Manifesti 6×3: diffusa la nuova versione digitale
Nel mirino gli oppositori

Dopo la bocciatura delle linee programmatiche di Ciampi, l'esponente di governo del Movimento 5 Stelle ha annunciato su Facebook una nuova gogna mediatica per i consiglieri d'opposizione che hanno votato contro il sindaco. In serata puntuale è arrivato il manifesto digitale

Manifesti 6×3: il sottosegretario ci ricasca. Carlo Sibilia, deputato dei Cinque Stelle con delega agli Interni, ha lanciato una nuova fatwa sul suo profilo Facebook.

E puntuale in serata, giusto ventiquattro ore dopo il Consiglio, è arrivata l’immagine del manifesto, che ancora una volta elenca i consiglieri colpevoli di aver votato contro le linee programmatiche proposte dal sindaco.

“Ex Isochimica, la riqualificazione e il monitoraggio di tutta l’area, insieme ad un piano antismog che permetta agli avellinesi di vivere in un ambiente più sano.
E’ quanto abbiamo inserito nelle linee programmatiche votate nel Consiglio di ieri.
Ecco chi ha votato contro:…”, il post che accompagna il manifesto digitale, qui riportato privo dei nomi in calce.

Il manifesto )con i nomi travisati) dei consiglieri indicati come responsabili di aver votato contro le linee programmatiche del Sindaco

Lunedì sera, non appena gli è giunta notizia della sonora bocciatura delle linee programmatiche del sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, (leggi l’articolo) aveva deciso di intervenire a suo modo: annunciando nuove vele mobili su cui affiggere le immagini e l’elenco dei consiglieri comunali d’opposizione che hanno osato votare contro il programma copia e incolla.

Il post di Carlo Sibilia su Facebook

«Appena conclusasi votazione nominale – ha scritto Sibilia – sul programma che il Sindaco vuole portare avanti per la città …in arrivo altra diffusione di informazioni, di fatti, di verità.
Tutti devono sapere chi ha detto NO a cosa. Buonanotte
Sto ripassando la tabellina del 6 e anche quella del 3».

Ormai le vicende di Piazza del Popolo sembrano essere diventate una vera e propria ossessione per l’esponente grillino.

Nonostante le polemiche registrate la volta scorsa, anche tra gli stessi attivisti del M5S, e la difficile posizione nella quale si è trovato a doversi districare il sindaco, la storia pare debba ripetersi.

Sul social non sono mancate immediate e sferzanti repliche all’annuncio di Sibilia.

«Si vede che ha soldi da buttare sottosegretario…perché non sana le finanze della città e magari si impegna nel ruolo di cui è investito invece di infestare la politica locale? Metta la sua faccia sui prossimi 6×3, ne avrebbe diritto». E’ la riflessione di una utente.

Sagace la battuta di un altro internauta: «Stavolta fai prima a mettere chi ha votato a favore, te costa meno».

«La città vi ha già conosciuto, avrebbe detto mia nonna», incalza un lettore che non ha condiviso l’idea di una nuova gogna mediatica per i consiglieri comunali che hanno legittimamente espresso la propria posizione, nell’esercizio di un ruolo istituzionale.

C’è chi, invece, ha pensato di pubblicare un commento al post senza parole, lasciando spazio agli emoji: ambulanze che sfrecciano a sirene spiegate.