Agricoltura, D’Amelio a Cernobbio firma petizione “Eat original”

Si tratta di uno "Strumento di tutela delle aziende campane e delle produzioni di eccellenza"

Una petizione europea per proteggere l’agricoltura di qualità in particolare in Italia e nel Mezzogiorno. La Presidente del Consiglio Regionale Rosa D’Amelio a Cernobbio ha firmato la petizione “Eat original” per rendere obbligatoria l’inducazione di origine degli alimenti. Per la D’Amelio, come spiega in una nota, si tratta di uno “Strumento di tutela delle aziende campane e delle produzioni di eccellenza”, si legge.

“Questa mattina ho firmato on line, a margine del lancio dell’iniziativa europea dei cittadini “Eat original – Scegli l’origine”, la petizione internazionale all’Unione Europea per rendere obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti. Una firma necessaria perché una corretta e completa etichettatura protegge la nostra salute, previene le frodi alimentari che valgono 100 miliardi di euro, e garantisce i diritti dei consumatori”.

Oggi Rosetta D’Amelio si trova a Cernobbio per i lavori del “Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione” di Coldiretti.

“Sostenere questa iniziativa, che ha bisogno di 10mila firme raccolte in sette diversi Paesi dell’Ue, significa portare il dibattito sull’etichettatura dei prodotti a livello europeo, tutelare le nostre aziende, spesso campane, e le loro eccellenti produzioni e contribuire a maturare una diversa sensibilità tra i cittadini, i produttori e gli Stati su un’alimentazione sana e sostenibile. In Italia siamo a buon punto, ma anche gli altri Paesi devono impegnarsi su questo fronte”.