Licenziamenti alla Whirlpool di Napoli, De Luca: reindustrializzare

La dichiarazione del Presidente della Regione dopo l'intervento a Napoli del Premier Draghi, che ieri ha incontrato la delegazione dei lavoratori e le organizzazioni sindacali

Dopo i licenziamenti alla Whirlpool di Napoli è la reindustrializzazione l’unica possibilità di rilancio dello storico sito produttivo di via Argine.

La Whirlpool di Napoli in via Argine

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca interviene nel dibattito con una propria dichiarazione, al termine di un incontro tenuto ieri dal Premier Mario Draghi con la delegazione dei lavoratori della Whirpool e le organizzazioni sindacali. Con i licenziamenti in atto alla Whirlpool di Napoli non cessa l’impegno delle istituzioni per trovare una soluzione alla vertenza, spiega. In gioco ci sono il destino degli addetti e delle rispettive famiglie, ma anche il futuro di un presidio industriale simbolo per Napoli e per il Mezzogiorno. Per questo, De Luca ha ribadito che «prosegue la mobilitazione per i lavoratori Whirlpool», sottolineando che «si conferma, dopo l’incontro avuto con le delegazioni di sindacati e lavoratori nei giorni scorsi, la gravità insostenibile della situazione».

Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania durante il suo videomessaggio

Alla luce dell’intervento diretto del Governo, «ci auguriamo che l’incontro con il Presidente Draghi possa rappresentare una svolta nella vertenza». C’è una strada chiara davanti a tutti: «Realisticamente occorre utilizzare le prossime settimane per impegnare una delle grandi aziende del nostro Paese in un Piano serio e credibile di reindustrializzazione. I lavoratori sono disponibili». In questo quadro, «la Regione Campania riconferma il suo sostegno anche finanziario a una ipotesi di reindustrializzazione che garantisca realmente il lavoro per le centinaia di dipendenti Whirlpool».


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 sono 48 (tamponi a picco) con 17 morti. Le tabelle

La Campania è zona bianca. Mascherine all’aperto nei centri urbani, nelle piazze e in fila. Le regole

Green pass esteso a bar e trasporti, Governo verso la svolta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI