Avellino, morto di infarto in una baracca lungo il Fenestrelle. Stava lavorando nell’orto

Sul posto Polizia e Carabinieri. La vittima aveva 51 anni e frequentava la zona di via Palombi dove curava uno degli orti vicino al torrente. La salma è stata trasportata al Moscati per l'esame autoptico, poi l'esito

Il cadavere di un uomo è stato ritrovato ad Avellino a poca distanza da piazza Castello, sotto il ponte che conduce a San Tommaso, in via Palombi. Non è noto il nome del 51enne, trovato riverso all’interno di una baracca tra i rovi. In attesa dell’esame autoptico non si erano escluse alcuna ipotesi per la causa del decesso. Tre ore dopo la soluzione.

Dal primo esame condotto dal medico legale Lamberto Pianese al Moscati di Avellino, la morte sarebbe sopraggiunta per cause naturali. A riferirlo fonti della Questura di Avellino. A stroncare il 51enne un infarto, molto presumibilmente.

Nel pomeriggio erano state ascoltate sul posto alcune persone e raccolte varie terstimonianze dagli agenti della Polizia che hanno avviato una indagine sull’accaduto. L’uomo era solito frequentare quella zona dove curava uno dei tanti orti che fiancheggiano le sponde del fiume. Molto probabilmente l’attacco cardiaco si è verificato proprio mentre era impegnato nell’area coltivata.