Bocciato il bilancio ad Ariano. Il Sindaco Franza parlerà alla città

Il primo cittadino ha preso atto ieri sera in consiglio comunale della mancata convergenza del Centrodestra: "La vostra è un'opposizione politica da campagna elettorale". Terrà una conferenza stampa nei prossimi giorni. Il dibattito in aula

Enrico Franza

Bocciato il bilancio ad Ariano per la seconda volta in consiglio comunale. Il provvedimento che fotografa la situazione finanziaria complessiva dell’ente, integrando le competenze relative alle sue partecipazioni in altri enti e società, non ha ottenuto il via libera dai rappresentanti della maggioranza uscente, che contestano il consuntivo dell’Alto Calore Servizi. Il Sindaco Franza parlerà alla città nei prossimi giorni, per chiarire la propria posizione. Lo ha annunciato nella sua replica, dopo aver preso atto “della volontà politica” delle opposizioni. In pratica, Franza accusa lo schieramento che lui ha sconfitto al ballittaggio di puntare a rovesciare il voto popolare all’interno del consiglio comunale. Si vedrà dopo le sue possibili dimissioni se l’intezione prevalente tra i consiglieri sarà il voto anticipato. Quel che appare certo è che la giunta sembra arrivata al capolinea. Con 9 voti contrari, 5 a favore e 2 astensioni il provvedimento non è passato. Negli interventi di opposizione si è rivelato il giudizio di inadeguatezza per chi oggi collabora con il primo cittadino più che una distanza politica vera e propria.

Il Centrodestra ad Ariano Irpino tra i banchi de Consiglio comunale

IL DIBATTITO.  La seduta era stata aperta dal Vicesindaco Laura Cervinaro, assessore al bilancio del Comune di Ariano Irpino, che ha lanciato un ultimo appello alla responsabilità. Ha chiesto di approvare il bilancio consolidato 2018 per concedere la possibilità all’ente locale di procedere alle assunzioni previste nei prossimi mesi, alla luce dei pensionamenti già calendarizzati del personale amministrativo. Per Carmine Grasso il voto favorevole era un atto dovuto di fronte a responsabilità che vanno oltre le logiche di partito perchè toccano gli intetessi della comunità. “Chiediamo che questo documento venga approvato, perchè ha già avuto parere favorevole del revisore dei conti, e fa riferimento all’operato dell’amministrazione precedente, quindi dell’attuale opposizione. Siamo stati eletti per rappresentare la comunità e dovremo riflettere sul danno che andiamo a creare. Invito tutti ad una riflessione per tornare sui nostri passi e mostrare che c’è un reale interesse”. Per Ruggiero di Fratelli d’Italia.il no al bilancio consolidato riguarda l’Alto Calore da cui ritiene il Comune debba uscire. Dai banchi del Centrodestra,  Filomena Gambacorta ha difeso il no. “Stasera torniamo su un argomento già discusso abbondantemente. Veniamo accusati di creare un danno alla comunità, ma scopriamo all’improvviso che bisognava muoversi in tempo per fare assunzioni”. Secondo la consigliera Gambacorta per procedere con le assunzioni occorreva muoversi prima. “A settembre erano maturi i tempi per attivare le procedure concorsuali, non oggi”, ha concluso, respingendo quello che ha definito il terrorismo della giunta su questo argomento. Per il pentastellato Luca Orsogna “la mancata approvazione del bilancio consolidato sulle partecipate non inciderà in nessun modo sulle società, m ci troviamo a discutere da due mesi di quella che doveva essere una presa d’atto”. Il vicepresidente del consiglio Mario Iuorio ha spiegato le ragioni per cui ha voluto la seduta di questa sera. “Ho fortemente voluto questo consiglio comunale, perchè tutti i presenti devono assumersi la responsabilità di ciò che sta accadendo”. Iuorio ha preannunciato a volontà di rinunciare alle indennità e ha chiesto a tutti di fare altrettanto perchè la responsabilità dello stallo appartiene a tutti. Ma ha accusato il Centrodestra di indisponibilità a collaborare. Anche Iuorio ha accusato tra le righe il Centrodestra di volere le elezioni. Per Raffaella Manduzio è “inaccettabile che il sindaco abbia rifiutato di dimettersi, aprendo un dialogo serio con tutte le forze. Mi sarei aspettata un suo intervento con l’annuncio delle dimissioni”. Ed ha concluso: “Mi auguro che quando il sindaco mostrerà maggiore rispetto nei confronti di tutti i consiglieri e della città, forse questo consiglio avrà la dignità che non ha mia avuto ed è sempre stato umiliato”. Per l’ex sindaco Domenico Gambacorta il problema del Bilancio consolidato riguarda solo il peso del disavanzo prodotto dall’Alto Calore sulle casse del Comune di Ariano Irpino. Bocciato il bilancio ad Ariano, la parola ora passa al Sindaco Enrico Franza.


LEGGI ANCHE:

Comune di Ariano al bivio, verso dimissioni del sindaco

 

ARTICOLI CORRELATI