Positivi al coronavirus in Irpinia 38 in 24 ore con un morto al Moscati. In Campania: 754 casi e 20 decessi

AGGIORNAMENTO DI ASL, UNITÀ DI CRISI E MINISTERO DELLA SALUTE. ZONA GIALLA FINO AL 30 GENNAIO. La situazione dell'epidemia sul territorio provinciale, dove tornano a scuola gli studenti delle medie, ma non tutti i Comuni danno il via libera: stop a Nusco. A Serino trovata positiva un'alunna: sanificazione del plesso nella frazione San Sossio. La mappa del contagio nelle 5 province

Asl Avellino, la sede di via degli Imbimbo

I positivi al coronavirus in Irpinia aumentano per 38 casi trovati su 577 tamponi analizzati nei laboratori abilitati. Nel dettaglio, riguardano persone residenti: 2 ad Altavilla Irpina; 6 ad Ariano Irpino; 3 ad Avellino; 1 a Calabritto; 1 a Castel Baronia; 4 a Chiusano di San Domenico; 2 a Flumeri; 2 a Monteforte Irpino; 2 a Montella; 2 a Montemarano; 1 a Montemiletto; 6 a Montoro; 1 a Roccabascerana; 1 a San Martino Valle Caudina; 2 a San Nicola Baronia; 1 a Torella dei Lombardi; 1 a Vallata. Sono 275 i positivi registrati nell’arco degli ultimi 5 giorni e 9.750 da marzo, come riporta il dato pubblicato dalla Protezione Civile. È deceduta questo pomeriggio al Covid Hospital del Moscati una paziente 95enne residente ad Avellino. Era ricoverata dal 22 gennaio. Sono in calo i degenti per coronavirus in Irpinia. In particolare, nel Covid Hospital di Avellino risultano ricoverati 32 pazienti, 8 dei quali in terapia intensiva. Nel presidio ospedaliero Sant’Ottone Frangipane sono presenti 13 degenti, di cui 5 in terapia intensiva e 3 in sub intensiva. Oggi sono riprese le lezioni in presenza nelle scuole medie. Ma alcuni sindaci hanno sospeso il provvedimento regionale a causa dei nuovi contagi. Tra questi c’è il Comune di Nusco. A Serino sono state attivate le procedure di contenimento e di sanificazione nella scuola della frazione di San Sossio, dove una bambina è risultata positiva. Sono 5 attualmente i contagiati. Infine, in Campania sono stati comunicati 754 nuovi positivi con 20 morti.

POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA E NELLE ALTRE PROVINCE CAMPANE – AGGIORNAMENTO ORE 17Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus in Irpinia e nelle province della Campania. I dati: a Napoli 130.318 (+408), a Caserta 37.992 (+106), a Salerno 30.530 (+186), ad Avellino 9.750 (+50), a Benevento 5.405 (+27). Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Bollettino Covid-19 del 25 gennaio 2021 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute. Lo stralcio dei casi in Campania per province

I CASI POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA DALL’INIZIO DELL’EPIDEMIAI positivi al coronavirus in Irpinia sono 9.750, secondo il riepilogo diffuso dal Ministero della Salute elaborato su dati della Protezione Civile. Il dato si riferisce ai casi di coronavirus in Irpinia da marzo.  Ecco la mappa dei positivi al coronavirus in Irpinia segnalati dai rapporti Asl (casi attivi, guariti e morti dal marzo 2020): Aiello del Sabato (62), Altavilla Irpina (107), Andretta (4), Ariano Irpino (520 + 63 positivi emersi dallo screening finale di luglio sul coronavirus in Irpinia), Aquilonia (20), Atripalda (207), Avella (360), Avellino (1.254), Bagnoli Irpino (48), Baiano (171), Bisaccia (31), Bonito (57),  Cairano (1),  Calabritto (22), Calitri (28), Candida (30), Caposele (33), Capriglia (53), Carife (31), Casalbore (32), Cassano Irpino (22), Castel Baronia (23), Castelfranci (16), Castelvetere sul Calore (7),  Cervinara  (250), Cesinali (53), Chianche (3),  Chiusano San Domenico (85), Contrada (51), Conza della Campania (11), Domicella (49),  Flumeri (87), Fontanarosa (68), Forino (116), Frigento (84), Gesualdo (104), Greci (7),  Grottaminarda (169), Grottolella (33),  Guardia Lombardi (21), Lacedonia (15), Lapio (18), Lauro (130), Lioni (84), Luogosano (4),  Manocalzati (53), Marzano di Nola (70), Melito Irpino (30),  Mercogliano (305), Mirabella Eclano (206), Montaguto (4),  Montecalvo Irpino (39), Montefalcione (55), Monteforte Irpino (257), Montefredane (29), Montefusco (28), Montella (120), Montemarano (59), Montemiletto (111), Monteverde (2), Montoro (578), Morra De Sanctis (6),  Moschiano (55), Mugnano del Cardinale (142), Nusco (114), Ospedaletto d’Alpinolo (67), Pago Vallo Lauro (63), Parolise (11), Paternopoli (12), Pietradefusi (23), Pietrastornina (27), Prata Principato Ultra (41), Pratola Serra (105), Quadrelle (27),  Quindici (60), Roccabascerana (72), Rocca San Felice (7), Rotondi (85), Salza Irpina (22), San Mango sul Calore (7), San Martino Valle Caudina (146), San Michele di Serino(63), San Nicola Baronia (35), San Potito Ultra (55), San Sossio Baronia (38), Sant’Andrea di Conza (9), Sant’Angelo al Scala (4), Sant’Angelo all’Esca (8),  Sant’Angelo dei Lombardi (61), Santa Lucia di Serino (37), Santa Paolina (38), Santo Stefano del Sole (36), Savignano Irpino (35), Scampitella (40), Senerchia (17), Serino (91), Sirignano (83), Solofra (234), Sorbo Serpico (14),  Sperone (129), Sturno (65), Summonte (30),  Taurano (22), Taurasi  (28), Teora (8), Torella dei Lombardi (18), Torre Le Nocelle (17), Torrioni (5), Trevico (18), Tufo (16), Vallata (74), Vallesaccarda (19), Venticano (60), Villamaina (20),  Villanova del Battista  (21), Volturara Irpina (78), Zungoli (18).

Coronavirus, test in Campania al Cotugno. Nella foto: l’ingresso all’Ospedale Cotugno

IN CAMPANIA 754 NUOVI POSITIVI CON 20 MORTI. AUMENTANO I RICOVERI. In Campania i positivi al Covid-19 salgono a 214.776 per 754 nuovi casi su 8.384 tamponi esaminati in laboratorio, compresi 761 antigenici. Dall’inizio della pandemia sono stati processati 2.339.916 (di cui 13.436 antigenici). Nel dettaglio, tra i nuovi contagiati 7 presentano sintomi evidenti, mentre 723 risultano asintomatici e 24 sono le persone rivelate positive dai test antigenici. Quanto al trend dell’epidemia, in Campania negli ultimi 10 giorni sono stati registrati 9.780 positivi. Per la prima volta dopo quattro giorni il nuovo contagio scende sotto i mille casi, ma i tamponi processati sono un terzo della media. Sono 20 le vittime del coronavirus comunicate con l’ultimo aggiornamento. Di queste, 7 sono decedute nelle ultime 48 ore e 13 in precedenza, ma registrate​ ieri​. Il totale dei morti è salito a 3.618 dal marzo 2020. Negli ospedali il numero dei ricoverati sale ancora, ma calano le terapie intensive. Sono 1.455 i pazienti degenti negli ospedali su 3.160 posti letto disponibili in Campania (tra strutture pubbliche e private convenzionate). Ne restano a disposizione 1.705. I posti letto occupati in terapia intensiva sono 105, 7 in meno, su una dotazione complessiva di 656. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 4 nuovi ingressi. L’attività scolastica è tornata in presenza alle medie, in attesa che dal primo febbraio sia ripristinata anche alle superiori. Ma in diversi Comuni i sindaci hanno firmato ordinanze che sospendono la didattica in presenza, tuttavia, a causa di mini focolai o per la necessità di verificare i contatti degli ultimi contagiati. In questo quadro si procede a rilento con le vaccinazioni per la penuria di scorte garantite all’Italia. Slitta a marzo l’immunizzazione degli over 80, mentre la priorità ora sono le seconde dosi per chi ha ricevuto la prima iniezione. In Italia nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 8.561 nuovi casi con 420 morti.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 25 gennaio 2021

LA SITUAZIONE CLINICA. L’Unità di crisi ha comunicato 20 vittime (di cui 7 deceduti nelle ultime 48 ore e 13 in precedenza ma registrati​ ieri​). Sale a 3.618 il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania dall’inizio dell’epidemia. Sono state dichiarate guarite 646 persone nelle 24 ore, per un totale di 148.085. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 1.455 (+7) in terapia intensiva 105 (-7. con 4 nuovi ingressi nelle 24 ore), mentre 61.513 (+88) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 62.985 (+88) contro 214.776 casi totali dall’inizio della pandemia.

Scuola

SCUOLA, OGGI IN CLASSE LE MEDIE, DAL PRIMO FEBBRAIO LE SUPERIORI. L’ORDINANZA REGIONALE.  Da oggi l’attività scolastica torna in larga parte in presenza, dopo che il Tar della Campania ha riammesso anche le medie e le superiori. Pubblicata la nuova ordinanza (n. 03-22.01.2021, scarica il  documento) che stabilisce da oggi 25 gennaio la didattica in presenza alle medie inferiori e dal primo febbraio alle superiori. In diversi Comuni i sindaci hanno firmato ordinanze che sospendono la didattica in presenza, tuttavia, a causa di mini focolai o per la necessità di verificare i contatti degli ultimi contagiati. Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado (superiori), la Regione «demanda ai singoli dirigenti scolastici la individuazione della percentuale di studenti in presenza (tra il 50 e il 75%), con espressa raccomandazione ad adottare un criterio prudenziale, al fine di minimizzare i contagi».

Serino

BIMBA POSITIVA A SERINO, PROTOCOLLO DI PREVENZIONE PER LA SCUOLA NELLA FRAZIONE SAN SOSSIO. Il Comune ha segnalato 5 casi di Covid-19 a Serino, tra i quali una bambina. «Le relative procedure di contenimento e le attività di profilassi sono state attivate», fa sapere il Comune di Serino. «Tutti loro, infatti, insieme al proprio nucleo familiare e ai contatti diretti si trovano già in isolamento domiciliare». Il comunicato riferisce che «nella giornata di sabato è stata comunicata la positività al Covid-19 di una bambina che frequenta la scuola di San Sossio. Tutti i contatti diretti sono già in isolamento fiduciario e lo saranno fino a quando il loro tampone darà esito negativo, che sarà predisposto dall’ASL dopo 10 giorni dall’ultimo contatto». Nel frattempo, «si continuerà a monitorare la situazione unitamente al Dirigente Scolastico e all’Asl. Sono state, intanto, già predisposte le sanificazioni di tutti i locali». Attraverso la nota di aggiornamento della situazione relativa all’epidemia di Covid-19 a Serino, l’Amministrazione esorta i cittadini a «avere comportamenti di responsabilità e rigore, rispettando le disposizioni vigenti».

Nusco

A NUSCO IL COMUNE SOSPENDE LA DIDATTICA IN PRESENZA: TROPPI CASI POSITIVI POTENZIALMENTE COLLEGATI ALL’ETÀ SCOLASTICA: MONITORAGGIO IN CORSO. Il Comune di Nusco chiude le scuole per il tempo necessario a completare lo screening in corso sui possibili contagi degli ultimi contagiati. Lo rende noto un comunicato apparso sul sito istituzionale comunale. «Cari concittadini, in un quadro epidemiologico che vede un costante incremento del numero dei casi di positività da Covid-19 all’interno del territorio comunale, abbiamo ritenuto doveroso allungare i tempi di monitoraggio necessari a sancire la ripresa delle attività didattiche ed educative in presenza per tutti gli ordini e gradi di istruzione», si legge. «Il dato da non sottovalutare è legato al numero elevato di casi positivi appartenenti ad ogni fascia di età scolastica», si sottolinea. «Questo fenomeno allarmante ci spinge ad agire con prudenza ed a procrastinare la riapertura delle scuole, almeno fino a quando l’Azienda Sanitaria Locale non avrà terminato gli screening sui contatti avuti da coloro i quali sono risultati positivi nei giorni scorsi».

ASSEMBRAMENTI DAVANTI ALLE SCUOLE, LA REGIONE CHIAMA I SINDACI: URGENTI CONTROLLI ALL’INGRESSO E ALL’USCITA. «In relazione alle notizie e alle immagini pervenute all’Unità di Crisi, e alle relative verifiche effettuate, che testimoniano diffuse situazioni di assembramento davanti agli istituti scolastici, si invitano i sindaci a predisporre mirati servizi di controllo da parte delle Polizie Municipali, in particolare nelle fasi di ingresso e di uscita di alunni e studenti dagli istituti scolastici». Così in una nota l’Unità di Crisi. «Si ricorda che occorre mantenere alta la guardia contro i contagi e che la situazione generale deve assolutamente invitare tutti al rispetto dei protocolli di sicurezza, e in generale ad osservare comportamenti prudenti e responsabili». ​

DA DOMANI NUOVO SCREENING ANTI-COVID AD ARIANO IRPINO: UN CONTRIBUTO ALLA RICERCA CONTRO LA SARS-COV-2. Nuovo screening anti-Covid ad Ariano 8 mesi dopo quello realizzato poco dopo la fine della zona rossa. Lo annuncia l’Asl di Avellino. «Nelle giornate di martedì 26 e mercoledì 27 gennaio sarà effettuato il follow-up sui pazienti risultati positivi al Sars-Cov-2 durante lo screening sierologico che ha interessato la popolazione del comune di Ariano lo scorso maggio», si legge nella nota diffusa dalla Direzione Generale. «Obiettivo dell’azione di monitoraggio è quello di valutare la durata della memoria immunitaria nei soggetti che hanno contratto il virus».

LA CAMPANIA NELLA ZONA GIALLA FINO AL 30 GENNAIO. LE REGOLE. La Campania resta nella zona gialla fino al 30 gennaio. Firmata la nuova ordinanza ministeriale. Ecco la nuova ripartizione delle fasce di rischio. Area gialla: Campania, Basilicata,  Molise, Provincia autonoma di Trento, Toscana; area arancione: Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Veneto, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria, Valle d’Aosta; area rossa: Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia. LE DISPOSIZIONI. Si può circolare all’interno della propria provincia e tra le province, ma entro i confini regionali. Prolungato fino al 15 febbraio il divieto su tutto il territorio nazionale di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È vietato spostarsi dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. È comunque consentito una sola volta al giorno spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. Tale spostamento può avvenire all’interno della stessa Regione, in area gialla, e all’interno dello stesso Comune, in area arancione e in area rossa, fatto salvo quanto previsto per gli spostamenti dai Comuni fino a 5.000 abitanti. Si possono raggiungere le seconde case, ancorché fuori regione. Sono aperti i negozi, ma anche bar e ristoranti fino alle 18. (Leggi l’approfondimento). Nel fine settimana i negozi restano aperti, ma chiudono i centri commerciali. Aperti, ma solo fino alle 18: bar, pub, ristoranti, pasticcerie, gelaterie. Oltre quell’orario consegna a domicilio, ma non l’asporto per i locali che non effettuano anche servizi di cucina.

IN ITALIA (DATO DEL 25 GENNAIO ALLE 17). I POSITIVI SONO 491.630. I GUARITI SONO 1.897.861 E I DECEDUTI 85.881. OGGI 8.561 CASI IN PIÙ. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 2.475.372 ma al momento sono 491.630 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 1.897.861. I pazienti ricoverati con sintomi sono 21.424, in terapia intensiva 2.421 (150 i nuovi ingressi nelle 24 ore), mentre 467.785 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 85.881, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +8.561.

Bollettino Covid-19 del 25 gennaio 2021 alle ore 17 diffuso dal Ministero della Salute
Aeroporto

ARRIVA LA NUOVA MAPPA EUROPEA DEL RISCHIO COVID. LE ZONE “ROSSO SCURO” SONO: VENETO, BOLZANO, EMILIA ROMAGNA E FRIULI VENEZIA GIULIA. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattia ha elaborato una mappa del rischio pandemico nel Continente, stabilendo le zone ritenute ad alto rischio di infezione al coronavirus. I Paesi più popolosi, cioé Germania, Francia, Italia, Spagna e Portogallo sono ricomprese. Ma all’interno dell’Italia, il colore rosso scuro, cioé il livello più alto, viene attribuito a Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Veneto e Provincia autonoma di Bolzano. Una volta resa esecutiva, la mappa imporrà l’obbligo di test e la quarantena in quelle regioni per viaggiare.


Report Vaccini Anti COVID-19 – Commissario dell’Emergenza e del Ministero della Salute

VACCINAZIONI ANTI COVID IN ITALIA E NELLE REGIONI: DATO DEL 25 GENNAIO. DOSI SOMMINISTRATE: 1.382.883 – VACCINATI (CON SECONDA DOSE): 104.055. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla vaccinazione contro il nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, le persone a cui è stato somministrato il vaccino in Italia sono 1.382.883, pari all’74,6% delle 1.853.475 dosi disponibili a partire dal 31 dicembre 2020. Il dato è aggiornato alle ore 08.04 del 25 gennaio 2021. Ma sono 104.055 le persone che hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose di vaccino. In Campania sono state somministrate 118.003 dosi su 147.955 disponibili, pari al 79,8% (6 dosi per fiala) | FONTE: dati del Commissario Straordinario per l’Emergenza e del Ministero della Salute.


Per informazioni sui Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ del Ministero Salute: clicca qui | Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS): clicca qui). Per informazioni sul coronavirus in Irpinia, in Campania è in Italia consultare i link: Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ del Ministero Salute: clicca qui Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS): clicca qui).


Il Ministero
La sede che ospita il Ministero della Salute a Roma nel quartiere Eur

MONITORAGGIO FASE 2. REPORT SETTIMANALE ITALIANO. (Ministero della Salute). Diffuso dal Ministero della Salute il Report relativo alla settimana 11 – 17 gennaio 2021 (aggiornati al 20 gennaio 2021). «Nella settimana in valutazione (11 gennaio – 17 gennaio 2021), si osserva una lieve diminuzione della incidenza nel Paese (145,20 per 100.000 abitanti). La diminuzione dell’incidenza è avvenuta nonostante l’estensione dal 15 gennaio della definizione di caso.L’incidenza in decrescita, tuttavia, è ancora lontana da livelli che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti. Il servizio sanitario ha mostrato i primi segni di criticità quando il valore a livello nazionale ha superato i 50 casi per 100.000 in sette giorni e una criticità di tenuta dei servizi con incidenze elevate. Nel periodo 30 dicembre 2020 – 12 gennaio 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85– 1,11), in diminuzione dopo cinque settimane di crescita. (…). L’epidemia resta in una fase delicata ed un nuovo rapido aumento nel numero di casi nelle prossime settimane è possibile, qualora non venissero mantenute rigorosamente misure di mitigazione sia a livello nazionale che regionale. L’attuale quadro a livello nazionale sottende infatti forti variazioni inter-regionali con alcune regioni dove il numero assoluto dei ricoverati in area critica ed il relativo impatto, uniti all’elevata incidenza impongono comunque incisive misure restrittive».

IL RAPPORTO REGIONALE. L’analisi dei dati relativi alla settimana 11 – 17 gennaio 2020 (aggiornati al 20 gennaio 2020). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020). Scarica il Rapporto: CAMPANIA – Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020) Dati relativi alla settimana 11-17 gennaio 2021 (aggiornati al 20/1/2021).


INFORMAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE SULLA APP IMMUNI | immuni.italia.it


FAQ DEL MINISTERO DELLA SALUTE: tutte le risposte alle domande sulla App Immuni | https://www.immuni.italia.it/faq.html


LEGGI ANCHE:

La Campania è zona gialla dall’11 gennaio. Oggi e domani è arancione. Le regole

Nuovo screening anti-Covid ad Ariano (8 mesi dopo) per la ricerca

Scuola in Campania, il Tar riapre quarta e quinta elementare da oggi. Didattica a distanza per le secondarie

I medici di base vaccineranno i cittadini in Irpinia, Asl l’intesa

Al Moscati di Avellino vaccinati 2.028 tra medici, infermieri e operatori. «Ha aderito il 90%»

Rsa in Irpinia, vaccinati ospiti e operatori. Ora le case anziani

Hub vaccinale a Sant’Angelo dei Lombardi, presidi a Calitri e Montella

In Campania medici e infermieri in pensione saranno vaccinati

Vaccini Covid a Napoli e in Campania per 720. Lo ha fatto anche De Luca: ora immunizzazione di massa

Variante inglese del Coronavirus a Napoli, scoperti 6 casi dall’Izsm

Medici di famiglia irpini contro il Covid sul territorio. Il protocollo

Si assumono medici e infermieri per le vaccinazioni anti-Covid-19

A Montella l’albergo Covid gestito dall’Asl con 41 posti letto. Inaugurata la struttura

Tamponi in Campania nei laboratori privati, ecco dove: i 193 accreditati

Immunoglobuline iperimmuni contro il SARS-CoV2, Federico II e Cotugno lanciano l’Ipercovid

 

 

ARTICOLI CORRELATI