Turismo enogastronomico e rurale, ecco la ricetta di Mater.ia

Questa mattina all'Istituto agrario Francesco De Sanctis di Avellino un ricco parterre di relatori discuterà delle nuove frontiere del turismo per la provincia di Avellino

“Agroalimentare e Turismo – Fattori aggreganti per lo sviluppo sostenibile in Irpinia”. Questo il tema dell’incontro di questa mattina promosso dall’Associazione Mater.ia presso l’istituto Agrario De Sanctis di Avellino, a cui prenderanno parte Domenico Biancardi Presidente della Provincia di Avellino, Pietro Caterini dirigente scolastico ‘De Sanctis – D’Agostino’ Valentina Taccone presidente dell’associazione Mater.ia, Fernanda Ruggiero referente Nuovi Turismi, Gaetano Pascale di Slow Food Nazionale, Mario Salzarulo del Gal Cilsi e Carmine Santoro di Mater.ia.

ll primo appuntamento, apripista del calendario di eventi formativi e culturali, rappresenta un momento fondante per il turismo, esponendone i suoi caratteri globali per dare spazio divulgativo di tutte le nuove frontiere. Per quanto non sia uno degli elementi di crescita economica interna vista la sua scarsa presenza, il turismo in Irpinia è attuabile attraverso un sostenuto piano di lavoro e sviluppo che ne consente il rilancio del patrimonio materiale e immateriale oltre che identitario del territorio d’appartenenza, pianificando, però, adeguati progetti congiunti ad un’adeguata e pertinente offerta turistica di qualità.

Questo convegno intende, quindi, porre attenzione alle varie tipologie di turismo, dal rurale fino all’enogastonomico, che sono compatibili con il territorio irpino. Da questo epicentro tematico, si andranno a sviscerare tutti gli argomenti inerenti le opportunità, l’economia e l’occupazione in primis, per evidenziare il ruolo fondamentale del turismo all’interno del nostro territorio e per le nuove aziende agroalimentari multifunzionali.

Di rilievo saranno gli interventi delle associazioni, degli enti pubblici e privati, delle aziende del territorio e dei tecnici di settori, mirati ad analizzare i nuovi scenari e le nuove opportunità per la creazione di aziende agricole multifunzionali attente al territorio ad uno sviluppo turistico dell’ Irpinia.