Positivi al coronavirus in Irpinia salgono a 6 da ieri, 2 sono ricoverati al Moscati. In Campania 208 casi

L'ULTIMO AGGIORNAMENTO: ALTRI 3 CONTAGIATI AD AVELLINO, AVELLA E ROTONDI. A SPERONE MASCHERINE OBBLIGATORIE ALL'ESTERNO E SCREENING DELLA POPOLAZIONE. L'epidemia in provincia di Avellino e sul territorio regionale è in crescita, mentre tra i sindaci si valuta lo slittamento dell'anno scolastico. Le tabelle

Asl Avellino, la sede di via degli Imbimbo

I positivi al coronavirus in Irpinia salgono per altri 3 casi segnalati dall’Asl Avellino nel primo pomeriggio di ieri. L’Azienda Sanitaria Locale ha comunicato che sono risultati positivi al COVID-19 i tamponi naso-faringei effettuati su 3 persone: 2 residenti ad Avellino, contatti di un caso positivo già noto; 1 residente a Sperone, anche in questa circostanza di tratta di un contatto di un contagiato già individuato. Ma nelle ultime ore si aggiungono nuovi casi non ancora riportati nel nuovo aggiornamento ufficiale. A Rotondi 1 caso è stato segnalato dal Sindaco. Si sommano 2 ricoverati al Moscati: un 60enne residente ad Avellino ed un 87enne di Avella. Nell’ospedale di Avellino risultano al momento 11 persone positive al coronavirus in Irpinia degenti, ma il Covid Center della palazzina Alpi non è ancora stato riaperto. Al momento risulta ancora sufficiente il reparto di Malattie infettive. Sono destinati ad aumentare i 49 casi positivi al coronavurus in Irpinia accertati fino a ieri negli ultimi 9 giorni per i probabili tre nuovi contagiati. Nel frattempo a Sperone e nello stabilimento della Fca di Pratola Serra sono in corso verifiche. Nel primo caso, il Sindaco di Sperone ha disposto l’obbligo della mascherina anche all’aperto con una ordinanza che detta regole stringenti per il contenimento del coronavirus (SCARICA L’ORDINANZA SINDACALE COMUNE DI SPERONE N. 52 DEL 18.09.2020), mentre in giornata si sta eseguendo uno screening a tappeto sulla popolazione a cura dell’Asl con tamponi. Il provvedimento si è reso necessario dopo i 12 positivi riscontrati in poche settimane. Quanto alla fabbrica di Pratola Serra, l’Azienda Sanitaria sta monitorando i contatti dei 3 casi registrati negli ultimi giorni. In questo contesto, il Sindaco di Solofra, Michele Vignola, sarebbe pronto a emettere una ordinanza per far slittare l’inizio dell’anno scolastico al primo ottobre. La opportunità è al vaglio anche di altri amministratori locali, che potrebbero decidere un rinvio precauzionale, in attesa del completamento di tutte le procedure organizzative, imposte dall’emergenza sanitaria. Sul territorio regionale continua il trend in crescita per  consecutivo. L’Unità di crisi ha segnato ieri altri 208 positivi, mentre salgono a 328 i ricoverati, 20 dei quali in terapia intensiva. Il virus sta circolando attraverso le cinque province, con focolai più o meno contenuti, che contribuiscono a tenere alto il dato complessivo. Nel napoletano e nel casertano si concentra la maggiore incidenza, ma il virus non risparmia Salerno e Benevento, oltre Avellino, come detto. Di seguito dati e infografiche sul coronavirus in Irpinia, nelle altre province Campane e in Italia.

OGGI A SPERONE LO SCREENING EPIDEMIOLOGICO SU TUTTI I RESIDENTI A CURA DELL’ASL DI AVELLINO. È in corso oggi, 19 settembre, dalle ore 10,30 di questa mattina, presso l’area mercato di Sperone l’esecuzione di tamponi sui cittadini residenti. Dopo i casi registrati in questi giorni si rende necessario, ha spiegato il Sindaco Marco Santo Alaia, condurre una indagine epidemiologica accurata, attraverso uno screening epidemiologico di massa sulla popolazione

POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA E NELLE ALTRE PROVINCE CAMPANE – AGGIORNAMENTO ORE 17Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus in Irpinia e nelle province della Campania. Ecco i dati: a Napoli 5.981 (+166), a Salerno 1.277 (+23), a Caserta 1.431 (+19), ad Avellino 722 (+4), a Benevento 317 (+13). Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati.


Riepilogo

I CASI POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA DALL’INIZIO DELL’EPIDEMIA. I positivi al coronavirus in Irpinia sono 718. Ecco la mappa dei positivi al coronavirus in Irpinia segnalati dai rapporti Asl: Ariano Irpino (220 + 63positivi emersi dallo screening sul coronavirus in Irpinia), Avellino (72), Mercogliano (40), Solofra (35), Mirabella Eclano (17), Cervinara (15), Flumeri (14), Grottaminarda (14),  Sperone (13), Lauro (10),  Gesualdo (10), Monteforte Irpino(10), Serino (8), Montoro (8), Trevico (7), Venticano (7), Montecalvo Irpino(7), Villanova del Battista (7)Chiusano San Domenico (7), Vallata (7), Contrada (6), Scampitella (6), Sturno (6), Avella (6), Vallesaccarda (6), Lacedonia (6), Montemarano (6)Santa Lucia di Serino (6), San Martino Valle Caudina (6), Moschiano (5), Montemiletto (5), Forino (5), Bagnoli Irpino(5), Quindici (4), Moschiano (4), Bonito (5), Atripalda (4), Teora (4), San Michele di Serino (4), Santo Stefano del Sole (4), Casalbore (4), Fontanarosa (4), Taurasi (4), Parolise (3), Pratola Serra (3), Melito Irpino (3), Rotondi (3), Sirignano (3), Mugnano del Cardinale (3)  Calitri (3), Roccabascerana (3), Pietradefusi (3), Castel Baronia (2), Montefredane (2), San Sossio Baronia (2), Altavilla Irpina (2), Aiello del Sabato (2), Castelfranci (2), Cesinali (2)Zungoli (2), Quindici (2), Rotondi (2), Taurano (2), Ospedaletto d’Alpinolo (1), Lapio (1), Torre Le Nocelle (1), San Mango sul Calore (1), Torrioni (1), Pietrastornina (1), Tufo (1), Bisaccia (1), Paternopoli (1), Frigento (1), Savignano Irpino (1), Sant’Angelo dei Lombardi (1) Montaguto(1), San Potito Ultra (1), Prata Principato Ultra (1), Senerchia (1), Santa Paolina (1), Montella (1). Aiello del Sabato (1), Baiano (2), Montemiletto (1), Chianche (1), Manocalzati (1).

Coronavirus, test in Campania al Cotugno. Nella foto: l’ingresso all’Ospedale Cotugno

IN CAMPANIA 208 NUOVI CASI E 328 PERSONE RICOVERATE IN OSPEDALE, 20 DELLE QUALI IN TERAPIA INTENSIVA. In Campania i positivi al Covid-19 salgono a 9.357 per 208 nuovi casi su 7.460 tamponi (527.468​ dall’inizio della pandemia). Per il terzo giorno consecutivo sale ulteriormente il numero di nuovi contagiati in un solo giorno e sfiora il record dalla primavera scorsa. Ma in tutta Italia il dato del giorno è preoccupante: 1.907 casi in più, con quota 2.000 non lontana. Non ci sono nuove vittime, ma nel frattempo il ricorso al ricovero in ospedale aumenta con la crescita di casi sintomatici. In queste ore si stanno completando le attività di potenziamento dei posti in terapia intensiva. Sono 120 in più, dopo i lavori effettuati nell’ultima ventina di giorni, in previsione di una possibile seconda ondata. Al momento però il virus riportato in Campania dai viaggiatori al rientro dall’estero e dalla Sardegna sta circolando in tutte le province, a prescindere dai flussi esterni. In particolare la curva è in significativa crescita nelle province di Napoli e Caserta, ma è al rialzo costantemente sia pure in misura minore anche a Salerno e nelle Aree Interne dell’avellinese e del beneventano. In attesa delle vaccinazioni anti influenzali, c’è il massimo sforzo sulla prevenzione attraverso protocolli di contenimento in modo da rendere l’avvio dell’anno scolastico sicuro. Di seguito l’informativa sulla situazione dell’epidemia in Campania e nelle cinque province.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 18 settembre 2020

LA SITUAZIONE CLINICA.  Non ci sono state vittime nelle ultime 24 ore. Il totale resta 455 dall’inizio dell’epidemia, dopo i 3 morti registrati giovedì. Ci sono invece 50 guariti in più, che portano il dato complessivo a 5.020. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 318 (+16) in terapia intensiva 20 (-1), mentre 4.127 (+250) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 4.465 (+158) contro i 9.940 dall’inizio della pandemia.

Vincenzo De Luca

TERAPIE INTENSIVE, REALIZZATI 120 NUOVI POSTI IN VISTA DELLA SECONDA ONDATA AUTUNNALE PREVISTA DALL’OMS. DE LUCA: «AL MOMENTO SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO». Al momento la situazione epidemiologica della Campania risente dell’apporto di contagi dall’estero e dalla Sardegna. Tuttavia il contenimento messo in atto ha consentito di impedire una possibile escalation. Su Facebook il Governatore Vincenzo De Luca ha spiegato che il rapporto tra tamponi effettuati e nuovi positivi resta stabile, fermo al 2,4% (24 casi su 1000). Tuttavia, lo sforzo della Regione Campania e dell’Unità di crisi in questi ultimi 21 giorni si è concentrata sul potenziamento del sistema ospedaliero. In 20 giorni sono stati allestiti 120 posti di terapia intensiva in preparazione di una possibile nuova emergenza autunnale, che l’oma ha segnalato tra ottobre e novembre.

RIENTRI DALL’ESTERO, L’ASL: FINO AL 24 SETTEMBRE  ATTIVA AD AVELLINO LA POSTAZIONE MOBILE USCA PER I TEST E TAMPONI. L’Azienda Sanitaria Locale ha fatto sapere che continuerà ad eseguire fino al 24 settembre test e tamponi sulle persone rientrate dall’estero, applicando l’ordinanza regionale n. 71 del 9 settembre 2020. «Lo screening dei cittadini rientrati dall’estero e dalla Sardegna continuerà fino al giorno 24 settembre 2020, pertanto, presso Campo Genova ad Avellino continuerà ad essere disponibile una postazione USCA per l’effettuazione del tampone nasofaringeo», ricorda l’Azienda. «Resta l’obbligo per chi rientra dall’estero di segnalare la propria presenza sul territorio comunale all’indirizzo mail [email protected] e di osservare l’isolamento domiciliare in attesa dell’esito del tampone, che verrà comunicato dal proprio Medico di Medicina Generale». Si precisa, infine, che «l’accesso a Campo Genova sarà consentito, esclusivamente, ai cittadini che abbiano preventivamente segnalato il proprio rientro all’Asl». Per informazioni: scarica l’infografica dell’Unità di crisi o l’Ordinanza n. 69 del 31.8.2020 ora prorogata nella Ordinanza n. 71 del 9 settembre). Di seguito l’infografica dell’Unità di crisi.

Istruzioni dell’Unità di crisi sui rientri in Campania

IN ITALIA (DATO DEL 18 SETTEMBRE ALLE 17). I POSITIVI SONO 42.457. I GUARITI SONO 216.807 E I DECEDUTI 35.668. OGGI 1.907 CASI IN PIÙNell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 294.932 ma al momento sono 42.457 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 216.807. I pazienti ricoverati con sintomi sono 2.387, in terapia intensiva 208 mentre 39.862 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 35.668, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +1.907.

Bollettino Covid-19 del 18 settembre 2020 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute
Vaccino antinfluenzali

VACCINAZIONI ANTI INFLUENZALI, LA REGIONE HA COMPRATO 4 MILIONI DI DOSI. ENTRO IL 15 OTTOBRE COPERTURA TOTALE. Le previsioni pessimistiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che parla di aumento consistente dell’epidemia a novembre, sta spingendo verso la produzione di un numero record di vaccini contro l’influenza. La Regione Campania ha già acquistato i vaccini antinfluenzali per 4 milioni di cittadini, ha annunciato il governatore Vincenzo De Luca, intervenuto al Castello di Lettere in provincia di Napoli, durante l’inaugurazione delle nuove sale espositive museali. «Siamo i primi in Italia», ha dichiarato ai cronisti il Governatore. La distribuzione sarà effettuata in due fasi: subito il vaccino coprirà 1 milione e 800mila cittadini, poi toccherà agli altri 2 milioni e 200mila entro il 15 ottobre. In Campania si accelerano le procedure per le vaccinazioni anti influenzali, in modo da evitare confusione nell’assistenza sanitaria e ospedaliera. Sars-Cov-2, cioé il coronavirus, e le diverse influenze stagionali possono rivelarsi con sintomatologie simili, benché distinte nell’evoluzione dell’infezione. La Regione Campania ha nel frattempo preparato un protocollo che consentirà in 24 ore di distinguere le tipologie di casi.


Il Ministero

MONITORAGGIO FASE 2. REPORT SETTIMANALE ITALIANO. (Ministero della Salute). Diffuso dal Ministero della Salute il Report relativo al periodo 31 agosto – 6 settembre 2020 (aggiornato all’8 settembre 2020). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020). La sintesi. «In Italia si osserva un lento e progressivo peggioramento dell’epidemia di SARS-Cov-2, sebbene inferiore a quello di altri Paesi della stessa area geografica. Anche in questa settimana si rileva una trasmissione diffusa del virus su tutto il territorio nazionale, che provoca focolai anche di dimensioni rilevanti e spesso associati ad attività ricreative che comportano assembramenti e violazioni delle regole di distanziamento fisico sia sul territorio nazionale che all’estero. Questo sta comportando anche una trasmissione locale dalla popolazione più giovane a quella più fragile o anziana, soprattutto all’interno della famiglia, che si riflette anche in un maggiore impegno dei servizi ospedalieri. Si raccomanda quindi di adottare tutte le opportune precauzioni anche in ambito familiare. Il numero di nuovi casi di infezione rimane nel complesso inferiore rispetto a quello di altri paesi europei, ma con un aumento da sei settimane consecutive. La riduzione nei tempi tra l’inizio della contagiosità e l’isolamento resta un elemento fondamentale per il controllo della diffusione dell’infezione. È quindi necessario mantenere elevata la resilienza dei servizi territoriali, continuare a rafforzare la consapevolezza e la compliance della popolazione al rispetto delle misure di controllo, realizzare la ricerca attiva ed accertamento diagnostico di potenziali casi, l’isolamento dei casi, la quarantena dei loro contatti stretti. Per questo rimane fondamentale mantenere una elevata consapevolezza della popolazione generale circa il peggioramento della situazione epidemiologica e sull’importanza di continuare a rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l’igiene individuale, l’uso delle mascherine e il distanziamento fisico. Si raccomanda alla popolazione di prestare particolare attenzione al rischio di contrarre l’infezione in situazioni di affollamento in cui si osserva un mancato rispetto delle misure raccomandate e durante periodi di permanenza in Paesi o aree con una più alta circolazione virale. In questi casi, si raccomanda di prestare responsabilmente particolare attenzione alle norme comportamentali di prevenzione della trasmissione di SARS-CoV-2, in particolare nei confronti di fasce di popolazione più vulnerabili».

IL RAPPORTO REGIONALE. L’analisi dei dati è relativa alla settimana 31 agosto – 6 settembre 2020 (aggiornati al 8 settembre 2020). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020). Leggi il RAPPORTO CAMPANIA aggiornato al primo settembre.


INFORMAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE SULLA APP IMMUNI | immuni.italia.it


FAQ DEL MINISTERO DELLA SALUTE: tutte le risposte alle domande sulla App Immuni | https://www.immuni.italia.it/faq.html


LEGGI ANCHE:

Somministrato il vaccino italiano anti-Covid-19. Istituto Spallanzani: possibile averlo in primavera

Le scuole della Campania riaprono il 24 settembre. Test anti-Covid obbligatori per il personale

Quarantena al rientro in Campania dall’estero e dalla Sardegna fino al 10 settembre

Test anti-Covid per la scuola in Campania su 200mila persone

In Campania al ristorante con la carta d’identità. Mascherine, multe da 1000 euro fino al 9 agosto

Ospedali per l’emergenza coronavirus in Campania, via libera dal Ministero al Piano per 1.240 posti letto

Ad Ariano e Sant’Angelo dei Lombardi diagnosi Covid-19 in 30 minuti. “Ospedali Asl autonomi per i tamponi”

Immunoglobuline iperimmuni contro il SARS-CoV2, Federico II e Cotugno lanciano l’Ipercovid

 

ARTICOLI CORRELATI