Ecco la prima auto ibrida ‘arruolata’ dai Carabinieri di Avellino

«EFFICIENZA E RISPETTO PER L'AMBIENTE CON LA TOYOTA YARIS FULL HYBRID ELECTRIC». Il Comando provinciale ha annunciato l'acquisizione in dotazione di un veicolo a prevalente trazione elettrica: «L’Arma dei Carabinieri ha dimostrato nei fatti l’attenzione verso la problematica del cambiamento climatico»

Ecco la prima auto ibrida 'arruolata' dai Carabinieri di Avellino: è una Toyota Yaris Hybrid

Ecco la prima auto ibrida ‘arruolata’ dai Carabinieri di Avellino. Si tratta di una Yaris Hybrid, consegnata al Comando Provinciale. Si tratta di una delle vetture della flotta di 250 Toyota Yaris Hybrid con livrea dell’Arma, per l’impiego quotidiano nei servizi istituzionali.
«La nuova autovettura, che risponde pienamente alle esigenze strategiche di mobilità sostenibile, è stata destinata al Comando Stazione Carabinieri di Avellino», fanno sapere dall’Arma con una nota. «L’Arma dei Carabinieri ha così dimostrato nei fatti l’attenzione verso la problematica del cambiamento climatico, muovendo dei passi importanti nella direzione del progressivo abbattimento delle emissioni nocive intraprendendo la strada della mobilità eco-sostenibile».

Ecco la prima auto ibrida ‘arruolata’ dai Carabinieri di Avellino: è una Toyota Yaris Hybrid

«UN’AUTO ECOLOGICA MA POTENTE». La Toyota Yaris Hybrid «in uso all’Arma è equipaggiata con tecnologia Full Hybrid Electric, in grado di erogare una potenza di 100 CV, che consente di viaggiare in città per oltre il 50% del tempo in modalità elettrica. Il sistema ibrido garantisce emissioni inferiori del 92% rispetto al limite previsto dalla normativa vigente per l’omologazione dei veicoli», spiegano i Carabinieri, illustrando le caratteristiche del veicolo acquisito in dotazione. «Guardando poi agli equipaggiamenti, la vettura si contraddistingue per la classica livrea blu con strisce rosse, disegnata seguendo il nuovo corso stilistico delle vetture dell’Arma: immancabile la coppia di lampeggianti blu nonché i segnalatori luminosi miniaturizzati a LED, che assicurano ai militari la possibilità di avere la massima visibilità anche in condizioni di emergenza. Inoltre, fra i lampeggianti, è presente un faro di ricerca a luce LED». All’interno dell’abitacolo, inoltre, «tra i numerosi apparati presenti, una particolare menzione merita il sistema di comunicazione ODINO che contempla funzionalità in grado di elevare i livelli di sicurezza ed efficienza, quali la geolocalizzazione e navigazione cartografica, la consultazione on line di diverse Banche Dati in uso alle Forze dell’Ordine, nonché la registrazione di video condivisibili in tempo reale con la Centrale Operativa». Altra innovazione, «nella cappelliera posteriore è stato inoltre ricavato uno scrittoio per la redazione degli atti durante le attività, mentre nel bagagliaio sono presenti differenti vani per riporre in sicurezza e ordine tutte le dotazioni tecniche».
Per i Carabinieri di Avellino si tratta di «un’autovettura funzionale, che nulla ha da invidiare a quelle di ‘vecchia generazione’. L’obiettivo è stato dunque raggiunto: coniugare l’efficienza del servizio al cittadino con il rispetto dell’ambiente».

 

ARTICOLI CORRELATI