Si riunisce il consiglio dell’Ato Rifiuti, il coordinamento torna sul biodigestore

Alla vigilia del Consiglio d'Ambito il coordinamento "Nessuno tocchi l'Irpinia" chiede ragionevolezza alla luce della conferma del sito di Chianche per la costruzione del biodigestore. Il fronte di protesta chiama in causa sindaci e consiglieri regionali

Il coordinamento “Nessuno tocchi l’Irpinia” invia una nota in vista della convocazione del Consiglio d’Ambito dell’Ato Rifiuti di Avellino indetto per sabato 26 giugno, per gli adempimenti conclusivi relativi all’approvazione del Piano Provinciale integrato dei rifiuti. “Per una decisione nel segno della ragionevolezza e della responsabilità, per il bene dell’Irpinia intera” premette il Coordinamento.

“Nel Piano, che noi riteniamo incompleto e carente rispetto sia all’analisi che alle proposte sulle misure da introdurre per migliorare la percentuale di raccolta dei rifiuti, è contemplata anche la parte inerente l’impiantistica e in particolare quella che fa riferimento all’importante filiera dei rifiuti umidi e organici che prevede l’ampliamento del già operativo biodigestore di Teora e la realizzazione di uno nuovo. Per quest’ultimo la Presidenza e il Direttore generale hanno confermato l’allocazione nel Comune di Chianche pur sapendo che vi è stato il pronunciamento di bocciatura, attraverso  la sentenza numero 840/ 2021,  emessa dal Tribunale Amministrativo Regionale della Campania.

Riteniamo di aver spiegato compiutamente in tutto questo periodo di tempo le ragioni che ci hanno indotto a ritenere quella di Chianche, per le sue implicazioni territoriali, economiche e ambientali, una scelta sbagliata ma anche per le sempre più probabili ricadute giuridiche e amministrative che ne inficerebbero la stessa realizzazione. Perché questo non lo diciamo più solo noi Sindaci, Comuni, imprenditori, operatori agricoli, associazioni e forze sociali dell’intera Irpinia ma la Magistratura amministrativa la quale attraverso la suddetta sentenza non solo ha dato torto, nella forma, alla Regione Campania, la quale attraverso la sua struttura tecnica aveva ritenuto il progetto non assoggettabile all’autorizzazione di Valutazione Impatto Ambientale, ma di fatti l’ha inficiata nella sostanza in quanto nelle motivazioni del provvedimento ci sono le ragioni di fatto e di diritto  alla base della incompatibilità del sito di Chianche.

Per queste ragioni, al Sindaco di Avellino Gianluca Festa ai Consiglieri Regionali Maurizio Petracca, Livio Petitto e Vicenzo Ciampi, che hanno preso pubblicamente posizione su tale vicenda, rivolgiamo un ultimo appello alla coerenza e alla responsabilità perché non si realizzi un qualcosa che si annuncia di per sé improponibile e dannoso per lo stesso necessario completamento del ciclo integrato dei rifiuti in Irpinia. Sarà un dovere morale di tutti noi soggetti facenti parte di questo Coordinamento assicurare la coerenza di questa battaglia di civiltà portandola, qualora ve ne fosse bisogno, in tutte le sedi competenti, perché sia fatta completa giustizia su una vicenda che già da tempo avrebbe meritato altre soluzioni, che pur esistevano e si rendevano praticabili, ma che solo l’inspiegabile ostinazione della Presidenza dell’ATO Rifiuti non ha voluto vedere” conclude la nota.


LEGGI ANCHE:

Mascherine obbligatorie in Campania nelle piazze, sui bus e nelle file. L’ordinanza

 

ARTICOLI CORRELATI