Mirabella, tenta il suicidio con farmaci e alcool. Salvato dai Carabinieri

Segnalato dalla moglie alla stazione di Mirabella Eclano l'allontanamento del coniuge, è stato ritrovato dopo ore di ricerche nei pressi di un bosco riverso a terra. Poi il ricovero all'ospedale di Ariano, dove ora è fuori pericolo

Si era allontanato nella mattinata di ieri, sembra con intenzioni suicide, dalla sua casa di Mirabella Eclano e sarebbe con tutta probabilità riuscito nel suo intento, senza l’intervento dei Carabinieri. Dopo ore di angoscia e ricerche è stato, così, tratto in salvo il 38enne.

La cabina di regia dell’intervento è stata la Stazione dei Carabinieri di Mirabella Eclano dove la giovane moglie, temendo il peggio, segnalava l’allontanamento del convivente.

L’accesso al presidio ospedaliero dell’Asl di Avellino ad Ariano “Sant’Ottone Frangipane”

Veniva così applicato, alla lettera e senza perder tempo, il protocollo previsto per queste emergenze: si è aperto un canale di comunicazione con il gestore telefonico dell’uomo: a distanza di qualche minuto sono state fornite le coordinate per la geolocalizzazione che, elaborate dai Carabinieri grazie al sistema in dotazione, hanno permesso di circoscrivere la zona ove si era recato il soggetto che solo successivamente la moglie riusciva a contattare sul suo cellulare al fine di prendere tempo per scongiurare l’insano gesto ed anche per meglio individuare il luogo, trattandosi di un’ampia zona boschiva.

Qualche ora dopo il Comandante della Stazione, unitamente ad altri due militari, riusciva a localizzare con precisione il 38enne che veniva rinvenuto riverso a terra, ormai quasi esanime, presumibilmente per aver ingerito un mix di whisky e farmaci ansiolitici.
Dopo le prime cure da parte dei Carabinieri, l’uomo è stato trasportato dal servizio 118 all’ospedale di Ariano Irpino dove veniva ricoverato con prognosi riservata.