Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, celebrato ad Avellino il 208esimo anniversario

L'IMPEGNO SUL TERRITORIO PROVINCIALE: IN UN ANNO 47MILA RICHIESTE DI AIUTO, IN 200 CASI DA VITTIME DI VIOLENZA. Presso il Comando Provinciale la cerimonia alla presenza del Prefetto Paola Spena. Il comandante Colonnello Luigi Bramati ha consegnato i riconoscimenti ai militari che si sono distinti in attività meritorie

Alla presenza del Prefetto Paola Spena e delle Autorità civili, religiose e militari, si è celebrato questa mattina ad Avellino il 208esimo Anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, celebrato ad Avellino il 208esimo anniversario

La Fondazione dell’Arma dei Carabinieri ha avuto luogo nella Caserma “Nicola Litto” di Avellino, sede del Comando Provinciale, dove hanno partecipato anche una rappresentanza del personale della sede, delle Sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri e Forestali della Provincia, degli orfani e delle vedove dell’Opera Nazionale di Assistenza, oltre ai militari in servizio con i loro familiari. Il tutto è stato impreziosito dalla presenza di alunni della scuola media di Quindici, accompagnati dai loro insegnanti e dirigenti scolastici. La celebrazione ha avuto inizio con il rito solenne dell’alzabandiera per poi proseguire con la deposizione di una corona in onore ai Caduti e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell’Ordine del Giorno del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi.

Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, celebrato ad Avellino il 208esimo anniversario

L’IMPEGNO SUL TERRITORIO PROVINCIALE: IN UN ANNO 47MILA RICHIESTE DI AIUTO, IN 200 CASI DA VITTIME DI VIOLENZA. Il Comandante Provinciale, Colonnello Luigi Bramati, nel corso del suo intervento, ha evidenziato la vicinanza dell’Istituzione ai cittadini, attraverso un modello operativo imperniato sulla prossimità, «l’essere Forza di Polizia per le Comunità e nelle Comunità, con il sacrificio e il sangue dei suoi uomini durante eventi terribili e tragici come il terremoto del 1980». In Irpinia, nell’anno appena trascorso, oltre 47.000 persone si sono rivolte con fiducia alle 67 Stazioni Carabinieri che hanno giurisdizione sui 118 comuni della provincia, per denunciare un reato, per esercitare un proprio diritto, per chiedere un semplice consiglio. E quasi 200 sono state le vittime di violenza che hanno rivolto ai Carabinieri un’accorata richiesta di aiuto. «Ci saremo sempre -ha rimarcato con forza il Colonnello Bramati- per il contrasto a questi crimini odiosi. Fidatevi di noi! Noi faremo del nostro meglio per meritare la vostra fiducia».

Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, celebrato ad Avellino il 208esimo anniversario

L’ARMA DEI CARABINIERI TRA LA GENTE E NELLE SCUOLE PER PROMUOVERE LA CULTURA DELLA LEGALITÀ. Per fare sempre meglio, anche l’Arma, per investire sul futuro, sarà, come sempre nelle scuole, a promuovere nelle giovani leve della società di domani la cultura della legalità che troppo sovente oggi resta confinata in un patrimonio di valori non ancora condiviso da tutti, ha spiegato il Comandante provinciale.

Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, celebrato ad Avellino il 208esimo anniversario

I CARABINIERI IN CAMPO PER LA TUTELA AMBIENTALE. E il futuro non può prescindere dalla consapevolezza dell’importanza e della fragilità dell’ambiente. Anche in questo frangente l’Arma dei Carabinieri ha dimostrato la sua modernità, investendo risorse ed energie sulla tutela ambientale. I Carabinieri Forestali e tutti i Reparti speciali votati alla difesa dell’ambiente sono e saranno sempre più l’epicentro di uno sforzo strutturale, di lungo periodo, che si propone di costituire un baluardo efficace contro tutti gli abusi e le condotte criminali che mettono in pericolo l’ambiente naturale, e con esso i nostri paesaggi, le nostre acque, il cibo che arriva sulle nostre tavole, l’aria stessa che respiriamo. «Con le nostre Stazioni Carabinieri Forestali, ha concluso il Colonnello Bramati, ancora una volta presidi territoriali imprescindibili, e con la cooperazione strutturata, integrata, non improvvisata, con l’Arma territoriale e tutti i Reparti speciali, ci piace pensare di costituire la prima linea della difesa dell’ambiente. E chi se non gli irpini possono comprendere l’importanza di questa tutela, della preservazione della “verde Irpinia”, con le sue bellezze naturali e paesaggistiche impareggiabili». I Carabinieri della provincia di Avellino, siano essi forestali o territoriali, anche in questo importantissimo settore, sono al fianco dei cittadini nella difesa dell’ambiente, e sempre ci saranno, per consegnare alle nuove generazioni un futuro ricco di verde, di pace, di giustizia.


LE RICOMPENSE
  • 1. Maresciallo Capo Gaspare DE LUCA – Encomio Semplice del Comandante Interregionale Carabinieri “Culqualber”, con la seguente motivazione: “ADDETTO A NUCLEO INVESTIGATIVO DI COMANDO PROVINCIALE IN TERRITORIO CARATTERIZZATO DALL’ENDEMICA PRESENZA DI CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, EVIDENZIANDO ELEVATE DOTI PROFESSIONALI, NON COMUNE SENSO DEL DOVERE E SPICCATO INTUITO INVESTIGATIVO, FORNIVA DETERMINANTE CONTRIBUTO A COMPLESSA INDAGINE CHE CONSENTIVA DI DISARTICOLARE DUE SODALIZI CRIMINALI CONTIGUI A LOCALE COSCA DI ‘NDRANGHETA. L’OPERAZIONE SI CONCLUDEVA CON L’ESECUZIONE DI UN PROVVEDIMENTO RESTRITTIVO NEI CONFRONTI DI 21 PERSONE, RITENUTE RESPONSABILI DI ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO FINALIZZATA AL TRAFFICO ILLECITO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E ALTRI GRAVI REATI”. Cosenza, 30 dicembre 2017 – 25 giugno 2020.
  • 2. Luogotenente C.S. in congedo Bruno RONCA, Mar. Magg. Andrea CECCOLA, Brig. Gianluca RESTIERI, V. Brig. Giovanni Donatello SILANO e V. Brig. Alessandro Rocco ONORATI – Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Campania”, con la seguente motivazione: “COMANDANTE E ADDETTI A STAZIONE CAPOLUOGO, EVIDENZIANDO ALTO SENSO DEL DOVERE E NON COMUNE ACUME INVESTIGATIVO, DIRIGEVANO E PARTECIPAVANO A COMPLESSA INDAGINE CHE PERMETTEVA DI DISARTICOLARE UN SODALIZIO CRIMINALE DEDITO ALLO SPACCIO DI STUPEFACENTI, ALLA DETENZIONE DI ARMI ED ALLE ESTORSIONI. L’OPERAZIONE SI CONCLUDEVA CON L’ESECUZIONE DI UN PROVVEDIMENTO RESTRITTIVO NEI CONFRONTI DI 19 SOGGETTI E IL SEQUESTRO DI CIRCA MEZZO CHILO DI SOSTANZA STUPEFACENTE”.

LEGGI ANCHE:

Festa della Repubblica ad Avellino: Italia unita a difesa della Pace

Positivi al coronavirus in Irpinia 159 su 974 test. In Campania: 843 casi e 3 morti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI