Ipercoop Avellino, l’assessore Lepore chiede l’apertura di un tavolo di crisi al Ministero

La Regione Campania e l'assessorato alle Attività Produttive vagliano misure di salvaguardia dei livelli occupazionali da introdurre nel settore del commercio e della grande distribuzione. Soddisfatti i sindacati: "Tuteleremo i 138 lavoratori e tutto l'indotto"

Si è riunito questa mattina l’incontro in Regione Campania per affrontare la vertenza Ipercoop di Avellino. Su convocazione dalla presidente del Consiglio Regionale Rosetta D’Amelio, erano presenti: i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl, una delegazione di lavoratori, i consiglieri regionali irpini, il presidente della commissione Attività produttive Nicola Marrazzo, l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri e all’assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore.

La Presidente del Consiglio Regionale, Rosetta D’Amelio, al tavolo istituzionale della vertenza Ipercoop

“Già nei giorni scorsi avevo incontrato i dipendenti in sciopero davanti al punto vendita Ipercoop di Avellino – dichiara D’Amelio – e avevo assunto l’impegno a convocare in tempi brevi un incontro in Consiglio regionale con gli assessori competenti per la materia”. “Come è noto – continua – la Regione Campania non è direttamente coinvolta in questa vertenza, tuttavia non potevamo restare indifferenti alle richieste dei sindacati e dei 138 lavoratori a rischio licenziamento. Per questo motivo, l’assessore Palmeri ha dato disponibilità a procedere alla convocazione della parte imprenditoriale e, in raccordo con l’assessore Lepore, alla richiesta di apertura di un tavolo di crisi presso il ministero dello Sviluppo Economico”.

L’ingresso alla sede del Ministero per lo Sviluppo Economico

“Più in generale – conclude la presidente D’Amelio -, siamo al lavoro in commissione Attività produttive per l’individuazione  di forme di salvaguardia dei livelli occupazionali nel settore del commercio e della grande distribuzione”.

Vista dal sindacato, e in particolare dalla Cisl e dalla Fisascat, rappresentati dal segretario generale Irpinia Sannio Mario Melchionna e da Raffaele Montuori, l’incontro è da ritenersi soddisfacente in quanto le richieste si ritengono accolte: la riunione con Coop e AZ in Regione prima o subito dopo il 29 maggio, la disponibilità della Regione ad accompagnare il percorso con gli strumenti di politica attiva previsti in regione e a livello nazionale. Inoltre la richiesta da parte della Regione per avere una riunione al MISE con Coop e AZ insieme al Sindacato. “Si tratta di un passo in avanti importante” dichiarano i sindacati. “La vicenda Ipercoop di Avellino deve diventare una vertenza della Campania e anche di interesse nazionale. La nostra attenzione sarà continua e costante per costruire un percorso sinergico e condiviso per garantire il massimo risultato positivo per i lavoratori e per il nostro territorio. Abbiamo interessato le segreterie nazionali del sindacato. Continueremo ad intraprendere tutte le azioni necessarie per tutelare i 138 lavoratori e anche i lavoratori dell’indotto. Adesso attendiamo la data di convocazione della riunione in Regione. Nel frattempo continueremo a stare al fianco dei lavoratori”.