Green pass con la terza dose vale 12 mesi. Entro l’anno scatta anche per gli Over 50

Sono in distribuzione le nuove certificazioni verdi. Hanno validità di un anno per chi fa la terza dose o la seconda per vaccino monodose o vaccino unico dopo la guarigione. Le regole

Il Green pass con la terza dose vale 12 mesi. Lo ha fatto sapere il Governo, integrando le Faq sulla certificazione verde. La decisione introduce l’obbligo del nuovo richiamo per tutti, sia pure per gradi. Dopo gli over 60 saranno i 50enni a ricevere la terza dose tra novembre e dicembre. Ecco i particolari del nuovo Green pass.

Vaccinazione anti Covid-19

IL NUOVO GREEN PASS CON LA TERZA DOSE. Le nuove Certificazioni per “terza dose” vengono emesse il giorno successivo alla vaccinazione e hanno validità per 12 mesi dalla data della somministrazione della dose aggiuntiva al ciclo completato. Si indica la terza dose per ciclo a due dosi, seconda dose in caso di ciclo completato con dose singola.

CAMBIA L’INDICAZIONE. I nuovi green pass vengono emessi indicando nel “numero di dosi effettuate / numero totale dosi previste per ciclo vaccinale completo”: 2 di 1 nel caso di precedente completamento del ciclo vaccinale con vaccino monodose o con dose unica dopo guarigione da Covid-19; 3 di 2 nel caso di completamento del ciclo vaccinale dopo due dosi.

DA OTTOBRE RILASCIATI GIÀ I PRIMI GREEN PASS RINNOVATI. “Nel nostro Paese, il via alla vaccinazione con dose aggiuntiva è stato dato il 20 settembre 2021, quello per la dose booster (richiamo) il 27 settembre”, ricorda il Governo. “La Piattaforma nazionale DGC ha cominciato a rilasciare le nuove Certificazioni di dose aggiuntiva e booster dai primi di ottobre 2021”.

PER GLI OVER 50 LA TERZA DOSE SCATTA ENTRO DICEMBRE. Nel frattempo, si amplia la platea dei destinatari della terza dose. Entro l’anno scatta anche per gli Over 50. Le persone con età pari o superiore ai 50 anni (nate fino al 1971) dovranno ricevere la dose booster, fermo restando il solo vincolo del rispetto dell’intervallo temporale di almeno 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Il Commissario ha recentemente fornito un aggiornamento delle indicazioni sulla somministrazione di dosi addizionali e di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID- 19, facendo chiarezza sulla materia. Attualmente la terza dose di vaccino Covid-19 viene somministrata a tutti gli over 60, ma anche alle persone di età inferiore ai 60anni «affetti da patologie o situazioni di compromissione immunologica». Si ritiene necessaria la terza dose anche per le persone che, a prescindere dall’età, possono veder aumentato il rischio di contrarre il Covid-19 in forme severe. Nell’elenco dei destinatari ci sono gli operatori ospedalieri e sanitari della filiera pubblica e privata.


La circolare
  • Dose addizionale. È possibile utilizzare come dose addizionale uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia, Comirnaty di BioNTech/Pfizer e Spikevax di Moderna, nei soggetti di età ≥ 12 anni.
  • Dose “booster” (richiamo). Tenuto conto dell’approvazione da parte di EMA sulla somministrazione di una dose del vaccino Comirnaty di BioNTech/Pfizer come richiamo di un ciclo vaccinale primario, se ne raccomanda tale utilizzo, progressivamente, a favore delle seguenti categorie: soggetti di età ≥ 80; personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani; esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, secondo le attuali indicazioni; persone con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti di età uguale o maggiore di 18 anni (allegato 2); soggetti di età ≥ 60.
  • La dose “booster” del vaccino Comirnaty di BioNTech/Pfizer può essere utilizzata indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario e va somministrata dopo almeno sei mesi dal completamento dello stesso. La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target o della popolazione generale verrà aggiornata sulla base dell’acquisizione di nuove evidenze scientifiche e dell’andamento epidemiologico.

Il documento


Il Green pass

LEGGI ANCHE:

La Campania è zona bianca fino al 7 novembre. Ma in 7 giorni 46,7% di nuovi casi in più. Le regole

In Campania i positivi al Covid-19 sono 654 (4.624 in 10 giorni) con 5 morti in 24 ore

Sanità oltre il Covid-19, presentato alla Soresa il Rapporto OASI

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI