Aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi, a luglio i lavori. Il programma

INCONTRO DEL GOVERNATORE DE LUCA CON ENAC E GESAC. Alla Regione si è fatto il punto sul Master Plan del secondo aeroporto della Campania integrato con quello di Capodichino. Entro il 2023 si conclude la prima fase

Entrano nel vivo i lavori per l’ampliamento dell’aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi, mentre si attende l’affidamento della progettazione per i nuovi terminal di Aviazione Commerciale e Generale. Ieri mattina a Napoli nella sede della Regione c’è stato un incontro per fare il punto sullo stato di attuazione del progetto di integrazione degli aeroporti di Napoli Capodichino e Salerno Costa d’Amalfi.

Aeroporto di Salerno – Costa d’Amalfi

CAPODICHINO/SALERNO,  INCONTRO CON ENAC E GESAC. Alla riunione con il Presidente Vincenzo De Luca hanno partecipato per l’Enac il Presidente designato Pierluigi Umberto Di Palma e Valentina Silvestri; per la Gesac, Carlo Borgomeo: Presidente GESAC e ASSAEROPORTIRoberto Barbieri Amministratore Delegato GESAC e Paola Bussetti, CFO Direttore Finanziario di Gesac. Quest’ultima è la Società di Gestione degli Aeroporti Campani, impegnata nell’attuazione del Piano di Sviluppo dell’Aeroporto di Salerno, che sarà compiuta per fasi, e consentirà di ospitare presso lo scalo Salernitano circa 6 milioni di passeggeri annui.

IN CORSO LA PRIMA FASE DEL MASTERPLAN: LAVORI APPALTATI E IN CONSEGNA A GIORNI. La prima fase del Masterplan, attualmente in corso, ha un orizzonte temporale al 2023 ed è finanziata per un importo pari a 40 milioni di Euro, e prevede i lavori di allungamento della pista a 2000 metri, di potenziamento delle piazzole di sosta aeromobili e un raccordo di uscita rapida, oltre alle opere propedeutiche ed agli espropri per oltre 21 ettari. L’appalto integrato per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori è stato affidato alla ATI costituita dalla De Sanctis e dalla Edilmoter, impegnate al momento nella redazione del Progetto Esecutivo, la cui consegna è prevista nei prossimi giorni. Si conta, pertanto, di iniziare le attività di costruzione del nuovo Aeroporto entro il 30 luglio 2021, per completare la prima fase nei primi mesi del 2023.

CON LA SECONDA FASE NUOVO TERMINAL DI AVIAZIONE COMMERCIALE. PUBBLICATO IL BANDO DI PROGETTAZIONE.  La seconda fase del Masterplan, ha un orizzonte temporale al 2025, ed è finanziata dalla Regione Campania per un importo di circa 94 Milioni di Euro e prevede il successivo allungamento della pista fino a 2200 metri, la realizzazione dei nuovi terminal di Aviazione Commerciale e Generale, oltre ad altre infrastrutture operative. Sono stati stanziati dalla Regione i primi 7 milioni di euro per la progettazione delle infrastrutture previste in questa fase, ed il relativo bando di progettazione è stato pubblicato dalla GESAC l’11 maggio scorso, con la scadenza per la presentazione delle offerte prevista per il 9 luglio prossimo. Particolare rilevanza sarà data alla progettazione del nuovo terminal di Aviazione Commerciale che sarà improntato ai più avanzati criteri di sostenibilità ambientale, innovazione tecnologica ed eccellenza operativa, e sarà certamente il più moderno Terminal Aeroportuale del Paese. ​

NEL NOVEMBRE SCORSO IL CONSIGLIO DI STATO HA SBLOCCATO I PROGETTI. Nel novembre 2020 il Consiglio di Stato aveva respinto integralmente e definitivamente il ricorso presentato da alcuni cittadini in merito alla compatibilità ambientale del Master Plan del secondo aeroporto della Campania integrato con quello di Capodichino. La contesa aveva causato un ritardo di 9 mesi sulla tabella di marcia dei lavori.


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 sono 120 con 5 morti. Rapporto Variante Delta: 1 caso su 5

Green pass per viaggiare all’estero e in Italia è in vigore da domani. Istruzioni e piattaforme

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI