Popolo e Territorio: «Ricostruire il centrodestra rinnovando»

L’Associazione commenta l'esito del dibattito promosso da Forza Italia in Irpinia sollecitando un cambio significativo della strategia organizzativa e della rappresentanza

Con una nota diffusa ai media locali, l’Associazione politico-culturale “Popolo e Territorio” interviene con una riflessione sul futuro del Centrodestra in Irpinia. Nel testo si fa riferimento «alla situazione attuale dei territori», alla «lontananza della politica dalla gente», alle «scarse attenzioni dei riferimenti politici e dei partiti che latitano nelle comunità, lasciando la base e gli elettori alla confusione e all’allontanamento progressivo». Fondamentalmente si chiede un cambiamento del gruppo dirigente, sollecitando un passo di lato a chi ha avuto responsabilità di rappresentanza nelle ultime sconfitte elettorali. Di seguito il testo.


Forza Italia in Irpinia, ricostruire il centrodestra in provincia

Nota dell’Associazione Popolo e Territorio

Popolo e Territorio, il simbolo della Associazione

La nostra Associazione ha partecipato, in piena autonomia, all’evento odierno, riunione e/o conferenza stampa che sia, presso il Circolo della Stampa in Avellino, per ascoltare e comprendere la visione di cui alla premessa: “Ricostruire il Centrodestra in Irpinia». E lo fa con estrema attenzione e preoccupazione, ove al momento il Centrodestra provinciale, nei suoi Riferimenti, è in un palese stato di frammentazione e dissipazione; ed il suo Corpo elettorale, ovvero la base territoriale capillare, è in un evidente momento di confusione e dispersione. L’Associazione Popolo e Territorio ritiene di poter affrontare le questioni che, in merito, emergono già da tempo; e, con proficuo spirito di apertura e confronto, oltrepassando gli attuali cespugli e le sparute fughe in avanti verso le Politiche del 2023, di essere, oggi, se non l’unica ma sicuramente tra le poche, a sollevare questioni e a contribuire alle riflessioni, partendo dal Territorio, tra la gente, i cittadini e gli elettori.

Forza Italia in Irpinia, ricostruire il centrodestra in provincia. La locandina

Lo fa, nei fatti, con giusta causa e pertinente cognizione di quanto; essendo stata la stessa Associazione, con le firme raccolte e consegnate, determinante alla presentazione della Lista “Irpinia Protagonista”, nel merito delle ultime Elezioni provinciali. Non meno perché, rammentandolo, l’Associazione Popolo e Territorio, con la lista contraddistinta con il proprio simbolo, ha contribuito, nell’ambito del Centrodestra, alle scorse Elezioni regionali; ove, qui, il risultato ottenuto, in considerazione ed al pari delle altre forze di coalizione, lo si può considerare, inopinabilmente, abbastanza soddisfacente. Pertanto, al riguardo, seppur disponibili ad essere parte attenta ed integrante di questa “annunciata ricostruzione”, non ci si può, però, esimere, proprio per tali premesse, dall’evidenziare “talune questioni che appaiono contorte e non favorevoli” allo spirito di cui, con presunta ritrovata volontà, ci si ammanta, oggi qui, e da più parti. Innanzitutto ci si chiede il perché della scelta di fare tale iniziativa promossa da una sola forza della coalizione ed in un ambito anche troppo ristretto come quello della sala del Circolo della Stampa; e non, invece, presso un più ampio auditorium, con la partecipazione più diffusa sia della base che dei riferimenti del Centrodestra locale, compreso il neo eletto Consigliere provinciale, vista la strategica importanza dell’Ente Provincia nel quadro del PNRR.

Mara Carfagna

Ove ci sono, proprio nel Centrodestra irpino, precipui riferimenti nei vari attuali Ministeri, come in quello del Ministro Mara Carfagna; ma che, inopportunamente, in questa manifestazione, mancano proprio come e tra i protagonisti. Sul PNRR, l’Associazione, ribadisce, come già in altre occasioni, di proporsi non solo come “utile sentinella del Territorio”, ma, anche e soprattutto, come “strumento di ascolto e proposte del Popolo”. Non si può, in effetti, negare la fondamentale importanza delle progettualità e dei flussi economici che saranno garantiti dal PNRR, a disposizione dell’intero Territorio, e per i quali la gestione politica è e sarà rilevante. Dunque, quale miglior occasione di questa per ricostruire il Territorio, la Politica, le Comunità della Provincia? Nell’auspicio forte, anche se poco convinto, che ciò avvenga, questa volta, con protagonisti radicati sul Territorio e legittimati da esso che non provengano, dunque, “dalle lontane stanze di Roma o, peggio ancor, da quelle esclusivamente salernitane”; che non siano, quindi, nuovamente, figli e nipoti, amiche o fidanzate varie e, che, l’Irpinia non sia, come da tempo ormai inesorabile succede, svenduta o barattata: la solita terra, scarna e non considerata, ma comunque utile alla conquista! Poi ci si chiede, non tanto ironicamente, a proposito di “ricostruzioni”, con una domanda diretta: “Vi fareste ricostruire casa dallo stesso ingegnere e dalla stessa ditta che ne hanno causato la caduta?”.

Stefano Caldoro

La presenza, oggi, del già Presidente Caldoro, evanescente capo dell’Opposizione regionale ed ancor più evanescente in termini di presenza sui territori, lascia tutti stupiti e pone un’altra domanda, forse qui un po’ più ironica: “avrà forse, finalmente, ritrovato il Suo navigatore satellitare e ricalcolato il tragitto per Avellino?” Ove in Irpinia, infatti, se ne erano, da tempo, perse le tracce; maturando l’idea di uno smarrimento definitivo e di un definitivo disinteresse per questa parte di Campania! Si richiama, concludendo, costoro, “ingegneri ditte e manovalanze varie”, prima di proporsi, proporre e progettare “nuovi modelli di ricostruzione”, di assumersi le dovute responsabilità dell’attuale stato di cose, di trarne le congrue considerazioni e, non meno, di “confrontarsi con la base direttamente sul territorio”; ove è e rimane indispensabile la legittimazione di quest’ultimo, quale unico se non il più importante strumento per ripartire davvero e ricostruire!


LEGGI ANCHE:

La Campania è zona bianca fino a Natale, ma da oggi stop movida e feste nei locali. Le regole

Positivi al coronavirus in Irpinia 118 (772 in 10 giorni): l’elenco. In Campania: 2.650 casi e 7 decessi

Open day vaccinale in Irpinia oggi, anche terza dose, ma su prenotazione: link e sedi

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI