Dodici ambasciatori del ‘Vino made in Italy’ per l’Irpinia

STEFANO CAMPARINI: PORTE APERTE PER L'IRPINIA. Alla fine di giugno la Vinitaly International Academy (VIA) ha certificato come operativi 12 personalità chiamate a diffondere negli Stati Uniti la cultura e il pregio del vino italiano. Tra i prodotti made in Italy di settore c'è anche la produzione della provincia avellinese, lanciata dal progetto WI-FI – Wines from Irpinia, promosso dal Gal Irpinia e finanziato dalla Regione Campania con 15 aziende protagoniste lo scorso 26 giugno di un Tasting Lab dedicato all’Irpinia a New York. I 12 ambasciatori gettano un ponte sull'Atlantico per le aziende. Ecco come

Dodici ambasciatori del ‘Vino made in Italy’ per l’Irpinia. Stefano Campanini: porte aperte in Florida. La Vinitaly International Academy (VIA) li ha da poco selezionati. E grazie alprogetto WI-FI – Wines from Irpinia, promosso dal Gal Irpinia e finanziato dalla Regione Campania, questi ambasciatori diffonderanno tra i prodotti made in Italy anche quelli irpini. Quindi aziende della provincia avellinese sono state protagoniste lo scorso 26 giugno di un Tasting Lab dedicato a questo proposito all’Irpinia. Organizzato dal «Vinitaly International» a New York, presso il 3 West Club sulla 5th Avenue, a Manhattan, tra il Rockefeller Center e la Radio City Music Hall, l’evento è stato promosso in occasione dell’Italian Wine Ambassador Certification Course. Nell’occasione, la Vinitaly International Academy (VIA) ha completato le selezioni per i 12 ambasciatori del vino negli Stati Uniti, dopo un’intensa settimana di conferenze e degustazioni e un esame finale a New York.

La masterclass alla Vinitaly International Academy con le aziende della provincia di Avellino promossa dal Gal Irpinia a Verona nella’aprile scorso

ECCO GLI AMBASCIATORI DEL VINO. La Vinitaly International Academy (VIA) ha certificato come operativi negli Stati Uniti i seguenti nomi: Rose Thomas Bannister, Sommelier, Rose Thomas Bannister, New YorkBobby Domenick, Sommelier, Vetri Cucina, PhiladelphiaTiziana Forni, Brand Ambassador, Domaine Select Wine & Spirits, New YorkPaola Pavan, Marketing & Sales, Italian Trade Commission, New YorkMatteo Bolla, responsabile dello sviluppo di Stati Uniti e Canada, Valdo USA, New YorkDavid Pinzolo, Marketing & Sales, Ca ‘di Rajo USA, New YorkGianluca Queiroli, Wine Director, Wine Empire, Ashland, MassachusettsSusannah Gold, Marketing & Sales, Vigneto Communication, New YorkAmy Ezrin, consulente del vino, Amy Ezrin Consulting, New YorkAlessandro Boga, importatore / distributore, Wilson Daniels, New YorkDiane Heck, importatore / distributore, Southport Wines LLC, New YorkStefano Campanini, Marketing & Sales, Wine by the Bay, Miami. Il loro compito è educare al gusto del vino di qualità, diffondendo i migliori prodotti che l’Italia produce. Tra questi, è entrato il vino irpino. Tra i 12 ambasciatori selezionati dalla VIA uno di loro, Stefano Campanini, è un esperto imprenditore dell’arte moderna, che dal 2011 si è dedicato allo studio e l’approfondimento del vino italiano e, in questo contesto molto ricco e articolato, quello irpino. Vive e lavora in Florida, in particolare a Miami, dove è impegnato in un progetto che abbina l’arte e il vino, da quelle parti passioni vissute dagli intenditori come una sfida a ricercare e a trovare la massima qualità. Con il titolo ottenuto dalla Academy, ormai componente degli ambasciatori del vino italiano, oggi la sua missione è conquistare alla causa della produzione nazionale lo stato del sole, la Florida, soprattutto nella ricchissima zona meridionale. Campanini attraverso Nuova Irpinia si presenta al pubblico della provincia avellinese, pronto a edificare ponti tra l’Irpinia e gli questo straordinario lembo degli Stati Uniti bagnato dall’Oceano e baciato dal sole.

Stefano Campanini

CAMPANINI: MIAMI SARÀ CONQUISTATA DAL VINO DELL’IRPINIA. Stefano Campanini è uno dei dodici ad aver superato l’esame a New York la scorsa domenica il corso di Wine Ambassador presso il 3 West Club dal 26 al 30 giugno, promosso dal Vinitaly Internazionale Corso degli Ambasciatori dell’Accademia (VIA), con il supporto dell’ICE – Agenzia per il commercio italiano, VIA. Impegnativa la prova finale imposta ai candidati, con un test a scelta multipla; una presentazione video che descrive la storia e il territorio di una vite autoctona; una degustazione alla cieca; e un saggio, una parte scritta. Gli studenti sono incoraggiati a prepararsi per il corso con studi di testo e degustazione, almeno due mesi prima del corso corrente e durante il corso hanno ricevuto lezioni teoriche. Hanno dovuto inoltre degustare circa 250 vini. «È un onore essere stato incluso tra le 200 persone di tutto il mondo che condividono la missione di infondere passione ed educare alla cultura del vino», afferma Campanini, uno dei 204 Wine Ambassador di 33 paesi formati dalla Vinitaly International Academy. Campanini è uno dei tre educatori ad aver ricevuto questo prestigioso titolo nel sud della Florida. Nato a Parma, Campanini ha iniziato la sua carriera negli Stati Uniti come mercante d’arte a New York.

Stefano Campanini e il suo staff in Florida

Prevedendo la domanda di arte americana da collezione, contemporanea e latina nel sud della Florida. Con l’affermarsi in America della Art Basel, è stato uno dei primi galleristi ad aprire uno spazio nel Design District di Miami nel 2004. Nata da un’idea dei galleristi e collezionisti Trudl Bruckner, Balz Hilt e i coniugi Ernst e Hildy Beyeler, la fiera d’arte di Basilea si è affermata negli anni come un importante appuntamento internazionale non solo dal punto di vista del mercato dell’arte, ma anche della ricerca artistica. Dal 2002 la fiera di Basilea realizza anche un’edizione invernale che si svolge ogni anno in dicembre a Miami Beach, col nome di Art Basel Miami Beach. L’evento ha avuto sviluppi a Miami con l’open air museum, radino di artisti di strada provenienti da tutto il mondo pronti a decorare i muri delle warehouse con le loro opere nel quartiere di Wynwood durante la Art Basel, poi a Little Haiti, ambito urbano francofono di Miami.

«Nel 2011, ho deciso di coltivare la passione per il vino, il cibo e l’arte unendoli in una attività a Miami», spiega. «Ho immaginato uno spazio intimo in cui sia gli appassionati di vino che gli esperti d’arte potessero incontrarsi socialmente mentre esploravano le regioni vinicole meno conosciute e più conosciute del mondo, oltre a imparare abbinamenti cibo-vino e suggerimenti sulla gestione delle cantine». Come ambasciatore del vino irpino e italiano (detiene anche il Wine and Spirits Education Trust, WSET Livello 2, titolo ricevuto da una istituzione inglese considerata tra le maggiori al mondo nella educazione e formazione in campo enologico), Campanini spera di essere la prima voce della South Florida nella conoscenza del vino italiano. E chiarisce un punto che anche agli irpini spesso non è chiaro: «Molte persone non sanno che ci sono 590 varietà autoctone italiane! Mi sforzo di rappresentare vini meno conosciuti, ma di qualità molto più elevata di quanto la maggior parte delle persone riesca a fare esperienza basandosi sulla selezione limitata disponibile nei negozi». E spiega: «Con ogni bottiglia che apri, c’è una storia da raccontare. Vorrei presentare alle persone a partire dal vino un intero territorio, la storia, la cultura e la cultura che aggiungono all’unicità dei vini italiani…».

I RIFERIMENTI DI STEFANO CAMPANINI, TRA I 12 AMBASCITORI DEL VINO (MIAMI – FLORIDA). Vino dalla baia – 6942 NE 4th Avenue – Miami, FL 33138 | www.winebtb.com | (305) 455-9791 | info@winebtb.com | @WinebytheBay |#WinebytheBa


A proposito di Vinitaly. Il grande Vinitaly 2019 si è svolto dal 7 al 10 aprile. Ogni anno Vinitaly conta oltre 4000 espositori su un’area di oltre 100.000 metri quadrati e 130.000 visitatori provenienti da oltre 140 paesi diversi con oltre 30.000 tra i principali acquirenti internazionali. L’evento in anteprima di Vinitaly, OperaWine “I migliori vini italiani: 100 grandi produttori”, che si terrà il 6 aprile, un giorno prima di Vinitaly, unirà i professionisti del vino internazionali nel cuore di Verona, offrendo loro l’opportunità unica di scoprire e assaggia i vini dei 100 migliori produttori italiani, selezionati da Wine Spectator. Dal 1998 Vinitaly International viaggia in diversi paesi come Russia, Cina, Stati Uniti e Hong Kong grazie al suo braccio strategico all’estero, Vinitaly International. Per altre informazioni, si può visitare il sito: www.vinitalyinternational.com.


LEGGI ANCHE: 

Gal Irpinia: 15 aziende irpine col “Vinitaly International” a New York

 

 

ARTICOLI CORRELATI