In Campania i positivi al Covid-19 sono 2.232: nuovo balzo. Negli ospedali 12 morti

AGGIORNAMENTO DELL'UNITÀ DI CRISI E DEL MINISTERO DELLA SALUTE. ZONA ARANCIONE DA LUNEDÌ: L'ORDINANZA. La situazione dell'epidemia sul territorio regionale dove risalgono casi e ricoveri. Riaperture, il Governatore allunga gli orari degli esercizi e sospende il turno di riposo obbligatorio. La mappa del virus sui territori

Coronavirus, test in Campania al Cotugno. Nella foto: l'ingresso all'Ospedale Cotugno

In Campania i positivi al Covid-19 salgono a 368.715 totali per 2.232 nuovi casi su 22.075 tamponi molecolari esaminati in laboratorio (cui si aggiungono 7.605 antigenici), 3.977.332 dall’inizio della pandemia. Tra i nuovi positivi, 761 presentano sintomi evidenti, mentre 1.471 risultano asintomatici. Negli ultimi dieci giorni sono stati registrati dall’Unità di crisi 20.935 casi, ma 8.662 di questi sono stati registrati nelle ultime 96 ore. L’unità di crisi ha comunicato 12 morti per coronavirus in Campania, 9 nelle 48 ore. Il totale è di 5.934 persone decedute dal marzo 2020. Negli ultimi 24 giorni sono stati accertati complessivamente 1.013 decessi causati dal Covid-19. Negli ospedali sale il numero dei ricoverati in terapia intensiva: sono 145 secondo l’ultimo rapporto, 14 in più rispetto al giorno precedente. Sulla dotazione complessiva di 656 posti letto la disponibilità è di 511 sull’intera rete ospedaliera, ma ci sono plessi dove la concentrazione riduce la capacità di assorbimento della domanda. Aumentano i ricoverati nei reparti ospedalieri dedicati al Covid: sono 1.532, nelle 24 ore 25 in più. La riserva è di 1.628 posti letto sui 3.160 disponibili in ambito regionale, sommando strutture pubbliche e private convenzionate. La regione è nella zona rossa fino al 18 aprile, ma da lunedì 19 aprile fino al 2 maggio sono in vigore le regole della fascia arancione. Firmata l’ordinanza. Il Governatore, nel frattempo, allunga gli orari degli esercizi e sospende il turno di riposo obbligatorio per barbieri, parrucchieri e centri estetici. Aumentano i bus con la ripresa in presenza della scuola. In Italia sono 15.370 i nuovi casi nelle 24 ore con 310 morti.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 17 aprile 2021

LA SITUAZIONE CLINICA: RIEPILOGO. L’Unità di crisi ha comunicato 12 vittime (9 deceduti nelle ultime 48 ore, 3 in precedenza ma registrati ieri). Sale a 5.922 il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania dall’inizio dell’epidemia. Sono state dichiarate guarite 1.937 persone nelle 24 ore, per un totale di 270.531. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 1.532 (+25) in terapia intensiva 145 (+14 con 20 ingressi del giorno), mentre 90.573 (+244) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 92.250 (+283) contro 368.715 casi totali dall’inizio della pandemia.

POSITIVI AL CORONAVIRUS NELLE PROVINCE CAMPANE – AGGIORNAMENTO ORE 17Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus nelle province della Campania. I dati: a Napoli 215.265 (+1.459), a Salerno 60.202 (+300), a Caserta 57.956 (+255), ad Avellino 17.273 (+93), a Benevento 10.374 (+115). Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Bollettino Covid-19 del 17 aprile 2021 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute. Lo stralcio dei casi in Campania per province

VACCINAZIONI ANTI COVID-19 IN CAMPANIA (AGGIORNAMENTO DEL 17 APRILE 2021 ALLE ORE 12): SOMMINISTRATE IN TOTALE 1.241.380 DOSI. L’Unità di crisi ha comunicato i dati delle vaccinazioni in Campania aggiornati alle ore 12 del 17 aprile 2021. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 1.241.380. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 906.398 cittadini. Di questi 334.982 hanno ricevuto la seconda dose. La piattaforma per le adesioni è regolarmente aperta per tutte le categorie previste.

Bollettino relativo alle vaccinazioni anti-Covid-19 in Campania del 17 aprile 2021 diffuso dall’Unità di crisi Regione Campania
La Prefettura di Napoli

CAMPANIA NELLA ZONA ROSSA FINO AL 18 APRILE. MA PASSA NELLA ZONA ARANCIONE PER 2 SETTIMANE DAL 19 APRILE AL 2 MAGGIO. LE REGOLE.La Campania è zona rossa fino al 18 aprile. Ma a partire da lunedì 19 aprile sarà nella fascia arancione per effetto dell’Ordinanza del Ministero della Salute del 16 aprile 2021. in vigore fino al 2 maggio (salvo modifiche per effetto del Decreto in arrivo con decorrenza 26 aprile). Nel frattempo, però, fino a domenica è valida l’Ordinanza Ministeriale del 2 aprile 2021. Stabilisce che «occorre stare a casa». Sono possibili gli spostamenti per motivi di lavoro, salute e necessità con autocertificazione (scarica il modello). Sono autorizzati l’attività motoria nei pressi della propria abitazione e quella sportiva all’aperto ma solo in forma individuale. Chiusi i negozi (salvo quelli per la vendita di beni di prima necessità), i bar e i ristoranti, ma sono consentiti asporto (fino alle ore 22) e consegne a domicilio (senza restrizioni). Sospesi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici. Sono aperti: supermercati, beni alimentari e generi di prima necessità, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie. Scuola parzialmente in presenza: aperti soltanto asili nido, elementari e prima media, ma restano a distanza le lezioni dalla seconda media in poi.

BARBIERI, PARRUCCHIERI ED ESTETISTI APERTI DALLE 7 ALLE 21,30: STOP OBBLIGO DI CHIUSURA SETTIMANALE, TRASPORTO PUBBLICO POTENZIATO PER LE SCUOLE. Con l’Ordinanza n.14 del Presidente De Luca, da lunedì prossimo scattano norme integrative alla zona arancione in Campania. Dal 19 aprile al 15 maggio, l’apertura degli esercizi commerciali e dei servizi alla persona (barbieri, parrucchieri, estetisti) è permessa, al fine di agevolarne la fruizione dilazionata da parte degli utenti, in deroga ad eventuali disposizioni più restrittive, dalle ore 7 alle ore 21,30 e senza obbligo di chiusura domenicale o settimanale, fermo il rispetto della normativa a tutela dei lavoratori dipendenti. Inoltre, con la ripresa delle attività didattiche in presenza, ai sensi dell’art. 2 del decreto legge 1 aprile 2021, n.44, è disposta la riattivazione dei servizi aggiuntivi del Trasporto Pubblico Locale in tempo utile a consentire l’operatività dei servizi scolastici nel rispetto delle vigenti disposizioni in tema di limiti alle presenze a bordo dei mezzi e delle altre disposizioni vigenti.

Mario Draghi, presidente del Consiglio dei Ministri, durante una conferenza stampa. Accanto, il Ministro della Salute, Roberto Speranza

IL GOVERNO PREPARA RIAPERTURE GRADUALI DAL 26 APRILE. IN ARRIVO UN DECRETO. Il Governo si prepara a riaprire gradualmente dal 26 aprile alcune attività, introducendo una zona gialla rafforzata. In Italia tornerà la mobilità tra regioni, ma solo per quelle in fascia gialla oppure di diverso colore per chi avrà un pass. Sarà rilasciato a persone immunizzate, guarite o con tampone negativo. Lo stabilirà un nuovo decreto. Le scuole saranno solo in presenza nelle zone gialle ed arancioni, mentre nelle zone rosse saranno in parte in presenza e in parte a distanza. In zona gialla riapriranno i ristoranti a pranzo e a cena, in questo caso all’aperto. Nel corso di una conferenza stampa, il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Ministro Roberto Speranza hanno fornito alcune date per le altre riaperture: il 15 di maggio le piscine all’aperto; il 1 giugno le attività connesse alle palestre e i ristoranti con tavoli al chiuso solo a pranzo; dal 1 luglio le attività fieristiche. Per ora sono ipotesi. Il calendario sarà approvato e diffuso dopo il monitoraggio epidemiologico del 23 aprile.

Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, nel corso di una diretta su Facebook

VACCINI, IL GOVERNATORE DE LUCA CHIEDE AL MINISTERO «200MILA DOSI MANCANTI». E POLEMIZZA ANCHE SULLE FORNITURE: PENALIZZATI SULLE CONSEGNE DI PFIZER E MODERNA. Nel consueto briefing in diretta su Facebook, il Governatore della Campania ha reiterato la richiesta al Ministero per l’attribuzione di 200mila dosi di vaccino mancanti. Secondo De Luca, infatti, dalle scorte trasferite dal 31 dicembre risulterebbero meno fiale rispetto a quelle stabilite dal Piano riparto nazionale per le regioni. Il deficit calcolato è del 25% in meno rispetto al dovuto. Inoltre, il Governatore ha lamentato anche una bassa distribuzione di vaccini Pfizer/BNT e Moderna, a vantaggio di Astrazeneca. Il Presidente della Campania ha polemizzato anche con i media, che «sottovalutano» il problema.

VACCINAZIONI, PRENOTANO I CITTADINI TRA 60 E 69 ANNI DI ETÀ. In Campania i cittadini possono prenotare la vaccinazione anti-Covid per la popolazione ricompresa da 60 anni in su. Lo fa sapere una nota della Unità di crisi della Regione Campania. Aperta da ieri la piattaforma per le adesioni al piano vaccinale della fascia di età 60-69 anni. Le convocazioni si attiveranno nei tempi più rapidi possibile, compatibilmente con l’arrivo dei vaccini», si legge nella nota. Per l’adesione degli ultrasessantenni il link è: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino.

IN IRPINIA 122 CASI, DI CUI: 32 A CERVINARA E 11 A SOLOFRAI positivi al coronavirus in Irpinia salgono a 17.180 da marzo 2020 per 122 nuovi casi nelle ultime 24 ore. L’Asl ha fornito i riferimenti geografici dei nuovi positivi trovati su 1.606 tamponi esaminati. Nel dettaglio, riguardano persone residenti: 10 ad Atripalda; 1 ad Avella; 9 ad Avellino; 2 a Capriglia Irpina; 32 a Cervinara; 7 a Domicella; 3 a Lioni; 2 a Manocalzati; 1 a Marzano di Nola; 1 a Montecalvo Irpino; 2 a Monteforte Irpino; 10 a Monteverde; 2 a Montoro; 4 a Mugnano del Cardinale; 2 a Pago del Vallo di Lauro; 1 a Quadrelle; 3 a Quindici; 1 a Roccabascerana; 5 a Rotondi; 4 a San Martino Valle Caudina; 1 a San Potito Ultra; 1 a Santa Lucia di Serino; 3 a Serino; 11 a Solofra; 1 a Sperone; 1 a Taurasi; 2 a Torella dei Lombardi. Il nuovo coronavirus in Irpinia ha prodotto 941 casi in 9 giorni (5.174 in 44 giorni, 117 la media quotidiana).

IN ITALIA (DATO DEL 17 APRILE ALLE 17). I POSITIVI SONO 505.308. I GUARITI SONO 3.235.459 E I DECEDUTI 116.676. OGGI 15.370 CASI IN PIÙ. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 3.857.443 ma al momento sono 505.308 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 3.235.459. I pazienti ricoverati con sintomi sono 24.100, in terapia intensiva 3.340 (163 i nuovi ingressi nelle 24 ore), mentre 477.868 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 116.676, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +15.370.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 17 aprile 2021

DISABILITÀ, ADESIONE DIRETTA “ON LINE” PER PRENOTARE IL VACCINO. È aperta la piattaforma regionale dedicata alle adesioni, in via telematica, alle vaccinazioni riservate ai pazienti fragili inseriti dal Ministero nella Tabella 2 della Categoria 1, relativa alla disabilità fisica, sensoriale, intellettiva, psichica, ai sensi della legge 104/1992, art.3 comma 3. L’adesione potrà essere registrata in forma diretta, senza rivolgersi ai medici di medicina generale. È prevista anche l’adesione di chi fornisce (convivente/caregiver) assistenza continuativa al paziente. Il link è lo stesso delle altre adesioni: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino.

PAZIENTI FRAGILI, «I MEDICI DEVONO PRENOTARE SULLA PIATTAFORMA GLI ASSISTITI». CONTINUA LA PRENOTAZIONE DEGLI OVER 70 E DEI DOCENTI FUORI SEDE. Dal 17 marzo i medici di medicina generale devono inserire sulla piattaforma telematica della Regione Campania le adesioni alla campagna vaccinale dedicata, come da protocollo del Ministero della Salute, ai pazienti di elevata fragilità (malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, diabete, fibrosi cistica, insufficienza renale, malattia epatica, oncologica, trapiantati, HIV…)». Fanno eccezione le disabilità. Contestualmente «è previsto che gli appartenenti alla categoria di elevata fragilità, possono essere registrati e vaccinati dalle Aziende ospedaliere e i Centri regionali di riferimento che li hanno in ricovero e/o in cura per follow up». In Campania i cittadini possono prenotare anche la vaccinazione anti-Covid per la popolazione con oltre 70 anni di età. Il link per registrarsi è il seguente:https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino. È possibile visionare e stampare l’attestato di vaccinazione al seguente link: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/info/cittadino. Prenota anche il personale scolastico e universitario campano (compreso il personale Ata) che svolge l’attività fuori regione (link: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino).


Il Rapporto

Report Vaccini Anti COVID-19 – Commissario dell’Emergenza e del Ministero della Salute

VACCINAZIONI ANTI COVID IN ITALIA: DATO DEL 17 APRILE: ORE 17.05. DOSI SOMMINISTRATE: 14.785.115 – IMMUNIZZATI AL NUOVO CORONAVIRUS (CON SECONDA DOSE): 4.374.184. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla vaccinazione contro il nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, le persone a cui è stato somministrato il vaccino in Italia sono 14.785.115 (85,3% delle 17.323.080 dosi disponibili a partire dal 31 dicembre 2020). Sono 4.374.184 le persone che hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose di vaccino.


Per informazioni sui Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ del Ministero Salute: clicca qui | Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS): clicca qui).


Il Ministero
La sede che ospita il Ministero della Salute a Roma nel quartiere Eur

MONITORAGGIO FASE 2. REPORT SETTIMANALE ITALIANO. (Ministero della Salute). Diffuso dal Ministero della Salute il Report della settimana 5 – 11 aprile (dati aggiornati al 14 aprile 2021). LA SINTESI: «Si conferma la criticità del sovraccarico diffuso dei servizi assistenziali con un tasso di occupazione a livello nazionale al sopra della soglia critica sia in terapia intensiva (39%) che in area medica (41%). L’incidenza è in lenta diminuzione e ancora troppo elevata per consentire sull’intero territorio nazionale una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti. Di conseguenza, è necessario ridurre rapidamente il numero di casi anche con misure di mitigazione volte a ridurre la possibilità di aggregazione interpersonale. La ormai prevalente circolazione in Italia di una variante virale caratterizzata da una trasmissibilità notevolmente maggiore impone un approccio di particolare cautela e gradualità nella gestione dell’epidemia».

IL RAPPORTO REGIONALE. L’analisi dei dati relativi alla settimana 5 – 11 aprile (dati aggiornati al 14 aprile 2021). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020): scarica il Rapporto CAMPANIA.


FAQ DEL MINISTERO DELLA SALUTE: tutte le risposte alle domande sulla App Immuni | https://www.immuni.italia.it/faq.html


LEGGI ANCHE:

La Campania è zona rossa fino al 21 marzo. Le regole

Vaccinazione Covid per persone fragili: in Campania prenotazioni in corso. Le istruzioni

La Campania ha il vaccino Sputnik. De Luca anticipa Draghi

I medici specializzandi in Campania da oggi possono vaccinare

Passaporto vaccinale in Campania, consegnate 170mila card. Dall’estate ‘taglierà’ le restrizioni

Isolata in Campania variante di coronavirus sconosciuta in Italia

Vaccinazione anti-Covid dagli 80 anni in su: in Campania via le prenotazioni da oggi. Il link

A scuola in sicurezza in Campania, Soresa: nuove funzioni sulla piattaforma Sinfonia

Terapia intensiva ed Emergenza in Campania, 553 posti letto e lavori in Asl e Ospedali. Il piano

Ospedali per l’emergenza coronavirus in Campania, via libera dal Ministero al Piano per 1.240 posti letto

Immunoglobuline iperimmuni contro il SARS-CoV2, Federico II e Cotugno lanciano l’Ipercovid

Audi, la via dell’elettrico: i modelli in arrivo e l’A6 plug-in

 

ARTICOLI CORRELATI