo il paese che fino a pochi anni fa era nella lista nera dei borghi a rischio estinzione. Soprattutto il lavoro è sinergico rispetto alla messa in rete del Comune medesimo e ancor più del collegamento “da e per” altri paesi. In particolare, molto si sta facendo per collegare Zungoli alla Valle Ufita e al casello autostradale di Grottaminarda.

Il sindaco Paolo Caruso, tessitore di relazioni inter istituzionali, ha preso di petto la situazione. Il pacchetto di un paese dalle mille risorse ma scoordinate, disadattate e adagiate su un destino percepito come avverso. Poi la presa in carico del patrimonio culturale, storico, gastronomico e turistico. Il rilancio della filiera agricola e della zootecnia. L’albergo diffuso e il potenziamento della recettività per favorire l’arrivo di turisti. Flusso che negli ultimi anni è in aumento.