‘Quel Viaggio in Inghilterra’, si presenta il libro di Rullo

L'appuntamento è a Nusco il 9 ottobre alle 17,30, nella sede della Misericordia 'Pro Civitate Nusci', in via San Rocco. Iniziativa della Officina Culturale "La Casa di Giuseppe Casciaro"

L’Officina Culturale “La Casa di Giuseppe Casciaro” presentando il primo libro della stagione autunnale, quello di Augusto Rullo “Quel Viaggio in Inghilterra”. L’appuntamento è per il 9 ottobre alle 17,30, nella sede della Misericordia ‘Pro Civitate Nusci’, in via San Rocco. Interverranno Francesca Rullo, Peppino Della Vecchia, Anna Di Paolo, Filomena Marino e Gianni Marino. Sono previsti letture e commenti con l’autore. Augusto Rullo, nato a Nusco il 29 agosto 1955, ha conseguito a Londra la Laurea in Marketing, Advertising and Pubblic Relations che, insieme alla conoscenza della lingua inglese, gli ha consentito di lavorare, viaggiare e confrontarsi con diversi contesti. Di seguito la recensione di Anna Di Paolo.


“Quel Viaggio in Inghilterra” di Augusto Rullo. Locandina della presentazione

“Quel Viaggio in Inghilterra” di Augusto Rullo

Recensione di Anna Di Paolo

Il suo libro è una raccolta di memorie, di esperienze e confronti tra radicamento ed esterofilo, tra familiarità e scoperta, un racconto di vita. Una vita iniziata nella piccola, materna Nusco con mamma Teresa, donna sensibile, conosciuta e ricordata come Sinella, con papà Antonio, uomo coraggioso e dalle innate capacità relazionali e con le linee guida e l’intraprendenza del nonno paterno Giovanni, prima persona a trasmettergli la curiosità per l’inglese. Dopo l’arrivo del primo juke box in Alta Irpinia, dopo la prima collezione delle figurine dei calciatori e dopo aver assistito e contribuito al successo imprenditoriale del ristorante di famiglia “Da Sinella”, Augusto, appena quattordicenne,decide di trasferirsi a Roma per approdare agli studi presso il Collegio Internazionale di Terra Santa. Roma, la città svelatrice di studio, sport, musica, teatro, preghiera, sfondo del primo bacio, ma soprattutto luogo di conferma. Conferma di quel suo continuo bisogno di immergersi in contesti sempre più sviluppati, luogo di conferma di quel suo saper individuare e distaccarsi dal rispettato senso provinciale per approdare alle bramate dimensioni internazionali.
Il grande sogno:Partire per l’Inghilterra. Con infinita gratitudine verso i genitori per avergli consentito un’altra opportunità e verso la fiducia di Marisa, colei che sarà moglie e madre di suo figlio Alessandro, parte per Cambridge, cittadina inglese, nota per le Università frequentate dai più bravi studenti del mondo. Quel viaggio a Londra é il puzzle della sua vita. Un puzzle fatto di tanti colori, di tanti tasselli vari e fondamentali. Il tassello dello studio puro e goduto, dell’approfondimento della lingua, spontaneo e motivato, le parallele forme di lavoro, le nuove amicizie, la possibilità di confrontare la buona e vincente cucina italiana a quelle straniere, in particolar modo con le gradite e richieste tagliatelle alla bolognese di mamma Sinella. Coglie l’occasione di poter assistere dal vivo al calcio inglese, limita, senza mancare di divertimento, la trasgressione londinese nella vita notturna dei pub.Oggi Augusto Rullo, con spontaneità e sensibilità intellettuale, riconosce la preziosità di quel viaggio in Inghilterra, con cui si è formato come bravo manager, apprezzato da varie aziende e si è arricchito culturalmente. Scrive questo libro per poter umilmente raccontare della sua famiglia, del loro percorso di vita, dai sacrifici iniziali ai successi successivi, fino all’ attuale stimata memoria.Lettura fonte di conoscenza, ma soprattutto di consiglio, principalmente per i lettori più giovani. …Sooo good….direbbero.


LEGGI ANCHE:

L’Autonomia Differenziata rispunta nel Def, Controvento: il ddl minaccia in silenzio il Sud

Terza dose vaccino Covid-19 dai 60 anni in su. Circolare del Ministero

La Biblioteca ‘Angelo Troisi’ a Petruro riapre grazie a 20 ragazzi

Le ‘Due Culture’ 2021 dal 21 al 24 ottobre. Programma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI