Diga di Campolattaro interamente finanziata con 512 milioni

IL PRESIDENTE DE LUCA: «SI REALIZZA LA PIÙ GRANDE OPERA IDRICA DEL SUD». La Giunta della Regione Campania ha deliberato la propria quota dell'investimento con 307 milioni che s aggiungono alle risorse a valere sul PNRR per 205 milioni di euro

La Diga di Campolattaro è da oggi interamente finanziata con finanziamento complessivo di 512 milioni. La Giunta della Regione Campania ha deliberato la propria quota dell’investimento con 307 milioni che si aggiungono alle risorse a valere sul PNRR – Piano nazionale di ripresa e resilienza per 205 milioni di euro.

Diga di Campolattaro interamente finanziata con 512 milioni da Regione Campania e Ministero delle infrastrutture

IN DUE MESI OTTENUTA LA COOPERTURA FINANZIARIA AL PROGETTO. Inserita nel Decreto Semplificazioni dal Consiglio dei Ministri lo 28 maggio, l’opera rientra tra i 7 interventi strategici nazionali del “PNRR”. Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile Enrico Giovannini in attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha firmato lo scorso 18 dicembre il Decreto che stanzia 205 milioni di euro per il progetto della Regione Campania relativo alla Diga di Campolattaro. «Con il provvedimento si garantisce la copertura dell’intera opera, compresi gli interventi in campo irriguo, come anche di recente richiesto dalle associazioni di categoria del mondo agricolo», annuncia la Giunta Regionale. «Si conferma in concreto ed in tempi rapidi l’impegno della Regione per attuare un’opera di valenza storica, che garantirà l’autonomia idrica della Campania per gli usi potabili e lo sviluppo delle produzioni agricole, con prioritari benefici per l’area Sannita». Dall’invaso si articoleranno reti di diramazione per portare risorsa idrica alla città di Benevento e alla Valle Telesina, ma anche negli altri acquedotti regionali della Campania. La copertura finanziaria integrale dell’intervento «consentirà di accelerare l’approvazione unitaria dell’intero progetto da parte del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici, presupposto essenziale per il rapido prosieguo attuativo dell’importante opera pubblica, di cui la Regione è soggetto attuatore».​

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca

IL PRESIDENTE DE LUCA: «SI REALIZZA LA PIÙ GRANDE OPERA IDRICA DEL SUD». Attraverso una nota il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha sottolineato la portata dell’investimento. «Viene premiata la capacità progettuale della Campania, che ha proposto l’intervento idrico più importante nell’Italia meridionale per i prossimi decenni. Si tratta di un’opera strategica, fortemente voluta dall’amministrazione regionale, e che consentirà di raggiungere la piena autonomia idrica della nostra regione».

DIGA DI CAMPOLATTARO, LE CIFRE. L’imponente opera comprende una galleria di derivazione, lunga 7,5 chilometri, un impianto di potabilizzazione con potenzialità massima di 3000 litri al secondo, le reti di diramazione per decine di chilometri che consentiranno l’alimentazione dell’intera provincia di Benevento (con particolare riferimento a città capoluogo, Fortore, Alto Sannio,Valle Telesina) il collegamento con i principali acquedotti regionali, opere ad uso irriguo nella valle Telesina. Il costo complessivo dell’opera è di circa 480 milioni di euro, di cui 275 a carico della Regione Campania, che sarà soggetto attuatore.


LEGGI ANCHE:

Infrastrutture della Regione Campania, dal Cipess 1,6 miliardi: le opere

PNRR, 82 miliardi per rilanciare il Mezzogiorno. Il Piano

In Campania i positivi al Covid-19 sono 2.256, impennata nelle 24 ore con 6 morti

La Campania è zona bianca fino a Natale. Contagi: +7,5% in 7 giorni, stop movida. Le regole

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI