Prefettura e rappresentanze di commercianti e artigiani siglano un protocollo di contrasto a furti e rapine

Il Viminale stanzia un fondo per aumentare le misure di sicurezza di commercianti e artigiani e sollecita alla installazione degli impianti di videosorveglianza come deterrente e contrasto a fenomeni criminosi. La Camera di Commercio di Avellino incalza: "Nonostante attendiamo comunicazione dalla Regione Campania sul procedimento di fusione con Benevento, sarà aperto un fondo integrativo per sostenere gli imprenditori".

E’ stato sottoscritto in Prefettura, alla presenza dei vertici delle Forze dell’Ordine, un Protocollo di intesa tra il Prefetto Maria Tirone, il Presidente di Camera di Commercio e i responsabili provinciali delle associazioni Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e CNA – Confederazione Nazionale dell’Artigianato, per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni predatori in danno degli esercizi commerciali e artigianali.

La firma del Protocollo si inserisce nell’ambito del nuovo modello di sicurezza partecipata voluto dal Ministero degli Interni, a tutela della libertà di iniziativa economica, allo scopo di far fronte alla richiesta di maggiore sicurezza avanzata dalle categorie degli imprenditori  commercianti ed artigiani. A tal proposito, il Ministero ha stanziato un fondo nazionale, che sarà ripartito fra le province, a cui potranno attingere le associazioni di categoria firmatarie, previa candidatura di progetti.

“E’ stato dato un forte segnale di civiltà” commenta il presidente della Camera di Commercio di Avellino Oreste La Stella al termine dell’incontro. Il protocollo è stato siglato in calce dal Prefetto Maria Tirone, che rappresenta l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato; e dai rappresentanti delle categorie degli esercenti e artigianato. “Si tratta di una misura approvata dal Viminale e ora si dà seguito attraverso la costruzione di reti territoriali. La Prefettura infatti è stata incaricata di dirigere l’iniziativa per la provincia di Avellino, e di spingere sulle misure di sicurezza e prevenzione indicate dal Ministero” continua La Stella. “In particolare il protocollo promuoverà installazioni e utilizzo di videosorveglianza, oltre ad un vademecum per contrastare furti e rapine che ogni associazione dovrà fare proprio e consegnare ai propri iscritti”.

La stipula del protocollo, inoltre, sarà utile a sancire una maggiore collaborazione dei commercianti con le forze dell’ordine presenti sul territorio, al fine di garantire la sicurezza delle attività commerciali, e prevenire fenomeni malavitosi. In vista della fusione della Camera di Commercio Irpina con quella Sannita, il presidente La Stella conferma gli impegni assunti con il Prefetto sull’apertura di un fondo per gli imprenditori destinato agli investimenti in impianti di videosorveglianza. “Gli impianti di videosorveglianza sono costosi, per questo l’istituto camerale di Avellino si impegna a stanziare un fondo, che sarà aggiunto ai fondi ministeriali stanziati nella quota parte per Avellino” spiega.

“Il protocollo non è il risultato di una recrudescenza di eventi” sottolinea il presidente. “Si tratta di un servizio di sicurezza e prevenzione che si fornisce al territorio, e la stipula del documento è solo la conclusione di un percorso” conclude.