Castagna di Montella Igp, Buonopane: ora il consorzio di tutela

Giovedì, 9 maggio, incontro tematico con produttori e aziende di trasformazione organizzato dalla Lista "Bene Comune" presso il ristorante 'Zia Carmela'. Saranno presenti la Coldiretti, Confagricoltura e la Confederazioni Italiana agricoltori 

«Sono maturi i tempi per un consorzio di tutela della Castagna di Montella Igp». Così Rino Buonopane, candidato sindaco con la lista “Bene Comune”, che ha organizzato per giovedì un confronto sul tema con la partecipazione di esponenti della Coldiretti, di e della Confederazione Italiana Agricoltori. La riunione presso presso il ristorante ‘Zia Carmela’, dalle ore 18.
«Tutelare e rilanciare la Castagna di Montella IGP con scelte strategiche di ampio respiro, legando questo prodotto di eccellenza della nostra terra a un Consorzio di tutela» è necessario «perché è giusto che la qualità della nostra Castagna e la unicità delle sue caratteristiche trovino un adeguato riconoscimento», premete Buonopane, ma «soprattutto perché abbiamo a cuore le sorti dei tanti produttori montellesi e di chi lavora nelle aziende del comprensorio che si occupano della sua trasformazione».
Il candidato sindaco di Montella, che domenica scorsa ha presentato all’elettorato la lista “Bene Comune”, preannuncia così il suo primo incontro tematico proprio sulla Castagna di Montella IGP, «al fine di illustrare ai cittadini come intende tutelare e valorizzare il prodotto qualora fosse affidata loro la responsabilità di guidare l’Amministrazione comunale».
«Per tutelare la nostra Castagna vogliamo andare oltre le dichiarazioni di intenti», aggiunge. «Ai cittadini di Montella giovedì diremo come intendiamo muoverci, illustrando ogni singolo passo, per creare il Consorzio e ottenere dal Ministero delle Politiche Agricole il suo riconoscimento». Inoltre, «spiegheremo perché questo è l’unico strumento che, in sinergia con i livelli istituzionali, può assicurare davvero la tutela del prodotto e, di conseguenza, valorizzarlo, determinando benefici per l’economia del posto».

L’OBIETTIVO DELLA TUTELA. Buonopane precisa gli obiettivi di una iniziativa che punta a lanciare sul mercato il prodotto del territorio in un quadro di garanzie per i produttori. «La globalizzazione imperante richiede questa scelta strategica per distinguere il nostro prodotto, che si caratterizza per proprietà organolettiche uniche, da altre produzioni che i mercati nazionali ed internazionali propongono. Il consorzio servirà proprio a garantire l’applicazione di un disciplinare necessario a fare la differenza e ad evidenziare la bontà e la unicità del nostro prodotto». Di qui l’appello alla partecipazione alla iniziativa. «Giovedì la Montella che vuole il bene della sua gente, dei produttori e di chi lavora nelle aziende di trasformazione si ritroverà per condividere l’inizio di un percorso, di una grande sfida, che con tenacia e perseveranza, insieme ai cittadini, siamo certi di poter vincere».


La locandina dell’evento promosso sulla Castagna di Montella IGP dalla lista “Bene comune”

LEGGI ANCHE: 

Montella, Buonopane: dopo 10 anni Centrosinistra unito più l’ex Udc

ARTICOLI CORRELATI